giovedì 18 luglio 2019

Landing on the Moon : July 20, 1969




"That's one small step for a man, one giant leap for mankind"

Scientists are grappling with our biggest limitation in spaceflight: our own bodies

The human body has evolved, for hundreds of thousands of years, to thrive on the surface of the Earth. But what happens when you take such an earthbound body and put it in the weightlessness of space?


Things get weird.
Astronauts commonly report diminished eyesight upon their return home, possibly because the eyeball changes shape in space and tissues surrounding the optic nerves become swollen. Without the constant tug of gravity, bones become more brittle and muscles atrophy.
Now there’s momentum to send humans into space farther and longer than we’ve ever been before, subjecting our bodies to even more of this strange environment. The White House has tasked NASA with the (hasty) mission of returning to the moon by the year 2024, and establishing a more permanent human presence there. The plan involves a permanent “lunar gateway,” a space station to orbit the moon. Those efforts could lay the groundwork for an eventual crewed mission to Mars, which would place astronauts in space and on the red planet for years.
And there are even more far-fetched dreams incubating. Tech titans Jeff Bezos and Elon Musk have both stressed that humans ought to become an interplanetary species. “We are going to build a road to space,” Bezos said at a recent event unveiling a moon lander design for his rocket company, Blue Origin. “And then amazing things will happen.”
All these grand ideas, potential missions, and dreams of a long-term human presence in space depend on one thing: that our feeble human bodies can handle it. But the truth is, no one knows what happens to a body when it spends more than a year in space, or more than a year living on the surface of the moon.
What we do have is several very important, untested, and unresolved questions on what happens to the human body in space — and how we can protect the brave people who venture out there. Here are three of the biggest unknowns and the biggest risks.

1) How does the human body respond to radiation in space?

This week marks the 50th anniversary of the first moon landing. But since the Apollo program ended in the 1970s, human beings haven’t ventured very far out from our home planet.
The International Space Station is just 254 miles above the surface and is largely protected from the worst of cosmic radiation (streams of subatomic particles that spread through space like shotgun shot traveling at superfast speeds) by the Earth’s magnetism. The moon is nearly 240,000 miles away and offers no such protection. Neither does Mars.
“Radiation doses accumulated by astronauts in interplanetary space would be several hundred times larger than the doses accumulated by humans over the same time period on Earth, and several times larger than the doses of astronauts and cosmonauts working on the International Space Station,” physicists working with the European Space Agency reported in 2018.
When NASA sent the Curiosity Rover to Mars, it found that the one-way trip alone would expose unshielded astronauts to an extra 0.3 sieverts of ionizing radiation, equivalent to 24 CAT scans. That’s 15 times the annual radiation limit for workers at nuclear power plants, but not fatal. (For context, one sievert is associated with a 5.5 percent increase in cancer risk; eight sieverts can kill.)
The effects of this radiation — and how to mitigate them during spaceflight — aren’t entirely known. The only astronauts to have spent much time outside the protective bubble of Earth’s magnetism were the Apollo astronauts.
“There weren’t any genomics study done on astronauts in those days,” says Andy Feinberg, a Johns Hopkins epigenetics researcher who worked on the recent NASA “Twin Study,” which tracked astronaut Scott Kelly and his twin brother, Mark (who served as an on-the-ground control), for a year in space.
“It’s going to be very important to have an extended period outside of near-Earth orbit habitation by astronauts, for a long period of time,” he says, in order to study the effects of radiation on their genes.
NASA maintains a Human Research Roadmap that outlines the knowns and unknowns (the known ones) of risks to the human body in space. The list of gaps is currently very long. And many of them involve exposure to radiation — either in the deep reaches of space, or on the surface of the moon, which offers no protection from cosmic radiation.
For instance, on the road map, NASA reports it’s still working to determine the dose limits of radiation an astronaut can receive before getting seriously sick, and determining what, overall, this radiation does to an astronaut’s immune system. It also doesn’t know the probability that an astronaut will be sterilized (made unable to have children) in spaceflight. They don’t know how much radiation contributes to bone loss. Does radiation in space cause or worsen neurological diseases? That’s another gap.

2) Is there an upper limit for the amount of time a person can spend in space?

In 2015, NASA sought to increase their understanding of the risks of spaceflight by sending astronaut Scott Kelly up there for an entire year — double the length of the typical mission. Because of the mission, Kelly now holds the American record for number of consecutive days in space.
Aboard the space station, Kelly took part in 10 research projects in what NASA is calling the “Twin Study,” ranging from testing his cognitive abilities to assessing how changes to his genes are expressed.
The study is hard to draw conclusions from; after all, it had a subject pool of one. But some results raise new questions. When Scott Kelly returned to Earth after spending a year on the ISS, he wasn’t quite himself. For a year and a half afterward, he scored lower on tests of his cognitive abilities — tests that he actually improved on while in space. “It’s hard to concentrate when you’re not feeling well,” Kelly told the New York Times.
His doctors don’t really know why he had such a long time recovering his mental capabilities.
There are “so many things,” that could contribute to it, says Mathias Basner, a University of Pennsylvania psychiatrist who led Kelly’s cognitive testing. There’s the higher radiation exposure, but also just living in an isolated environment could play a role, he says. Plus, it might be mentally taxing going from a microgravity environment to a full-gravity environment on Earth.
“It takes some time for the brain to adapt to the [space] environment, and apparently it also takes some time to adapt back to the gravity environment,” he says. “There are 20 things going on at the same time” that could all result in changes in cognition.
Researchers also don’t know what it means for the future: On a trip to Mars, an astronaut will, after nearly a year-long voyage in space, have to descend to the surface of Mars. It won’t be ideal for that astronaut to set foot on Mars and have her thinking become clouded.
The overall lesson: There are many stressors in the space environment. They all impact the body and mind in hard-to-understand ways. And again, the twin study was just a year long. What happens to the human body in space on a two-year mission, a three-year mission? We don’t know. There are some clues, and concerns, that things just get worse for astronauts.
One intriguing finding in the twin study was that changes the researchers noted in Kelly’s genome and epigenome (markers on our genes that develop in response to environmental stressors) occurred in the last six months of the mission. What the researchers don’t know is whether those changes would continue to accelerate if the mission was extended beyond a year.
They also don’t know exactly what those genome changes mean for health. Mostly, they appear to be a general indicator of stress. But would researchers see even more — perhaps dangerous — changes if he were to stay longer? “We don’t know what the maximum is,” Lindsay Rizzardi, a Johns Hopkins biologist who studied Scott Kelly’s genome for the twin study, says.
There could be an upper limit for the amount of time a human body can spend in space. To find out, we’ll have to send up more astronauts for a year mission or longer. Including Kelly, only six humans have spent more than 340 consecutive days in space.

3) How does the human mind cope with the isolation and loneliness of space travel?

This may be the biggest, most potentially unsettling unknown. On the NASA Human Research Roadmap, one of the listed knowledge gaps is “identify[ing] psychological and psychosocial factors, measures, and combinations thereof that can be used to compose highly effective crews for autonomous, long duration and/or distance exploration missions.”
That is, how do we make sure crews won’t kill each other on a long, cramped voyage?
The biggest unknown, potentially, is the risk to psychiatric health. A trip to Mars could take place aboard a ship smaller than the International Space Station, potentially with fewer people on board.
What’s more, there would be delayed communications with Earth as the astronauts travel farther and farther away. It will be a long, lonely, cramped journey with bad food, poor sleep, and unnatural light. What happens to people’s minds in those conditions when they last for years?
Basner has also studied what happens to the brains of people who’ve had to stay the winter confined in Antarctica — a perhaps similarly isolating experience. “You can actually see functional and structural changes in the brains of the people overwintering,” he says. “We have seen [brain] volume loss, basically widespread across the brain” in reaction to the stress.
These changes are reversed after the winter ends. But it’s unknown what brain changes might take place in the isolating, stressful conditions of deep space. And for that matter, we’re not sure how to treat them. “Astronauts are going to experience psychiatric problems, because they’re human,” Feinberg says. And not only does NASA need to figure out all the ailments that may befall the human mind in space, but it also has to learn how to cope with them.

Perhaps the scariest risks are unknown

It could be possible that the human body and mind simply cannot withstand living in space indefinitely. There may be an upper limit for the amount of time we spend there.
Whatever the case, we know any long-term mission to the moon, or Mars or beyond is going to be dangerous. It may push the human body to a new limit. But the only way we’re going to find out how to mitigate those risks is for astronauts to continue to undergo rigorous evaluation like in the Scott Kelly twin study. They’re going to have to spend long, lonely hours on the moon or in some place beyond low Earth orbit, and do tests on their bodies, brains, and genetics themselves (they won’t necessarily be able to ship back samples down to Earth for analysis).
There’s a lot to yet discover. Another research gap: NASA scientists would like to know how toxic moon dust is to breathe in. As the Apollo astronauts found out, moon dirt gets on everything, and irritated their noses and lungs.
Scientists would also like to know if the negative effects of low gravity are mitigated on the surface of the moon or on the surface of Mars, both of which have less gravity than Earth. Heck, they’d also like to know if medicines to treat kidney stones work in space. There’s so much to learn.
“The greatest unknowns, and perhaps the most dangerous,” says J.D. Polk, NASA’s chief medical officer, “are those we have not considered or are unaware of, colloquially termed the ‘unknown unknowns.’”
How do we find them? We venture out farther than before. 

Apollo 11, il sito del lancio fotografato dallo spazio

Dal satellite europeo Sentinel-2

Risultati immagini per Apollo 11, il sito del lancio fotografato dallo spazio

Per celebrare i 50 anni dell'Apollo 11, la piattaformadella base di Cape Canaveral dalla quale è partita la missione è stata fotografato dal satellite europeo Sentinel-2.
Il satellite, che fa parte del programma Copernicus gestito da Commissione Europea e Agenzia Spaziale Europea (Esa), ha immortalato la piattaforma 39A, visibile nella parte superiore dell'immagine accanto alla piattaforma 39B, che si trova più in alto.
Dalla piattaforma 39A, 50 anni fa, si sollevò il razzo Saturno V che poirtava in rbita la navetta Apollo 11. L'equipaggio, composto da Neil Armstrong, Michael Collins e Edwin 'Buzz' Aldrin, iniziò così lo storico viaggio verso la Luna, sulla quale arrivò quattro giorni più tardi con il modulo Eagle.
La Luna, rileva l'Esa, ha di nuovo catturato l'attenzione delle agenzie spaziali. Ma mentre 50 anni fa, l'Apollo 11 è arrivato sul lato più vicino è tempo di esplorare il lato più lontano. Lo scopo è esaminare i diversi tipi di rocce lunari per sondare più in profondità la storia geologica della Luna e trovare risorse come l'acqua, che si pensa sia rinchiusa nei crateri permanentemente in ombra vicino al polo Sud della Luna.

Fonte




Unidentified: Former Defense Official Says UFOs are Real | History

Earth Sized Craft Near Sun? Whatever Is Happening Now Can't Be Explained! 2019-2020


Source video: thirdphaseofmoon

Massive Flying Saucer Spotted Near SUN? Plus Much More! Share This with Your Friends! Become a Member! https://www.youtube.com/channel/UCuBP... UFO Youtube Channel Thirdphaseofmoon! Share Your Incredible UFO Videos To the World! Upload your UFO Video To Youtube, Then Copy Paste The Link To My Email! cousinsbrothersproductions@gmail.com Keep Your Eyes on the Skies! We are not Alone! Leymer Rodríguez Shakopee Minnesota https://www.youtube.com/watch?v=rcV-3... double ooh 7 Torquay, uk 14th july 2019 https://www.youtube.com/watch?v=6OGzg... ET Data Base Sun On SOHO NASA https://www.youtube.com/watch?v=hvj4v...

WOW! One Million People Are Ready To Go! Is It Really Going To Happen?


Source video: thirdphaseofmoon

More than 1 million people have signed up to attend the Sept. 20 event in the Nevada desert, and another 919,000 are "interested" in attending Thirdphaseofmoon Merch! https://teespring.com/stores/thirdpha...

UNA CHICA CAPTA OVNI QUE DESACTIVA TORNADO EN ITALIA JULIO 2019 - UFO DEACTIVATES A TORNADO



Fuente video: OVNIS ACTUALES - Enigmas de La Historia


Extraterrestrial Enthusiast Trains to Free Aliens From Area 51 With the Essential Workout Routine

In the wake of over 1.5 million people signing a Facebook petition pledging to invade Area 51, the U.S. Air Force has warned that any attempt to illegally access the site is “highly discouraged.” 

Risultati immagini per area 51 enthusiast sketches
What the fuck are you doing brother!




But that hasn’t stopped one extraterrestrial enthusiast from whipping up a training regimen designed to get his clients in shape for the Sept. 20 raid on the highly-classified military base.
In a video that has since gone viral, personal trainer Don Saladino can be seen putting his client Guy Blelloch through the alien-freeing paces. The out-of-this-world workout routine includes carrying an alien over hurdles to get it to its spaceship, running on the treadmill with an alien on your back, and resisting the alien’s attempts at mind-control — something that Blelloch clearly struggled with.
“He’s not the hero the aliens deserve, but the one they need right now,” Blelloch commented on the video.


“This style of training is untouchable,” added Saladino, endorsing his otherworldly take on a training regimen.
Watch the Area 51 raid training video below.

 Risultati immagini per Extraterrestrial Enthusiast Trains to Free Aliens From Area 51 With the Essential Workout Routine

 Megan McCluskey

Source 

Comment by Oliviero Mannucci: You are not well!

La teoria della testa piatta


Pur non condividendo tutto quello che dice questo signore, invito i terrapiattisti a guardare questo video, a meno che non abbiate  anche la testa piatta. Vi chiarirà alcuni concetti che oramai sono facilmente riscontrabili da tutti. Al signor Mazzucco invece consiglio di andare oltre il velo di Maya. Solo così si può arrivare alla vera scienza, che non è certo quella basata sull'osservazione di fenomeni che sembrano tanto reali quanto lo sono i sogni.

Oliviero Mannucci


Crop Circle - Rodfield Lane - Titchborne - Hampshire - 16th July 2019


Source video: Stonehenge Dronescapes


Visit http://www.cropcircleconnector.com for more info and pictures. My FB page https://www.facebook.com/stonehengedr... https://www.facebook.com/cropcirclesf... Feel free to subscribe and if you would like Email notification then hit the bell icon. #cropcircle #cropcircles #drones&rcflight Dji Mavic 2 Pro Dji Phantom 4 Pro Canon EOS 6D2 Sony Handycam HDR PJ810E Dji Mavic 2 Pro Dji Phantom 4 Pro Canon EOS 6D2 Sony Handycam HDR PJ810E

I manufatti dell’età del bronzo sono stati realizzati con minerali extraterrestri

I meteoriti che provengono dal frazionamento di corpi celesti già formati, contengono principalmente ferro con alti livelli di nichel e cobalto. Questa caratteristica consente di identificare l'origine del minerale utilizzato, nell'elaborazione di questi pezzi interessanti.


Molto prima dell’età del ferro, quando gli umani avevano finalmente sviluppato i mezzi per sciogliere il metallo e creare strumenti, hanno realizzato armi e gioielli in bronzo. Tuttavia, è noto che esistono diversi artefatti di ferro creati durante l’età del bronzo. Secondo un nuovo studio, la composizione di questi artefatti è coerente con un metallo di origine meteoritica.
La ricerca, condotta dallo scienziato francese Albert Jambon dell’Istituto di Mineralogia, Fisica dei Materiali e Cosmochimica, suggerisce che tutti gli strumenti di ferro dell’Età del Bronzo furono realizzati con il ferro proveniente dallo spazio, meteoriti che si schiantarono sulla Terra migliaia di anni fa.

 meteoriti-ferro

La scoperta

Il ricercatore ha utilizzato uno spettrometro portatile a fluorescenza a raggi X per eseguire un’analisi chimica non invasiva di una varietà di artefatti, realizzati in ferro. Questi includono: il pugnale, il braccialetto e il poggiatesta del re egiziano Tutankhamon, risalente al 1350 a.C., un ciondolo di Umm el-Marra del 2300 a.C., cimeli di Gerzeh del 3200 a.C. e altri pezzi della dinastia Shang del 1400 a.C. in Cina.
Una volta effettuate le analisi, si è concluso che tutti i manufatti di ferro realizzati prima del 1200 a.C., sono stati fatti con minerali che sono stati trovati nei meteoriti. Queste rocce spaziali, che nascono dalla distruzione delle stelle, si distinguono per essere composte principalmente da ferro con un alto contenuto di cobalto e nichel.
Secondo il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS), è stato più facile per gli artigiani dell’età del bronzo creare strumenti dal ferro meteorite, poiché non dovevaano subire il processo di fusione che il minerale di ferro terrestre deve sperimentare.
Il dottor Jambon, ricercatore presso l’Università della Costa Azzurra e l’Università della Sorbona in Francia, e autore dello studio ha commentato: “L’età del ferro iniziò in Anatolia e nel Caucaso intorno al 1200 a.C., ma quasi due millenni prima, diverse culture stavano già fabbricando oggetti di ferro. Questi oggetti erano estremamente rari e sempre apprezzati“.
Durante la formazione della Terra, quasi tutto il nichel si spostò verso il nucleo di ferro fuso. Questo rende molto strano trovare il nichel sulla superficie. Tuttavia, i meteoriti che provengono dal frazionamento di corpi celesti già formati, contengono principalmente ferro con alti livelli di nichel e cobalto. Questa caratteristica consente di identificare l’origine del minerale utilizzato, nell’elaborazione di questi pezzi interessanti.

Fonte

Nasa, l’astronauta Jessica Meir: “Gli alieni esistono”



HOUSTON – “Sarebbe ingenuo pensare che ci sia vita solo sul nostro pianeta: credo che gli extraterrestri esistano ma dubito che abbiano l’aspetto degli alieni verdi che vediamo nei film”: a dirlo è una astronauta, Jessica Meir, 42 anni, che il prossimo settembre partirà alla volta della Stazione spaziale internazionale (Iss), effettuando il suo primo lancio in orbita.
Risultati immagini per jessica meir nasa

“Altre forme di vita nell’universo ci sono sicuramente. Statisticamente ci sono state, ci sono e ci saranno, anche se la loro vita potrebbe non somigliare affatto alla nostra e, date le dimensioni dell’universo, del tempo e dello spazio, potremmo non avere mai la prova gli uni degli altri”, ha detto in un’intervista all’Agi la astronauta americana della Nasa, considerata in pole position come prima donna sulla Luna nel 2024 con la missione Artemis.


“Vorrei proprio essere io quella donna. Sarebbe un altro sogno che si realizza. Un sogno nel sogno”, ha dichiarato la Meir, attualmente in training al Johnson Space Center di Houston dove sono entrate nel vivo le celebrazioni per il cinquantesimo anniversario del primo allunaggio.


Nata nel Maine da madre svedese e padre ebreo-iracheno, la Meir ha un dottorato in biologia marina. Ha studiato la fisiologia degli animali in ambienti estremi. “Questa volta sarò io l’animale da studiare”, ha spiegato. “Sull’Iss sarò oggetto di diversi esperimenti, ad esempio sulle risposte del sistema immunitario che risultato profondamente impattate dal sistema spaziale. Esamineremo la salute dei nostri vasi sanguigni in orbita, delle arterie coronarie che sembrano invecchiare più velocemente nello spazio. E’ fondamentale capire perché accade in vista di missioni più lunghe”.

Sarà inoltre impegnata in esperimenti relativi alla combustione, “che potrebbero portare a risultati in grado di migliorare l’efficienza dei carburanti nelle auto e rivelarsi molto importanti per la propulsione dei razzi nelle future esplorazioni spaziali”. Si cimenterà anche nei processi di biofabbricazione e crescita di organi artificiali che in condizioni di microgravità sembra siano agevolati.

Ma in vista della partenza alla volta dell’Iss, la prospettiva più eccitante per la Meir è la passeggiata spaziale. “Ci sono buone chance che io ci riesca” e questa volta “ci sono tute spaziali della giusta misura per qualunque membro dell’equipaggio”, ha risposto, commentando la cancellazione della prima ‘space walk’ tutta al femminile da parte della Nasa lo scorso 29 marzo perché mancava una taglia media.

“Nessuna discriminazione di genere tra gli astronauti”, ha assicurato la Meir, sfoggiando la maglietta della ‘Expedition 62’, indossata con una gonna attillata e tacchi a spillo. In orbita porterà anche dei cosmetici, oltre alle bandiere svedese e israeliana in omaggio ai suoi genitori. “Possiamo portare prodotti per l’igiene e certamente porto come del make up, ma non troppo, cose di base”, ha spiegato, senza entrare nel merito delle difficoltà a truccarsi in assenza di gravità.

Dal prossimo 25 settembre, insieme al cosmonauta russo Oleg Skripochka e ad Hazzaa Ali Almansouri, il primo astronauta arabo inviato sulla Stazione spaziale internazionale, la Meir raggiungerà gli altri sei membri dell’equipaggio Iss, compreso Luca Parmitano, in partenza il 20 luglio, proprio a 50 anni esatti dal primo sbarco sulla Luna. (Fonte: Agi)

Fonte

A Bobbio grande successo per l'incontro sui numerosi avvistamenti ufo

A Bobbio grande successo per l'incontro sui numerosi avvistamenti ufo
Attento interesse del pubblico per il dibattito che si è tenuto domenica scorsa al cinema Le Grazie e che aveva per tema “Val Trebbia: 130 km di mistero”


I relatori
A Bobbio grande successo per l'incontro sui numerosi avvistamenti ufo


Buon riscontro e attento interesse del pubblico per l’incontro/dibattito che si è tenuto domenica scorsa al cinema Le Grazie di Bobbio e che aveva per tema “Val Trebbia: 130 km di mistero”. Una panoramica sui numerosi avvistamenti ufo (o, come si usa dire adesso, Uap cioè Unidentified Aerial Phemomena) che si sono verificati nel territorio che va da Piacenza fino ai limiti di Genova, è stata esposta da Alberto Negri, presidente di Spazio Tesla, che ha supportato la documentazione con interviste a personale graduato dell’aeronautica militare italiana. L’altro relatore, il regista Gianpaolo Saccomano, ha invece affrontato con nuove prospettive il famigerato caso del metronotte Pier Fortunato Zanfretta, rapito più volte dagli ufo a partire dal 1978, e tuttora sottoposto a contatti e condizionamenti da parte di una misteriosa razza aliena dalle fattezze poco raccomandabili. L’incontro ha suscitato l’attenzione del pubblico che se ne è fatto partecipe al punto da raccontare proprie esperienze personali in materia di avvistamenti di oggetti e strane luci nel cielo. Ricordiamo che segnalazioni di questo tipo possono essere comunicate all’associazione Spazio Tesla di Piacenza o al G.U.C. Gruppo Ufo Cremona che le vaglierà con la massima serietà e riservatezza.

Fonte 


Potrebbe interessarti: http://www.ilpiacenza.it/attualita/a-bobbio-grande-successo-per-l-incontro-sui-numerosi-avvistamenti-ufo.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/ilPiacenza.it


Potrebbe interessarti: http://www.ilpiacenza.it/attualita/a-bobbio-grande-successo-per-l-incontro-sui-numerosi-avvistamenti-ufo.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/ilPiacenza.it

lunedì 15 luglio 2019

La Nasa studia la Grotta del Cane, ad Agnano: atmosfera simile a Marte

Gli scienziati statunitensi intendono capire se in un ambiente così inospitale possono vivere forme batteriche. Nella grotta scarseggia l’ossigeno e abbonda l’anidride carbonica
La Nasa studia la Grotta del Cane, ad Agnano: atmosfera simile a Marte
È Napoli, ma sembra Marte: la Grotta studiata dalla Nasa
Tra Napoli e Pozzuoli esiste una cavità che affascina i visitatori da secoli, la Grotta del Cane. Che ora, racconta Il Fatto Quotidiano, attira addirittura l’interesse della Nasa che la studierà perché la ipotizza simile a Marte.Gli scienziati statunitensi intendono usare questo sito ipogeo di 32 metri quadri, scavato nella conca di Agnano, come laboratorio per studiare le possibili forme di vita batteriche in un ambiente così estremo, inospitale come il Pianeta Rosso.
Nella Grotta, infatti, scarseggia l’ossigeno (solo il 7%) e abbonda, invece, l’anidride carbonica (17%). Già Plinio il Vecchio parlava, nei suoi scritti, delle esalazioni nocive di gas sprigionate nell’antro che, nel corso dei secoli, è stato chiamato, non a caso, “antro di Caronte”.
Al suo interno l’aria è tossica e irrespirabile a causa della mofeta, gas a base di anidride carbonica.
La Nasa vuole capire se anche in un ambiente del genere, simile a quello di Marte, possono formarsi colonie batteriche.
La Grotta del Cane è così chiamata perché, nel Seicento, gli abitanti locali erano usi introdurvi i cani per mostrare ai visitatori gli effetti che le emissioni di gas avevano sugli animali. Proprio questi effetti provò a studiare, nel XIX secolo, il medico Pasquale Panvini, introducendosi parzialmente nella cavità. Dovette sospendere la sua ricerca a causa di bruciori, pruriti, formicolii e respirazione affannosa.
Durante il Grand Tour la Grotta attirò anche letterati come Goethe e Dumas padre.

 “Sospesa tra mito e leggenda, la Grotta del Cane ha una fama consolidata. Nessuno, però, finora, l’aveva paragonata a Marte”.

Fonte 

QV89: il meteorite secondo la Nasa è in rotta di collisione con la Terra



QV89 è il nome dell'asteroide che ultimamente preoccupa gli scienziati di tutto il mondo, tanto da essere stato inserito nella lista di quelli più pericolosi. L'argomento è stato infatti discusso anche durante la Conferenza sulla Difesa Planetaria. 



Risultati immagini per asteroide qv29


QV89 è il nome dell’asteroide che ultimamente preoccupa gli scienziati di tutto il mondo. E’ stato recentemente inserito tra gli oggetti extraterrestri pericolosi annunciati dalla NASA durante la Conferenza sulla Difesa Planetaria. Sembrerebbe superare anche Apophis nella scala dei pericoli provenienti dallo spazio. Va inoltre aggiunto che alcuni scienziati hanno scoperto un importante cambiamento che sta avvenendo nello spazio. 
meteoriti che rischiano l’impatto con il nostro pianeta sono infatti aumentati. La storia tuttavia ci insegna che non tutti riescono a raggiungere la superficie terrestre.


Visti i recenti rischi di impatto con asteroidi, gli scienziati stanno effettuando una mappatura di tutti quelli ritenuti pericolosi e a rischio di collisione con la Terra. Sarà poi necessario studiare le contromisure per evitare che episodi apocalittici di questo genere possano verificarsi. Nella lista pubblicata dalla NASA in questi giorni, gli asteroidi che destano più preoccupazione sono proprio QV89 e Apophis.
L’agenzia spaziale avrebbe inoltre menzionato il nome di un altra possibile minaccia per il nostro pianeta, si tratta di Bennu. L’asteroide è caratterizzato da dimensioni paragonabili a quelle del temutissimo Apophis di cui vi abbiamo parlato giorni fa. Tutta questa serie di annunci è arrivata durante la Conferenza sulla Difesa Planetaria, durante la quale si è inoltre detto che QV89 arriverà sulla Terra il 9 settembre 2019.
Tra gli studi compiuti recentemente da ESA il più importante è senz’altro quello che analizza le probabilità di impatto e la distanza di passaggio. Sembrerebbe che QV89 abbia una possibilità di 1 su 7000 e passerà a 6,7 milioni di chilometri.
Nonostante la distanza di passaggio sia maggiore di quella tra Terra e Luna la percentuale di rischio rimane comunque molto elevata. I campi gravitazionali terrestri sarebbero infatti in grado di modificare la traiettoria del corpo, causando l’impatto. QV89 è inoltre grande a sufficienza per superare l’atmosfera e raggiungere la superficie terrestre. Le agenzie mondiali stanno studiando dei metodi efficaci per fronteggiare un eventuale situazione di emergenza, prima che questa diventi catastrofica.

Niccolò Marrocco

Fonte