Statistiche

sabato 28 ottobre 2017

Attenti a quei 2 ( Ufo Seekers ) - Area 51 e dintorni

http://ufoseekers.com/wp-content/uploads/2017/07/UFO-Seekers-Tim-and-Tracey.jpg

Si chiamano Tim Doyle e Tracey Soule i due UFO SEEKERS statunitensi ormai diventati famosi. I due autofinanziano tutte le loro produzioni, non hanno infatti ne attori, ne troupe, ne tecnici per le riprese audio e video. 

https://www.paranormalpapers.com/wp-content/uploads/2017/09/ufo-seekers.jpg

Lo scorso Agosto 2017, sono andati con la loro auto nella contea di Lincoln e sono saliti sul famoso Tikaboo Peak, in Nevada per spiare e riprendere l'Area 51 che si trova non molto lontano da Las Vegas. Non è la prima volta che si recano sul posto, lo testimona l'enorme numero di filmati ripresi dai due ricercatori.


 https://www.ancient-code.com/wp-content/uploads/2017/09/area51-tikaboo.jpg


 Per realizzare quest'ultimo video,che tra poco vedrete, si sono avvicinati  ulteriormente per cercare ancora prove sull'esistenza nella base di UFO e alieni. In questa occasioni Tim e Tracey si sono accampati vicino all'entrata est di Groom Lake, a due passi del confine del perimetro denominato S4 e vi hanno passato qualche giorno.

http://www.hackthematrix.it/wp-content/uploads/2017/02/s4_area_51.jpg

 Da lì hanno potuto osservare test di velivoli sperimentali, UFO e anche il passaggio del famoso autobus bianco con i vetri oscurati, che porta tecnici e scienziati  dentro l'Area 51.

 https://bockenhauer.com/archive/0698/bus.jpg

Le guardie di sicurezza della base, che oramai conoscono più che bene i due UFO seekers, hanno chiamato l'ufficio dello sceriffo della contea di Lincoln per far eseguire i controlli di rito sui famosi ricercatori.

 https://i.ytimg.com/vi/7gATBe2_WHI/maxresdefault.jpg

 Tim e Racey  effettuano sessioni d'osservazione del cielo sopra l'Area 51, 365 giorni l'anno, e hanno effettuato indagini su UFO, Black Project e sulle installazioni militari stesse, per documentare la presenza di UFO nella base. Ma adesso basta chiacchiere, guardate il video qui  pubblicato. Buona visione!

Oliviero Mannucci

Mile Long Mothership Found On Mars?


MYSTERY GLOW Mindbending white and green balls of light spotted over Siberia leaving locals terrified…. so what on Earth ARE they?

Stunning display of light was witnessed across large swathes of northern Russia last night

 RUSSIA has been hit by a wave of reports of a giant UFO in the sky last night — with spectacular pictures of a giant glowing ball illuminating northern Siberia.Social media erupted with claims of "aliens arriving" and locals in far flung parts of Vladimir Putin's empire told of "shivers down their spines".





 A bright ball of mystery light was spotted over northern Siberia last night
A bright ball of mystery light was spotted over northern Siberia last night
 Witnesses were left in awe at the spectacle of light - but some feared it was an alien invasion
Witnesses were left in awe at the spectacle of light - but some feared it was an alien invasion
 The astounding ball of light was witnessed for hundreds of miles
The astounding ball of light was witnessed for hundreds of miles 
"The glowing ball rose from behind the trees and moved in my direction.
"My first thought was about the most powerful searchlight, but the speed of changing everything around changed the idea of what was happening.
"The ball began to turn into an arc and gradually dissipated."
After the multi-coloured light show was over he went home to find local children as young as five in the yard babbling about "aliens" and "the portal to another dimension", he said.

 Eyewitnesses took to social media to speak of their shock at the stunning display
Eyewitnesses took to social media to speak of their shock at the stunning display
 The ball of light was later said to be the result of missile tests
The ball of light was later said to be the result of missile tests 
 The light display took place at the same time as the aurora borealis
The light display took place at the same time as the aurora borealis

Some 520 miles further east, another photographer Alexey Yakovlev admitted to feeling scared as he witnessed the UFO spectacle at Strezhevoi, in the north of Tomsk region, reported The Siberian Times.
"At first I thought - it is such a radiance of such an unusual form, round in shape.
"But gradually the ball began to expand, it became clear that this is not some radiance .... and it became scary ...
"It's good that I was not alone....a group of people cannot hallucinate."
On social media, Anastasia Boldyreva posted simply: "Aliens arrived."

 The ball of light looked like a massive second moon in the sky

The were many similar messages.
Nurgazy Taabaldiev claimed: "It's a gap in the space-time continuum."
In fact local experts suggest there were two clear but most unusual reasons for the eerie spectacle in the Siberian night sky.
The first was that a vivid display of the Northern Lights - or Aurora Borealis - was underway.
This is why photographers were out watching the sky when the suspected UFO appeared.
But the second is that Russian strongman Vladimir Putin had chosen this moment to frighten the West with grandiose military exercises by his strategic nuclear forces.
Missiles tests were underway from submarines and aircraft last night, and the exercises included the launch of a super-powerful Topol rocket from Plesetsk cosmodrome, 550 miles north of Moscow.
From a mobile launcher, it was successfully aimed at the Kura testing range in Kamchatka on the country's Pacific coast.
It was the the trace of this rocket - capable of carrying nuclear missiles - that caused this extraordinary phenomenon in the night sky, say the Russian media.
As photographer Yakovlev accurately guessed: "It seems I accidentally shot the launch of a secret space rocket from Plesetsk".
The launch was then confirmed by the defence ministry in Moscow.
Other missiles were launched from a submarine and aircraft.

Will Stewart 
 

L’incontro con Raymond Szymanski, l’uomo della base Wright-Patterson: “L’evidenza aliena c’è già, ma nessuno lo ammetterà mai”


E’ stato interessante, ai margini del convegno Figli delle Stelle organizzato a Milano dalla collega Sabrina Pieragostini, fare due chiacchiere con Raymond Szymanski.

nintchdbpict000349489696
Raymond Szymanski


L’autore di “Cinquanta sfumature di Grigi – alla ricerca della verità” era uno dei relatori. Una sinossi aiuta a inquadrarlo.

 Ingegnere elettronico, Szymanski è indiscutibilmente il principale esperto della base aerea Wright-Patterson,  di Dayton, nell’Ohio: lì ha lavorato per quasi 40 anni, anche come ingegnere capo del laboratorio di ricerca aerea. Si definisce uno scettico curioso che è diventato un convinto assertore dell’esistenza degli Alieni. Durante i lavori dell’incontro milanese è come se avesse effettuato un viaggio virtuale all’interno della base indicata, secondo la vulgata ufologica, come depositaria di tanti segreti sulla questione extraterrestre. Szymanski ha messo a disposizione anche delle diapositive che sostiene siano non solo autentiche e originali dell’epoca, ma soprattutto in grado di costituire un documento inoppugnabile di certe tesi. E in una di queste, in lontananza, si vedrebbe pure il corpo di un alieno: chi era vicino a lui, al tavolo, ha potuto vedere questo scatto. Una delle varie teorie sulla base, infatti, afferma che in quella struttura militare sono stati ricollocati e analizzati i rottami dei crash di dischi volanti caduti negli Usa e i corpi dei loro piloti. Tra questi resti ci sarebbero stati pure quelli dello schianto di Roswell, cosa questa peraltro già detta dai militari nelle more dell’episodio che ha caratterizzato la località texana. Ecco comunque una breve intervista fatta da me a Szymanski. Alla fine vi dirò la mia impressione.

https://dirkdeklein.files.wordpress.com/2017/07/roswelldailyrecordjuly8_1947.jpg?w=750

Ingegner Szymanski, che che cosa c’è di concreto nella cosiddetta “Ufo evidence?
“Io credo che quanto sia avvenuto a Roswell sia più che significativo. Jesse Marcel, il primo militare che potè maneggiare i resti del crash, e il generale DuBose, che comandava l’8° gruppo dell’Air Force, hanno visionato qualcosa di molto chiaro. Solo chi ha avuto in mano i pezzi può dire che di che cosa si trattasse. Ma gli esami hanno portato a una conclusione: appartenevano a una nave spaziale. Marcel, off the records, aggiunse: “Questa cosa non è terrestre”. Per questa ragione fu trasferita a Wright-Patterson. DuBose ammise che la missione fu portata a termine, in aereo, da un suo pari grado. Quindi, è incontrovertibile che, qualunque cosa fossero quei reperti, furono portati nella base nell’Ohio”.
Perché proprio lì, secondo lei?
“Perché nel 1917 fu creato un grande laboratorio per studiare nuovi materiali ad uso aeronautico. Quella struttura esiste pertanto da 100 anni. E da 30 rispetto ai fatti di Roswell. E’ logico e scontato pensare che se  ci fosse stata la necessità di analizzare materiale “esotico”, il posto giusto sarebbe stato quello: c’era il know how per farlo a tutti i livelli, soldi inclusi”.
Ha mai avuto mai l’evidenza, negli anni di lavoro nella base, che  lì accadesse qualcosa di strano?
“Riferita agli Alieni? O riferita agli Ufo?”
Riferita agli Alieni, prima di tutto.
“No, su quel fronte no. Ma lì c’era sempre qualcosa in evoluzione. Stiamo parlando di una base con 25 mila impiegati. E i laboratori occupavano migliaia di persone impegnate a sviluppare tecnologia del presente e del futuro. Wright-Patterson pullula di documenti classificati”.

511aCsr1MXL._SX331_BO1,204,203,200_
.


Secondo lei la pistola fumante in tema di Ufo e Alieni c’è o non c’è?
“E’ un problema cruciale e delicato. Secondo me bisogna procedere aggiungendo pian piano tesserine al mosaico. Va fatto con pazienza. Una delle mie ricerche, ad esempio, era rivolta a provare la possibilità che lì ci fossero tombe di esseri alieni.  Feci domande, incontrai solo smentite. Ma poi trovai un giornale che parlava di un posto di sepoltura giusto a fianco alla cappella. Il dato rilevante e significativo è che l’ospedale della base è lì a un tiro di schioppo dalla cappella. Sarebbe stato fin troppo facile, in presenza di corpi alieni da nascondere, attraversare la strada e seppellirli lì. Coloro con i quali avevo parlato erano disinformati o mi depistavano? Comunque sia, è bastato unire una serie di aspetti per trovare una possibile quadra”.
Secondo lei ci stiamo avvicinando al giorno della pubblica ammissione dell’esistenza aliena?
“I governi hanno convenienza a farlo? Questa è la prima domanda da porsi. Giappone, Inghilterra e Russia hanno declassificato gli X-files, per cui l’evidenza c’è. Ma nessuno trarrebbe vantaggi dal chiudere il cerchio: andrebbe a catafascio il mondo. Per cui, non diranno nulla”.

wpafb-2
.


Com’è possibile raggiungere la verità?
“La verità già l’abbiamo, non è necessario aspettare i governi. Guardate i documenti del caso di Saint Augustin e quanto è stato scritto: i frammenti metallici, è stato dimostrato, non potevano essere di questo pianeta; c’erano isotopi che non appartengono ai materiali che conosciamo sulla Terra. E quell’episodio si lega a quello di Roswell. Purtroppo la gente non accetterà l’evidenza fino a quando non ci sarà un’apparizione tipo Independence Day. Ed è un peccato ragionare così”.
http://i.imgur.com/OoPW3Uy.jpg
Una scena del film "Indipendence Day"


Lei crede che il presidente Roosevelt abbia avuto un incontro con essere di altri mondi e che abbia scambiato la loro tecnologia con il permesso di prelevare terrestri?
“Sarebbe avvenuto sulla base di Edwards. Non ho investigato il caso, ma pare sia stato possibile. Il presidente era a Palm Springs, dunque non lontano da Edwards.. Aveva un appuntamento da un dentista, ma forse si trattava di una copertura per giustificare le ore di assenza. Non si hanno certezze, ma nemmeno si può escludere che l’incontro ci sia stato”.
Tra i casi di abduction nel mondo, qual è a suo avviso il più significativo?

https://valeriopetretto.files.wordpress.com/2016/04/1913426.jpg
.

“Quello di Travis Walton, il boscaiolo di Snowflake in Arizona. Ho passato una giornata intera con lui, siamo stati alla Sitgreaves National Forest riposizionandoci nel luogo preciso dove dice di essere stato prelevato. La sua è una vicenda molto, molto credibile anche per il fatto che i sei suoi compagni, testimoni dell’episodio, hanno tutti superato più volte il test della verità. Questa è una storia che, comunque la rigiri, non presenta alcuna falla”.
Questo è quanto. Il mio giudizio sull’ingegnere? Dunque, Raymond Szymanski mi ha dato l’impressione di essere un tipo molto furbo, ovvero un personaggio che sa centellinare le sue storie, portandoti al punto in cui tu dici “ecco, adesso arriva l’ammissione”. Ma a quel preciso istante, sa frenare e trovare una buona via d’uscita, senza ammettere ma nemmeno senza smentire o contraddirsi. Credo che persone come lui siano, alla resa dei conti, un po’ un problema per l’ufologia. Ma non ho mai avuto la sensazione di parlare con un ciarlatano, con un visionario o con un poco di buono. Anzi, sono sicuro che Raymond sappia – e abbia i documenti relativi – molto di più di quanto voglia dire. O possa dire. Perché forse anche lui tiene famiglia…

Flavio Vanetti
 

giovedì 26 ottobre 2017

Un misterioso 'intruso' nel Sistema Solare

Forse una cometa, oppure un asteroide

 https://www.annunaki.org/wp-content/uploads/2015/11/Nibiru.jpg

Un misterioso 'intruso' sta sfrecciando nel Sistema Solare, nella regione compresa tra Marte e la Terra: potrebbe essere una cometa arrivata all'improvviso da un altro sistema planetario, oppure un asteroide che sta per essere 'messo alla porta' e spinto verso altri mondi. Ad accoggersi di questa insolita presenza è stato il Minor Planet Center, ossia il centro dell'Unione Astronomica Internazionale (Iau) che si occupa di controllare i piccoli corpi celesti, come asteroidi e comete. La segnalazione è arrivata dal progetto di esplorazione del cielo PanSTARRS, gestito dall'università delle Hawaii.
''Questo oggetto celeste ha il diametro di circa 150 metri e attualmente si trova a 65 milioni di chilometri dalla Terra'', ha spiegato l'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. Al momento, tuttavia, per gli astronomi, non è ancora possibile capire se sia una cometa o un asteroide perchè la sua orbita è insolita: l'oggetto celeste non ruota intorno al Sole ma ha un'orbita aperta. Questo fa pensare che stia solo transitando nel nostro Sistema Solare.
Inizialmente, ha proseguito Masi, si pensava a una cometa arrivata da un altro sistema planetario, ma le osservazioni fatte dal telescopio Vlt (Very Large Telescope) dell'Osservatorio Europeo Meridionale (Eso),  hanno visto che non ci sono segni dell'attività tipica delle comete, ossia  le emissioni di gas e vapori che danno origine alla chioma. "Per questo - ha spiegato l'astrofisico - il Minor Planet Center ha corretto la sigla con cui in un primo momento era stato indicato l'oggetto celeste, ovvero C/2017 U1 (nella quale C sta per cometa) con A/2017 U1: si comincia a pensare che possa essere un asteroide in fase di espulsione dal Sistema Solare''.
Si aspettano  altri dati dalle osservazioni in corso, fra cui quelle del telescopio robotico americano, Tenagra Observatories, partner del Virtual Telescope, che ha già fotografato l'oggetto cosmico, per capire l'identità di questo corpo celeste.

Fonte 

Il Papa all'astronauta Nespoli: "Ma lì è mattina o sera?"


All'italiano il Pontefice ha anche chiesto "qual'è il posto dell'uomo nell'universo"

 "Debbo dirvi buon giorno o buona sera? Quando si è nello spazio non si sa se è mattina o sera...". Così papa Francesco ha salutato Paolo Nespoli, l'astronauta italiano in missione sulla Stazione spaziale internazionale dallo scorso luglio, quando partì alla volta dell'Iss dal cosmodromo di Baikonour, nel Kazakistan.
Collegato dall'Auletta Paolo VI in Vaticano, il Pontefice ha posto a Nespoli una domanda di difficile risposta, chiedendogli quale fosse "il suo pensiero sul posto dell'uomo nell'universo", laddove "l'astronomia ce ne fa contemplare gli orizzonti sconfinati".

http://www.europaquotidiano.it/wp-content/uploads/2014/01/2122001-pope_fra.jpg
Papa Francesco in una curiosa immagine


http://www.lastampa.it/rf/image_lowres/Pub/p3/2013/11/29/Scienza/Foto/RitagliWeb/11157155-k30E-U11006611957rMI-1024x576%40LaStampa.it.jpg
Paolo Nespoli


"È una domanda complessa - ha ammesso Nespoli - mi sento un ingegnere, ma quando si parla di queste cose molto più interne rimango anch'io perplesso. È un discorso molto delicato. Il nostro essere è quello di capire cosa ci sta intorno. Mi piacerebbe che persone come lei possano venire nello spazio in futuro per esplorare cosa vuol dire avere un essere umano nello spazio".

Fonte 

Si apre una nuova era dell'astronomia



Dal segnale generato dalla fusione di due stelle di neutroni una cascata di scoperte

 

Da oggi l'astronomia non è più la stessa: una rivoluzione come quella di Galileo quando puntò il cannocchiale verso il cielo. E' stato infatti catturato il segnale generato dalla fusione di due stelle di neutroni, così dense da costituire uno stato estremo della materia. Lo hanno ascoltato e visto i rivelatori di onde gravitazionali Ligo e Virgo e 70 telescopi da Terra e spaziali, con una cascata di scoperte. L'annuncio in contemporanea in Italia, Europa e Usa. Ruolo cruciale dell'Italia con Infn, Inaf e Asi.
Tre conferenze internazionali in simultanea hanno presentano i risultati da Stati Uniti, Germania e Italia, che ha dato un contributo importante con Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi). Le conferenze sono state trasmesse in diretta streaming da Washington, presso la National Science Foundation, da parte della collaborazione dei rivelatori di onde gravitazionali Ligo e Virgo, da Garching da parte dell'Osservatorio Europeo Australe (Eso) e da Venezia da parte dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa). Trasmessa in diretta streaming anche la conferenza da Roma, al ministero dell'Istruzione, l'Università e la Ricerca, alla presenza del ministro per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca Varia Fedeli.

Un passo in avanti epocale
I risultati di questa importante scoperta sono pubblicati su numerose riviste internazionali, fra le quali Physical Review Letters, Nature e Science, e segnano un passo in avanti epocale nella storia dell'astronomia. E' infatti la prima volta che un evento cosmico viene osservato sia con le onde gravitazionali sia con quelle elettromagnetiche, aprendo l'era dell'astronomia multimessaggero che, sfruttando contemporaneamente segnali diversi, trasforma il modo di vedere e ascoltare l'universo. Per la prima volta, infatti, ci sono gli strumenti per ascoltare contemporaneamente segnali cosmici molto diversi, come le onde gravitazionali, quelli ottici, i raggi X e l'ultravioletto.

Il ruolo dell'Italia
L'Infn ha contribuito a questi risultati con il rivelatore di onde gravitazionali Virgo, che fa capo all'Osservatorio Gravitazionale Europeo (Ego) e si trova in Italia, a Cascina (Pisa). Insieme ai due strumenti del rivelatore americano Ligo (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory), Virgo ha permesso di capire da dove proveniva il segnale dell'onda gravitazionale. L'Inaf, con la sua rete di telescopi basati a Terra e nello spazio, è stato fra i primi al mondo a 'fotografare', riconoscere e descrivere la sorgente del segnale e l'Asi ha contribuito alle osservazioni grazie ai telescopi spaziali dedicati allo studio dei fenomeni più ricchi di energia dell'universo, come le emissioni di lampi gamma. Fra i telescopi a Terra che hanno contribuito alla ricerca ci sono Rem, Vst e Vlt, i telescopi spaziali sono Fermi e Integral, Swift, Chandra e Hubble.

Vista nell'Universo una 'fabbrica' di oro e platino - Per la prima volta è stata osservata una 'fabbrica' di elementi pesanti, come oro e platino. E' la coppia di stelle di neutroni, così dense da essere considerate l'anticamera dei buchi neri, che fondendosi ha generato le onde gravitazionali ascoltate da Ligo e Virgo e poi l'esplosione accompagnata da un lampo di raggi gamma vista dal satellite Fermi e confermata dal satellite Integral dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa). Poi i telescopi, molti dell'Inaf, hanno visto i segnali spia della nascita degli elementi pesanti. 
Dopo decine d'anni è stato risolto il mistero dell'origine di quasi la metà degli elementi più pesanti del ferro ed è arrivata anche la prima conferma diretta che le collisioni tra stelle di neutroni danno origine ai lampi di raggi gamma (o Gamma-Ray Burst, Grb) di breve durata. Le stelle di neutroni sono relitti cosmici, quello che resta quando una stella è esplosa in una supernova e poi la materia è collassata diventando straordinariamente densa e compatta. Quando raggiunge questo stato estremo la materia non è più quella che conosciamo, fatta di atomi con nuclei composti da protoni e neutroni, ma è formata quasi del tutto da neutroni tenuti insieme da forze che impediscono loro di collassare del tutto. Una materia che si trova in questo stato estremo è l'anticamera di un buco nero, impossibile da riprodurre in laboratorio e mai osservata finora. Mentre si avvicinavano inesorabilmente ruotando l'una intorno all'altra, le due stelle di neutroni hanno emesso le onde gravitazionali ascoltate da Ligo e Virgo per circa 100 secondi. Quando si sono scontrate hanno emesso un lampo gamma, visto da Fermi circa due secondi dopo l'arrivo delle onde gravitazionali. Questo lavoro di squadra ha permesso di localizzare le due stelle, indicate con la sigla AT2017gfo, nella periferia della galassia NGC4993, in direzione della costellazione dell'Idra e alla distanza di 130 milioni di anni luce. Puntando in quella direzione i telescopi spaziali e a Terra gli astronomi, con l'Inaf in prima fila, hanno visto la fusione della coppia di stelle nella luce visibile, ai raggi X, ultravioletti, infrarossi e nelle onde radio, osservando i segnali spia della formazione dei metalli pesanti. Hanno contribuito all'osservazione telescopi spaziali, come Integral e Swift, ai quali partecipa l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Chandra (Nasa) e Hubble (Nasa-Esa), e telescopi a Terra come Rem (Rapid Eye Mount) e quelli dell'Osservatorio Europeo Australe (Eso) Vlt (Very Large Telescope e Vst (Vlt survey telescope).

Onde gravitazionali viaggiano alla velocità della luce - Le onde gravitazionali viaggiano alla velocità della luce. E' un altro risultato ottenuto dai rilevatori Ligo e Virgo e dal satellite Fermi. I dati dimostrano ancora una volta che Einstein aveva ragione. Il fenomeno era stato infatti previsto oltre un secolo fa dalla teoria della relatività. I dati raccolti da più strumenti hanno anche permesso di misurare la costante di Hubble, ossia la velocità di espansione dell'universo.
Fisici e astrofisici hanno ricostruito la straordinaria corsa dei due segnali emessi dalla fusione delle stelle di neutroni avvenuta nella periferia della galassia NGC 4993, nella costellazione dell'Idra, alla distanza di 130 milioni di anni luce dalla Terra. Da lì sono partite le onde gravitazionali ricevute dai rivelatori Ligo e Virgo, che si trova in Italia e al quale l'Italia partecipa con l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e da lì è partita anche la luce del lampo gamma che ha accompagnato l'esplosione e che è stato visto dal satellite Fermi della Nasa, al quale l'Italia partecipa con l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi). "Sappiamo che entrambi i segnali hanno viaggiato per 130 milioni di anni e che il segnale luminoso è stato osservato 1,7 secondi dopo quello dell'onda gravitazionale", ha detto all'ANSA il fisico Gianluca Gemme, coordinatore nazionale di Virgo per l'Infn. Questa differenza nei tempo di arrivo dei due segnali è stata calcolata in un numero estremamente piccolo e sostanzialmente è corretto dire che le due velocità si equivalgono, come aveva previsto Einstein.



I COMMENTI
Fedeli, meraviglioso risultato, frutto di uno sforzo congiunto - Un meraviglioso risultato frutto di uno sforzo congiunto nel quale l'Italia ha avuto un ruolo molto importante: così il ministro per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca, Valeria Fedeli, ha commentato i risultati della prima osservazione della nuova astronomia, basata su un 'coro' di strumenti diversi e per questo chiamata multimessaggero. "Ci congratuliamo con tutta la comunità scientifica mondiale, che ha avuto la volontà e la capacità di coordinarsi in modo così efficace da portare a realizzazione il progetto, perseguito da anni, di dare inizio a una nuova astronomia", ha detto. "E' motivo di soddisfazione per noi il ruolo che ha avuto il nostro Paese, grazie all'Infn con Virgo - l'esperimento che ha rivelato le onde gravitazionali consentendo di localizzare la sorgente nel cielo - all'Inaf con i telescopi Rem, Vst e Vlt, e all'Asi con i satelliti Integral e Swift, che tutti assieme con le loro osservazioni hanno ricavato l'eccezionale abbondanza di risultati scientifici oggi presentata".
Un ringraziamento quindi da Valeria Fedeli a "tutte le ricercatrici e i ricercatori italiani, che con grande passione, dedizione e visione hanno lavorato a questo straordinario progetto di ricerca, mettendo a frutto le formidabili competenze scientifiche distribuite nei tre enti nazionali. Lo sforzo congiunto di tutti loro - ha concluso - ha permesso il conseguimento di questo meraviglioso risultato, ottenuto in virtuosa collaborazione con le colleghe e i colleghi dei maggiori centri di ricerca del mondo".

Ferroni (Infn), nuove risposte sull'Universo - Da oggi cambia il modo in cui è possibile rispondere alle domande sull'universo: per il presidente dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Fernando Ferroni, è questo il grande risultato della prima osservazione di una sorgente di onde gravitazionali da parte di un coro di strumenti. "Un modo completamente nuovo di cercare risposte alle nostre domande sull'universo. È questo il significato della scoperta che oggi celebriamo", ha rilevato. Un risultato che "ci fa gioire. Come donne e uomini di scienza, perché - ha aggiunto - avere a disposizione nuovi strumenti di indagine è per noi bello quanto avere nuovi interrogativi cui dare risposta. E come persone, perché questo traguardo è stato conquistato grazie all'impegno congiunto di migliaia di noi". In particolare, ha concluso, "come Infn siamo felici perché abbiamo dato un contributo fondamentale per l'ottenimento di questo risultato e ciò rappresenta il coronamento di un progetto ambizioso, Virgo, iniziato oltre 20 anni fa dal visionario e tenace fisico Adalberto Giazotto".

D'Amico (Inaf), un torrente di pubblicazioni - Un grande successo per l'Italia e orgoglio per il grande numero di pubblicazioni scientifiche firmate da ricercatori dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf): per il presidente dell'Inaf, Nicolò D'Amico, la prima osservazione della sorgente di un'onda gravitazionale fatta da circa 70 strumenti è "un grande successo per il Paese e un grande successo per il nostro ente, l'unico al mondo che possiede al suo interno tutte le risorse intellettuali e strumentali per osservare l'universo a tutte le lunghezze d'onda, da terra e dallo spazio". Per D'Amico "la presenza autorevole delle nostre ricercatrici e dei nostri ricercatori nel torrente di articoli che straripano oggi nelle più prestigiose riviste scientifiche internazionali è per noi motivo di grande soddisfazione e orgoglio".

Battiston (Asi), è una giornata storica - Una giornata storica che segna l'inizio di una nuova era: il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Roberto Battiston, giudica un passo in avanti epocale la prima osservazione congiunta della sorgente di un'onda gravitazionale, fatta con strumenti di tipo diverso. "E' una giornata storica per la scienza e si apre una nuova era per la ricerca spaziale. Da anni - ha rilevato - attendevamo la nascita dell'astronomia multi messaggero, che sfrutta i vari tipi di radiazione che raggiungono la Terra dagli angoli più remoti dell'universo". Per questo, ha aggiunto, "i risultati presentati oggi da osservatori terrestri e spaziali, gravitazionali ed elettromagnetici aprono una nuova era nello studio dell'universo. È stata confermata, ancora una volta, la validità della teoria della relatività di Einstein che prevede che anche le onde gravitazionali viaggino alla velocità della luce".
n grande risultato nel quale, ha detto ancora, "la ricerca italiana ha avuto una parte importantissima, dimostrando di saper coordinare i diversi ambiti e diversi tipi di strumentazione, a Terra e nello spazio, facendo parte a pieno titolo dei più importanti network di ricerca mondiali. L'Asi - ha concluso - è già impegnata per raggiungere la prossima frontiera, la realizzazione del grande interferometro Lisa per la rivelazione delle onde gravitazionali nello spazio, capace di moltiplicare di ordini di grandezza la sensibilità a questo nuovo tipo radiazione".

PARLANO I RICERCATORI

D'Avanzo (Inaf), osservazioni storiche  - Sono "risultati di portata storica", quelli presentati oggi a Roma, così numerosi e rivoluzionari da lasciare senza fiato, ha detto all'ANSA Paolo D'Avanzo, dell'osservatorio di Brera dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e autore con Elena Pian dell'articolo pubblicato sulla rivista Nature. "Il fenomeno che abbiamo osservato - ha proseguito - è stato causato dalla collisione di due stelle di neutroni, vale a dire due relitti stellari, tutto ciò che resta di stelle massicce quando collassano come supenovae. Per avere un'idea della loro densità possiamo immaginare l'intera umanità compressa in una zolletta di zucchero". Gli astronomi sono entrati in campo non appena i rivelatori di onde gravitazionali Ligo e Virgo hanno "localizzato con una precisione mai raggiunta prima la direzione cielo da cui proveniva il segnale. Quindi abbiamo cominciato una ricerca accurata in tutte le galassie finché non siamo riusciti a trovare quella in cui si era accesa una nuova luce, e la luce di quelle stelle in collisione era la controparte elettromagnetica del segnale rilevato dalle onde gravitazionali".

Gemme (Infn), risultati senza precedenti - Sono "senza precedenti" i risultati scaturiti dalla prima osservazione corale della collisione di due stelle di neutroni. "Non ho mai vissuto un'esperienza simile" ed è "la prima volta in assoluto che si studia una sorgente utilizzando circa 70 strumenti da Terra e dallo spazio", ha detto all'ANSA il fisico Gianluca Gemme, coordinatore nazionale del rivelatore Virgo per l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) . La scoperta delle onde gravitazionali, ha aggiunto, "è stata un momento storico, ma la ricchezza delle osservazioni venute in seguito è ancora superiore perché il numero di strumenti e di comunità scientifiche coinvolti in questa nuova osservazione non ha precedenti. Credo sia un fatto unico". Certamente, ha aggiunto, "è l'inizio dell'astronomia multi messaggero", la nuova astronomia che si basa su segnali che viaggiano su lunghezze d'onda diverse, come quelli ottici, i raggi gamma, i raggi X, l'ultravioletto. "In tutto questo - ha rilevato - l'ingresso di Virgo è stato determinante" e complessivamente, ha aggiunto, "abbiamo ottenuto una quantità di risultati estremamente interessanti che ci ha letteralmente travolto". Oltre a essere il primo segnale prodotto da due stelle di neutroni, quello rilevato il 17 agosto 2017 e reso noto oggi è "il segnale più forte e il più vicino mai osservato, da masse molto piccole". E' infatti avvenuto alla distanza di 130 milioni di anni luce, contro il miliardo e mezzo di distanza dei primi due buchi neri ascoltati nel 2015 dai rivelatori di onde gravitazionali.

Donnarumma (Asi), grande cooperazione - E' l'inizio di una grande cooperazione, uno straordinario gioco di squadra fra i telescopi basati a Terra e quelli spaziali: Immacolata Donnarumma, dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), è entusiasta del nuovo scenario che si è appena aperto nell'astronomia e nel quale ha avuto un ruolo molto importante il telescopio spaziale Fermi della Nasa, al quale l'Asi partecipa attivamente. Il telescopio spaziale Fermi ha contribuito soprattutto con lo strumento Gamma-Ray Burst monitor, il rilevatore di lampi gamma che è riuscito a catturare un segnale durato pochissimi secondi. "Rivelatori come questo osservano grandi porzioni del cielo ed è molto importante avere un grande campo di vista", ha detto Donnarumma all'ANSA. Forse si deve anche a questo se "Fermi visto il lampo gamma in coincidenza con il segnale delle onde gravitazionali rilevato da Ligo e Virgo". Il satellite subito ha attivato anche il suo 'occhio' più penetrante, chiamato Lat (Large Area Telescope), "ma un fondo di particelle ha impedito di fare osservazioni. I ricercatori non si sono persi d'animo, cercando un'emissione ritardata, ma nulla. Tuttavia - ha aggiunto - le osservazioni fatte hanno permesso di stabilire limiti importanti alla luminosità di questo oggetto". Sono entrati in campo anche altri due satelliti nei quali l'Italia ha un ruolo importante, come Agile e Integral. Per il futuro, ha concluso, si preparano almeno due sviluppi importanti: il primo è legato a una cooperazione sempre maggiore fra i telescopi basati a Terra e quelli spaziali; il secondo dipenderà dal futuro rilevatore spaziale di onde gravitazionali, Lisa (Laser Interferometer Space Antenna), il cui lancio è previsto nel 2034.

I risultati sulla nuova astronomia sono stati dedicati al papà di Virgo, Adalberto Giazotto - Il fisico visionario che 30 anni fa ha avuto l'idea di costruire il rivelatore di onde gravitazionali Virgo. "Vorrei che da qui tutti mandassimo a Giazotto uno straordinario saluti perché è il padre dei risultati presentati qui oggi", ha detto il ministro per l'Istruzione, Univerità e Ricerca, Valeria Fedeli, nella conferenza organizzata al ministero con Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi). A Giazotto, che non ha potuto essere presente per motivi di salute, sono andati anche i saluti e i ringraziamenti di tanti ricercatori. "Ho un grande rammarico che Giazotto oggi non sia qui al mio posto", ha detto il fisico Gianluca Gemme, coordinatore nazionale del rivelatore Virgo per l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). "Siamo figli - ha rilevato il presidente dell'Infn, Fernando Ferroni - di persone che, come Giazotto, hanno avuto un'idea e pensavano a un progetto 30 anni fa".




Fonte

Vulcani, due ricercatori al telefono: «I valori aumentano ma dicono che è tutto ok, qualcosa non torna»

La telefonata all’attenzione della Procura di Napoli

 http://www.vesuviolive.it/wp-content/uploads/2014/10/eruzione.jpg

PR«Io ho letto il Bollettino Mensile Ingv dei Campi Flegrei, che mo’ è uscito pubblicato secondo C. che fa la parte geochimica, veramente stiamo inguaiati avendo rapporto Co2/H2o in aumento, stiamo in pressurizzazione, ci sono continui afflussi di magma. È vero quello che scrivono loro o scrivono stronz... ? Perché da un lato tutto aumenta. È aumentato almeno di due volte quello che era il livello 1982-84, quando ci fu il bradisismo. Quindi o siamo in prossimità di un nuovo bradisisma o ancora peggio di quello del 1982-84 oppure loro mettono figure “a c…”, perché io non capisco più. O dite che aumenta e quindi debbono in qualche modo aumentare il livello di allerta».
RI «Il problema è questo: se C… o chi per lui dice che lì ci sono strumenti (nella sede Ingv Napoli, ndr) che sono inutilizzati, tra l’altro tu mi ha detto che ci sono strumenti del Vulcamed, che non si sa che fine abbiano fatto. Quelli vanno utilizzati».
PR«Ci sono gli strumenti della Regione Campania. Quelli del Vulcamed e Sistema e poi ce ne è un altro ancora che è proprio della Regione Campania, che ci ha dato circa tre milioni di euro e mezzo di strumenti, che dovremmo fare il comodato d’uso, etc… dovremmo metterli a norma».
RI«Quanto tempo fa li hanno dati».
PR «Nel 2015».
RI «Benissimo. Dal 2015 in poi questi strumenti andavano classificati, inventariati e installati, per legge».
PR «E certo».
RI «Altrimenti hanno fatto un abuso all’erario».
PR «Ma se per questo loro hanno fatto un altro scempio alla Solfatara di Pozzuoli perché loro dicono nei Bollettini Ingv dei Campi Flegrei che la zona di emissioni si è allargata, perché non hanno fatto fare una verifica? Là sono morte tre persone...».
RI «Allora il problema è molto semplice: se alla Solfatara hanno chiuso, B. doveva ‐ fuori dell’area della Solfatara sotto sequestro, far fare il monitoraggio dei pozzi, lo fai nei pozzi, lo fai nelle sorgenti, non lo fai alla Solfatara, ma lo fai…tu devi comunque far fare il monitoraggio ai due geochimici nell’intorno della Solfatara. Prendi dieci pozzi e lì….».
PR«Ma basta andare fuori».
RI «Esatto. E invece C. dice essenzialmente, che essendo lui (solo in due persone) chiusa la Solfatata non c’è monitoraggio geochimico».
PR «Però per sfizio, fai conto che tu fossi un’analfabeta, che non sa né leggere né scrivere e guardati le figure che mette C. sul discorso della CO2/H2O, etc… leggi per sfizio, guardati un attimo quelle figure e dimmi da profano cosa capisci, rispetto al 1982-84. Un abitante di Pozzuoli, guarda queste figure in cui la zona fu evacuata per rischio eruzione e poi dimmi se ti vedi le deformazioni, scopri che sono aumentate, tu guardi la parte geochimica e scopri che il flusso, il valore è divenuto tre volte tanto, senza sapere né leggere né scrivere e dimmi se loro non stanno dicendo che stanno vicino all’eruzione o no. Tu cosa pensi: ti viene in mente che devi scappare…. O è vero quello che dice il bollettino e cioè che stiamo per esplodere o è vero quello che fa il Dipartimento di Protezione civile e cioè che non aumenta il livello di allerta. Qualcosa non torna capisci ?... Io onestamente non credo ai grafici di C. perché loro… hanno sbagliato una formula. E quindi quel grafico può salire o scendere: non c’è l’errore. Abbiamo visto che il termometro misura +/ 60 °C e per quello che mi riguarda tutte quelle cose potrebbero non essere acclarate scientificamente. La verità è che lui tiene 15 strumenti che non può far funzionare… Per me quello che scrive quello che dice il bollettino per me è scientificamente tutte stronz… Loro scrivono che: “stanno per eruttare” e questo mi dispiace. Però non lo dicono, lo scrivono in maniera criptica, di modo che il cittadino non capisce un “c … però loro si stanno parando il cu… dicendo io ve lo avevo detto. Stanno giocando in maniera poco corretta, omettendo la verità alla Protezione civile. Tu mi scrivi che è tutto a posto e che non ci sono trend significativi e poi me lo metti in aumento ogni settimana, ogni mese, mi metti delle figure con tutto che aumenta, la temperatura, la sismicità, flusso … Il rapporto CO2/H2S, aumenta tutto, aumenta e poi mi dici: non ti preoccupare che è tutto sotto controllo E sono dei valori di gran lunga superiori a quelli del 1982-84. Quindi mi stai prendendo in giro».
PR «Io fortunatamente sono scienziato, per me non sta succedendo niente, però le figure che mettono indicano che sta succedendo… Io l’ho scritto al presidente e al Dipartimento di Protezione civile… riunitevi, prendete una posizione perché se ha ragione il bollettino Ingv Campi Flegrei voi dovete evacuare la zona perché stiamo per eruttare, capisci che voglio dire…Io l’ho scritto a loro e chiaramente non mi hanno risposto…». 

Alien BOMBSHELL: US Navy ‘filmed UFO that DEFIED PHYSICS’, former Area 51 insider claims

A BIZARRE UFO that "defied physics" outmanoeuvred several F-18 pilots during a terrifying encounter, a former senior US national security chief who spent time at the mysterious Area 51 military base has sensationally claimed.

 

US Navy personnel aboard the USS Nimitz even filmed the UFO during the encounter that lasted several hours, according to Chris Mellon.
Mr Mellon served for almost 20 years in the US federal government in a series of national security positions roles under presidents Bill Clinton and George W Bush.
The ex-national security chief, who had high-level clearance, was on a committee with oversight of all Department of Defence (DoD) special access programmes and spent a decade on the Senate Intelligence Committee, is one of a number of former senior government insiders who have gone on record about UFOs after joining truth-seeking organisation To The Stars Academy, set up by former Blink 182 frontman Tom DeLonge.
Mr Mellon, who also work on classified projects at Area 51 in Nevada, detailed the astonishing incident that reportedly happened off the coast of San Diego in broad daylight.
He said the Mimitz, a five billion dollar warship with a crew of thousands, was operating there, escorted by the USS Princeton, an Aegis class cruiser.
Mr Mellon said: "Imagine these ships engaging in a routine training exercise when an unidentified aircraft with a small radar cross section appears on the radar heading directly towards the battlegroup.
Chris-Mellon-UFOGetty*Chris Mellon
 
UFO BOMBSHELL: The US Navy encountered a bizarre UFO off San Diego.
 
UFO-Nimtz 
You Tube
 
The UFO as captured on US Navy camera.
 
Source 

Top 25 Cities For UFO Sightings In The US

People are fascinated with rankings, and UFOs are no different. People want to know where the top UFO hot spots are. So here it is: the top 25 cities in the U.S. for UFO sightings!




When we published our book, UFO Sightings Desk Reference: United States of America 2001-2015, back in March, we only took the data resolution down to the county level. When we were formatting the book, we realized that adding a listing of UFO sightings down to the city level would double the size of the book. The incredible amount misspellings in the cities field also posed a problem.
There wasn’t an easy solution to the problem, and trust me when I say spell check was only going to add to the problem. The answer was old-school manual editing of over 120,000 records. The data base is looking good now but still needs a bit of tweaking.
I do feel comfortable sharing the top 25 U.S. cites with the most UFO sighting reports. Before we start I must point out that some of you will simply comment that each of these cities are major population centers. To that I say this: To have reports you need observers, and larger metropolitan areas have lots of potential observers. But keep in mind that big cities have serious light pollution issues, being able to report sightings at all under these conditions is very telling.
Phoenix, Ariz., tops the list at No. 1, while Arizona ranks No. 7 in the country UFO sightings. Why Phoenix you might ask? Well, ever since the Phoenix Lights event in 1997, residents of Phoenix and Maricopa County has been very diligent in reporting what they see.
Second on the list was Las Vegas, Nev., which, frankly, surprised me for two reasons. Nevada only ranks 26th in the country for sightings. That said, I did get a lot of social media traffic from there about any sightings. Of course, they admit to not reporting it. Also, Las Vegas is constantly lit up, day and night, so the light pollution is terrible. Perhaps it’s because Las Vegas is a stone’s throw from Area 51; enough said.
Third on the list is Seattle, Wash. Washington ranks No. 3 in the country. I had thought that it was a toss up between Seattle, Wash, and Portland, Ore., as both regions of the Northwest host heavy UFO traffic. Portland, Ore., ranks fifth and Oregon ranks 13th nationally.
Not to be forgotten, Chicago, Ill., comes in at No. 4. Illinois ranks No. 8 in the U.S.
Finally, I must take a moment and discuss the city in 6th place. Last spring when the book came out, it was noted in the west coast media that California was No. 1 for UFO sightings. They were also quick to point out Los Angeles County was the No. 1 county for UFO sightings in the country. Many people mistakenly equated that with the city of Los Angeles. I’m here to set the record straight. Los Angeles ranks No. 6 in the country for cities.
We must remember that Los Angeles County covers an area of 4,751 square miles, while the city of Los Angeles is a mere 503 square miles. Sorry, L.A.
The list below has the results for the rest of the top 25 top UFO sighting cities.
 


Cheryl Costa will be speaking at the following events in October:
  • Oct. 23, 7 p.m.: Connetquot Public Library, 760 Ocean Avenue, Bohemia, N.Y. Presenting via Skype, library will be giving data handouts.
  • Oct. 26, 7 p.m.: Center for the Arts, 72 S. Main St., Homer, N.Y. Speaking in person.
If you have a UFO sighting to report, you can use either one of the two national database services: nuforc.org or mufon.com. Both services respect confidentiality. Follow me on Twitter @American_Skies.
Attention, Central New York residents: Join a monthly MUFON-sponsored speakers presentation and discussion group in Syracuse. Regularly held the last Saturday of the month, it runs from April 29 through October 28, 11 a.m. – 1 p.m, May Memorial, 3800 E. Genesee St. Plenty of off-street parking is available.

   Cheryl Costa

Source 

The UFO Sighting in Tinley Park IL – What Really Happened?

On August 21, 2004, a strange occurrence took place in Tinley Park, Illinois. Three red lights hovered above the town, photographed by hundreds of people who gathered under the night sky from Tinley Park and its neighboring municipalities, keen to witness the bizarre spectacle.


https://misteryhunters.files.wordpress.com/2013/02/tinley.gif
.



The event has become known as the ‘Tinley Park lights’ and remains one of the most documented and speculated UFO phenomenon in recent history.
At the same time the red lights were seen, an air show was taking place in Chicago. Many argued that the lights were caused by the show, which was considered the most plausible of explanations. However, there are many who dismissed this argument, namely due to the fact further sightings of the red lights were seen at Tinley Park, once on Halloween in 2006 and, more later, on October 1, 2015.

Triangle UFO

As (1) Patch reports, the three lights congregated in a triangular shape. Sam Maranto, state director of Illinois MUFON, who lives in nearby Orland Park, told Patch how, on the night of the first sighting, the conditions were perfect.
“The night of the 21st was beautiful, people were outside, there were parties all over.”
“There were a lot of people outside that night, hundreds if not thousands. People were able to see and record what was going on,” said Maranto.
Other eye-witnesses share their experiences of three bright lights, coming towards them in single file. According to Bill Dooley, a resident of Tinley, the lights hovered in the sky for around 20 minutes.
Dooley also noted how the lights were silent and, after they had made a triangle, they began to move away, stacked on top of each other. The lights turned white before they moved on.
The most logical sounding theory was that the lights were caused by the air show that was taking place in Chicago at the time. Suggestions have been made that the lights were caused by military planes, model aircraft and even a balloon hoax.

The Model Aircraft Theory

Though, when asked whether the lights could have been caused by a model aircraft, Dooley was quick to dismiss such claims, due to the fact the lights were silent.
The theory that the lights may have been something to do with the fact that the Air and Water Show that takes place in August each year, doesn not explain how further similar lights were seen above Tinley Park in October in later years.


The balloon hoax theory has also been debunked by UFO hunters Pat Uskert and Bill Birnes, who traveled there to try and recreate the scene in an episode for the history Channel titled the “Illinois Invasion”.
Though as Dooley says, the recreated scene, using flares and balloons, “looked very different” from the lighting phenomenon that took place in Tinley.
Metrocosm has published eye-witness accounts of the UFO events in Tinley Park, which make interesting reading. (2) One such account is by a local trucker who relays his/her experiences at Tinley Park on October 1, 2005. The truckers says how he/she regularly checks the night sky and stars when loading the truck.
Describing the scene as “very freaky,” the trucker said:
“This particular night I noticed a constellation I’ve never seen before off to my northwest. Three extremely bright stars in the shape of a triangle.”
Such is the incredibility of the Tinley Park UFO sightings that Metrocosm has listed it as number one on its map which displays over 90,000 reports of UFO sightings dating back to 1905. The (3) ‘Most Credible UFO Sightings and an Interactive Map’ report is based on data from the National UFO Reporting Center.

Tinley Park Lights Still Unexplained

Number one on the list is Tinley Park Lights, which has 77 eye-witness reports attached to it. Many of the reports certainly help wash away more ‘logical’ theories of the lights being caused by aircraft or by the Chicago light show. As one eye-witness wrote:
“Three horizontal equally spaced lights in the sky way too big to be an aircraft.”
The residents of Tinley Park certainly make the most of the strange occurrence that has taken place in the night sky above it on several occasions. One business-minded resident of the nearby Frankfort, Mark Vecchi, is celebrating the anniversary of the event in his store in Tinley Park, selling commemorative t-shirts that read:
“Tinley Park Illinois BEWARE: alien dropping.”
What are your thoughts on the Tinley Park lights? Could they be, like other UFO sightings, caused by “logical” reasons such as (4) military experiments, or a nearby sky show? Or does the bizarre behavior suggest something more supernatural, such as aliens from another planet visiting Earth?

 Gabrielle Pickard

Source 

ALIEN TERROR? Man 'stared at by crew of bizarre triangle UFO hovering over crop field'

A MAN has told how "time stopped" after he locked eyes with the crew of a bizarre triangular UFO he claims to have seen hovering over a field.

Triangle-UFO
A CGI impression of the UFO sighting arranged by UFO investigator Philip Mantle

 

Philip Shepherdson has revealed the encounter he says he experienced near York in North Yorkshire.
He was driving a scooter on country lanes near Easingwold, when he turned left towards Huby, and was distracted by something.
He said: "I looked to my left and my heart flipped at what I saw. Hovering in a corner of a small field was a black triangular shaped object.
"I stopped to get a better look not believing what I was seeing."
Triangle-UFO 
Flying Disk Press
 
Triangle UFO? The witness drew his own sketch of what he says he saw.
Triangle UFOs are once of the most commonly reported, particularly in the United states where hundreds are seen each year.
Some truth seekers believe they are alien spaceships, while others believer they are top-secret craft built by governments in experimental projects.
Mr Shepherdson added: "The object was smooth with no control surfaces and no sharp edges and at the top was a cockpit with a figure inside it.
"All I could see was a black shaped helmet and a black overall of some kind.
Triangle-UFO 
Flying Disk Press
 
UFO SIGHTING? Mr Shepherdson on the site of his terrifying encounter.
"By the side of the craft I now realised there were two more slim looking figures who too wore black overalls and they were trying to push the vehicle into the next field perhaps to conceal it amongst the standing crop.
"They abruptly stopped to look in my direction; the cockpit figure too, turned to gaze at me.
"I felt transfixed with fear. I was shaking. The silence was stifling as we gazed at each other and I felt some form of contact taking place but I just don’t know what that was.
“Time appeared to stop."
One of the most infamous triangle UFO mass sightings was the Phoenix Lights Incident over the Arizona city in 1997.
Some of the witnesses later reported experiencing memory loss, and a strange sense of calm, that made them not discuss the sighting with anyone else.
Mr Shepherdson spoke of a similar experience after seeing the UFO.
He added: "Suddenly my mind couldn’t take anymore and I got on my bike and took off to work.


The object was smooth with no control surfaces and no sharp edges and at the top was a cockpit with a figure inside it. All I could see was a black shaped helmet and a black overall of some kind.
       Philip Shepherdson





"I don’t remember getting there, in fact everything after that seemed surreal. I appeared to forget the experience as if told that this was something I shouldn’t have witnessed.
"What struck me at the time was this was nuts and bolts technology, no fuzzy lights with a smudgy image.
"I freaked at the fact that an aircraft floating like a silent kite with not a blade of grass out of place and without jets, was way beyond our technology."
The event took place in February 1979, but only now has Mr Shepherdson had the courage to come forward and seek out other witnesses.
He said: "I know it’s a long time since my encounter but I would like to take this opportunity to appeal for other possible witnesses to this event to come forward.
"I have often wished that I had approached the farmer on whose land this happened, but I never did.
"Who knows, perhaps there is someone out there who saw this like I did and they too have waited all this time and have said nothing."
If you think you saw it or have seen other triangle UFOs email:jon.austin@express.co.uk.

Source 

Un modello in 3D della Nasa per cercare possibili mondi alieni e abitabili


ET è nei pensieri dell'agenzia spaziale Usa, che ridefinisce le caratteristiche dei pianeti esterni al Sistema Solare in grado di ospitare la vita. Il risultato della ricerca, coordinata dall’Istituto Goddard e dall’Istituto di tecnologia di Tokyo, è pubblicato sull'Astrophysical Journal

http://staticr1.blastingcdn.com/media/photogallery/2017/5/31/660x290/b_586x276/nasa-to-make-a-major-announcement-today-have-aliens-finally-been-shockingtimescouk_1359173.jpg
.



Mondi alieni possibili. ET, se così possiamo dire, è nei pensieri della Nasa, che ridefinisce le caratteristiche dei pianeti esterni al Sistema Solare in grado di ospitare la vita. E lo fa con un modello in 3D nel quale sono indicati i parametri in base ai quali i mondi alieni potrebbero essere abitabili. Il risultato della ricerca, coordinata dall’Istituto Goddard della Nasa (GISS) e dall’Istituto di tecnologia di Tokyo, è pubblicato sull’Astrophysical Journal. A sette mesi dalla scoperta di un sistema solare con sette pianeti simili alla Terra la ricerca di vita e di nuovi mondi prosegue senza sosta.
“Utilizzando un modello che simula più realisticamente le condizioni atmosferiche, abbiamo scoperto un nuovo processo che controlla l’abitabilità degli esopianeti e ci guiderà nell’individuazione dei pianeti candidati per ulteriori studi”, ha detto Yuka Fujii, dell’Istituto Goddard. I modelli precedenti simulavano condizioni atmosferiche solo in una dimensione, quella verticale. Il nuovo modello in 3D permette ai ricercatori di simulare la circolazione dell’atmosfera e le sue caratteristiche. Il lavoro – riporta l’Ansa –  aiuterà gli astronomi a individuare i pianeti potenzialmente abitabili. Il nuovo modello riguarda al momento solo i pianeti quasi completamente occupati da oceani. Perché l’acqua è necessaria per la vita come la conosciamo. Dove c’è acqua c’è anche un’atmosfera che protegge il pianeta. E la superficie di un mondo alieno è considerata potenzialmente abitabile se la sua temperatura consente all’acqua liquida di essere presente per un tempo sufficientemente lungo a consentire alla vita di prosperare.Agli oceani è interessata anche l’Agenzia Spaziale Europea (Esa), che parte da quelli nascosti nelle lune ghiacciate di Giove e che potrebbero forse ospitare forme di vita: scoprirlo è il compito della missione Juice, (JUpiter ICy moons Explorer) prevista nel 2022. La missione ha due scopi, spiega Andrea Accomazzo, responsabile delle operazioni di volo nelle missioni interplanetarie dell’Esa: “Studiare il complesso sistema planetario di Giove e capire se un sistema del genere ha il potenziale per ospitare forme di vita simili a quelle che conosciamo o se le abbia ospitate in passato”. Le tre lune ghiacciate di Giove: Ganimede, Europa e Callisto, presentano infatti notevoli quantità di acqua liquida sotto la superficie e sono candidate ideali per la ricerca di forme di vita.
“La sonda – spiega ancora Accomarzo – sarà equipaggiata di camere ad alta risoluzione, altimetri laser, radar per penetrare e misurare la superficie ghiacciata, radio-scienza per capire se ci sono maree, e sensori per studiare il campo magnetico. I nostri strumenti sono anche in grado di capire la composizione chimica dell’atmosfera del pianeta e delle sue Lune”. “Con la missione Juice – conclude – continuiamo la strada già intrapresa con altre importanti missioni come Giotto, Rosetta e Exomars, nell’esplorazione del nostro Sistema Solare, spingendoci verso l’esterno di esso, per cercare di rispondere all’eterna domanda: da dove veniamo e se siamo gli unici“.
 
  Lo studio su The Astrophysical Journal
 
Fonte 

Ufo in Canada: sfera luminosa non identificata sopra Terranova

ST. JOHN’S – “Ufo in Canada“: misteriosa sfera luminosa sull’isola di Terranova, in Canada. L’oggetto non identificato è stato ripreso vino al mare, ma non è specificato il luogo e la data dell’avvistamento. Nel video diffuso in rete dal canale Youtube del Centro Ufologico Ligure si vede un velivolo circolare che scende a picco sull’acqua dal cielo. Per i cacciatori di alieni si tratterebbe di un Ufo, ma in realtà potrebbe essere un semplice bolide.

ufo-canada-terranova
Immagine dell'UFO in un fotogramma del video originale pubblicato su You Tube

Ufo o non Ufo, i residenti della zona non hanno nascosto le loro preoccupazioni per la presenza di quell’oggetto volante. Anche la polizia ha cercato di fare chiarezza sulla natura della sfera luminosa, senza tuttavia ottenere delle risposte soddisfacenti. Un testimone oculare, Andrew Wilkins, ha dichiarato:
“L’intero cielo era illuminato (…). C’era come una grande palla verde di fuoco, questo è quello che sembrava. In un primo momento ho pensato, ‘wow’, è un fuoco d’artificio veramente luminoso, ma i fuochi d’artificio non vengono sparati verso il basso”.



Un’altra testimone, Krista Godfrey, ha detto: “Spesso ci sono aerei che arrivano da noi al punto che la loro luce attira la mia attenzione. All’inizio ho pensato che fosse un fuoco d’artificio… ma poi ho capito che stava andando giù e non si muoveva come un fuoco d’artificio”. Andrew ha aggiunto: “Si muoveva in modo selvaggio. Ho visto delle meteore e altre cose prima, ma non ho mai visto qualcosa di così luminoso e vicino alla Terra …”.

Fonte

GLI UFO E IL BLACKOUT DEL 1965 SULLA COSTA ORIENTALE

Nel novembre del 1965, la costa orientale degli Stati Uniti fu colpita da un misterioso blackout elettrico. Milioni di persone rimasero al buio per la maggior parte della notte. Dietro le quinte, in un impianto militare segreto, la nazione si trovò sull’orlo di un conflitto nucleare e, in caso ciò non fosse abbastanza emozionante, in tutto il paese si registrarono rapporti di sorvoli di UFO…

 Manhattan (New York City) durante il blackout avvenuto nella notte del 9 novembre 1965

 

Emergenza a Mount Weather

    Il 1° dicembre 1974, un Boeing 727 della TWA si schiantò sul nebbioso versante di un monte della Virginia, causando la morte di 92 passeggeri. I giornalisti giunti sul luogo del disastro notarono nelle vicinanze un impianto militare ad alto livello di sicurezza, ed iniziarono ad indagare sulla sua funzione. Il Washington Post (2 dicembre) stabilì che la base segreta era nota con il nome di Mount Weather. Un portavoce militare, pur ammettendo l’esistenza della base, “declinò di commentarne le funzioni, nonché di dire quante persone vi lavorassero o da quanto tempo fosse in attività”.
    
Nel corso degli anni su Mount Weather cominciarono ad emergere gradualmente dei dettagli. La base vista dai giornalisti è situata su 434 acri di terra, tuttavia questa è letteralmente solo la punta dell’iceberg. Sepolta in profondità nel fianco della montagna vi è un’imponente fortezza nascosta, adibita ad ospitare il presidente ed altri funzionari governativi di alto livello in caso di guerra nucleare o di qualche evento catastrofico di ampia portata. Il bunker sotterraneo contiene la maggior parte degli elementi essenziali per la sopravvivenza, fra cui acqua, un impianto di trattamento dei liquami e generatori elettrici; l’insediamento è stato descritto come una città sotterranea dotata di un lago artificiale, di ospedali, edifici destinati ad uffici, strade, marciapiedi, studi di produzione radiofonica e televisiva, imponenti reti di computer e persino di un forno crematorio. Si dice che in caso di necessità sia in grado di ospitare varie migliaia di persone, la cui identità è ovviamente Top Secret.
    Il personale militare di Mount Weather aveva la responsabilità di monitorare una serie di dispositivi sparsi in tutto il Nordamerica, adibiti ad individuare riscontri di esplosioni nucleari. In caso di attacco nucleare, i monitor avrebbero trasmesso attraverso una linea telegrafica un segnale a varie località con personale in servizio.
    Il 9 novembre 1965, gli “allarmi bomba” iniziarono a inviare inquietanti informazioni a Mount Weather. Ventuno stazioni di monitoraggio nucleare erano andate misteriosamente fuori servizio, mentre il pannello di controllo lampeggiava di luci gialle. Ancor più inquietante era il fatto che i sensori situati a Salt Lake City, Utah, e a Charlotte, North Carolina, lampeggiavano tutti di rosso, ad indicare che si erano effettivamente verificate delle esplosioni nucleari. In concomitanza con questi eventi gran parte della costa orientale, inclusa New York, fu interessata da un blackout elettrico che lasciò 30 milioni di persone senza elettricità per circa 13 ore.
    Il colonnello J. Leo Bourassa era responsabile di Mount Weather sin dall’epoca della sua realizzazione, alla fine degli anni ‘50. Il sito Top Secret rientrava ufficialmente sotto il controllo dell’Office of Emergency Preparedness, che in seguito sarebbe diventato la FEMA, ovvero l’ente federale preposto alla protezione civile. La FEMA è responsabile della gestione dei disastri naturali quali uragani e terremoti, ed ha avuto anche la responsabilità della gestione della situazione conseguente agli attacchi dell’11 settembre. A parte il coordinamento degli interventi governativi per far fronte a questo genere di eventi, la FEMA è anche incaricata di garantire che il governo possa mantenere la propria operatività durante una catastrofe.
    Dal profondo della fortezza segreta Bourassa, comprensibilmente, si convinse che il paese fosse oggetto di un attacco nucleare sovietico e decretò per l’impianto di Mount Weather lo stato di massima allerta; Bourassa aveva intrapreso le prime procedure di preparazione per il coinvolgimento degli Stati Uniti in un conflitto  nucleare totale. Fortunatamente gli altri settori dell’apparato militare determinarono ben presto la reale natura degli allarmi e, a quanto pare, non vi fu alcuna attivazione dei sistemi d’arma nucleari. La questione si risolse da sé in breve tempo, tuttavia molti la considerano ancora un rischio scampato per miracolo.
    Se gli allarmi nucleari furono innescati dal blackout, resta comunque il quesito: quale fu la causa del blackout stesso?



Sopra: ritaglio di giornale e una foto scattata a New York City la notte del blackout


Luci al largo della costa orientale

    Si ritiene che il blackout sia stato provocato da un’imponente sovratensione di energia scaturita da una centrale elettrica nei pressi delle cascate del Niagara. Le varie aziende elettriche sono tutte collegate in una rete; di conseguenza, quando il primo impianto andò in sovraccarico, la sovratensione transitoria si trasferì lungo le linee, disattivando una centrale elettrica dopo l’altra, sino a quando la maggior parte della costa orientale non rimase senza energia. I funzionari delle aziende elettriche furono incalzati con insistenza affinché spiegassero esattamente il motivo del fenomeno.
    Lo furono ancor di più in merito alle misteriosi luci e “sfere di fuoco” che volteggiavano sopra gli impianti. All’epoca i resoconti dei giornali posero il quesito se ci potesse essere un collegamento fra l’improvvisa sovratensione ed una serie di avvistamenti nei pressi delle centrali elettriche prima, durante e dopo il blackout.
    Il Niagara River scorre fra il Lago Erie e il Lago Ontario e funge da confine naturale fra Stati Uniti e Canada. Lungo il proprio percorso di 35 miglia il possente corso d’acqua ospita le Cascate del Niagara; in realtà si tratta di un gruppo di cascate, le due più grandi delle quali sono diventate una delle più popolari attrazioni turistiche del Nordamerica.
    Un’ampia porzione delle acque che scorrono a monte delle cascate viene deviata alle centrali elettriche da entrambi i lati del confine, le quali a loro volta producono una rilevante quantità di energia elettrica per la costa orientale. La centrale elettrica Sir Adam Beck, sulla sponda canadese del fiume, fu ritenuta l’origine della sovratensione.
    In virtù del numero di avvistamenti avvenuti in zona, l’area circostante le cascate del Niagara divenne nota come cosiddetto “punto caldo UFO”. Il 22 settembre 1965, poco tempo dopo il blackout, il Niagara Falls Gazette pubblicò un rapporto su una dozzina di persone che avevano visto degli UFO volteggiare sugli impianti del fiume Niagara e nei pressi delle cascate:
“Gli oggetti, luci brillanti che mutavano colore, si trovavano al di sotto della coltre di nubi e rimasero a quota alquanto bassa nel corso di quasi tutto il periodo di osservazione. Gli osservatori hanno affermato che non si trattava di elicotteri, né di aerei convenzionali. A un certo punto, verso le ore 20.00, i due oggetti, che in precedenza erano stati visti tenersi a distanza, si avvicinarono seguendo una rotta di collisione sino a ‘incontrarsi’, per poi dirigersi assieme verso Buffalo.”
    Il pomeriggio del 9 novembre, in Ohio, due piloti riferirono via radio di vedere due oggetti risplendenti a forma di disco, inseguiti da jet militari. Gli UFO acquistarono velocità e volarono via, facendo mangiare la polvere ai militari. Un’ora più tardi iniziarono gli avvistamenti delle cascate del Niagara e poco dopo cominciò a mancare l’energia elettrica. Molti riferirono della presenza di luci brillanti in cielo ed un pilota che si dirigeva verso il Niagara Falls Airport riferì di vedere “un bizzarro oggetto” che si librava sulla centrale di Niagara Falls.
    La sovratensione scese lungo la linea verso Syracuse, stato di New York, ed altrettanto fecero i rapporti di luci nel cielo. Quando l’energia venne a mancare, a Syracuse centinaia di testimoni riferirono di vedere una serie di “sfere di fuoco” che stazionavano al di sopra delle linee elettriche. Le luci fiammeggianti furono viste per diverse ore e fotografate da un prete locale, William Stillwell, che le ha così descritte:
“Il centro ruotava vorticosamente su sé stesso. Proveniva dalla direzione di DeWitt [New York], schizzò via in diagonale e quindi fece ritorno verso il punto di provenienza.”
    Nel giro di alcuni minuti il blackout si estese a New York ed al resto della costa orientale. Vi furono vari rapporti di luci nel cielo sopra New York ed un reporter della rivista Time scattò una foto di quello che molti ritennero fosse un UFO che si librava sulla città oscurata.    I media si gettarono a capofitto sulla connessione UFO. Vi furono numerosi servizi sulle misteriose sfere di fuoco e molti editoriali richiedevano un’indagine governativa. L’Indianapolis Star fu enfatico:
“La risposta è alquanto ovvia: oggetti volanti non identificati! Si tratta di un aspetto che l’indagine a tutto campo non dovrebbe trascurare.”
Anche le principali reti televisive si interessarono della questione. Su Nightly News della NBC milioni di spettatori videro tirato in ballo l’argomento dell’avvistamento di UFO nelle località interessate dal blackout.
    Infine venne avanzata una spiegazione ufficiale del blackout. A quanto pareva una parte secondaria delle attrezzature non aveva funzionato a dovere e non era riuscita a bloccare l’ingente sovratensione transitoria. Questa spiegazione sembrò appianare, almeno in parte, la controversia; quello che tuttavia restava ancora da spiegare era l’origine del misterioso sovraccarico.
    Quando il blackout colpì, il noto attore di Hollywood Stuart Whitman era bloccato al dodicesimo piano di un hotel di Manhattan. Dichiarò di aver visto due UFO luminosi librarsi al di fuori della sua finestra, i quali gli trasmisero un messaggio:
“Mi hanno detto che i responsabili del blackout erano loro — gli esseri intelligenti dietro gli UFO. Avevano intrapreso tale iniziativa per dimostrare al popolo della Terra di essere reali, e capaci di imprese fenomenali… Mi hanno detto di essere preoccupati dallo sviluppo e dai continui collaudi di armi nucleari. Per loro il fenomeno da noi subìto è stata una pacifica ‘dimostrazione di forza’… Hanno detto che il blackout era soltanto una piccola dimostrazione del potere di cui dispongono per impedirci di annientare la nostra civiltà e i pianeti circostanti. Hanno inoltre sottolineato che se andremo troppo in là con i nostri atteggiamenti bellicosi essi interverranno. Hanno affermato di essere in grado di bloccare il funzionamento di ogni apparato elettrico e che potrebbero fermare le nostre ordinarie attività in qualsiasi momento desiderassero farlo!”


UFO e interruzioni di energia

    Alla fine vi fu un’indagine governativa che si occupò di questi eventi. Nel 1968 la United States Congress Committee on Science and Astronautics tenne delle udienze ed interpellò il Dr. James McDonald, della University of Arizona, in merito al collegamento fra UFO ed interruzioni di energia.
    Il professore citò numerosi casi in cui ad avvistamenti UFO erano seguiti disturbi di tipo elettrico, da interferenze radio e motori di automobili che si spegnevano sino ad effettivi blackout di energia. Nell’esame del blackout del 1965, l’eminente astrofisico riferì ai membri del Congresso:
“Spesso gli UFO vengono avvistati mentre si librano al di sopra delle centrali elettriche. In concomitanza con tali avvistamenti UFO si verificano interruzioni di energia, in quantità relativamente ridotta ma comunque troppo consistente perché si tratti di casi fortuiti… Anche in occasione del blackout più celebre, quello di New York [9 novembre 1965], vi furono avvistamenti UFO.”
A trentotto anni di distanza, la causa del blackout resta ancora un mistero.  

David E. Wolin

Fonte