Statistiche

giovedì 29 novembre 2018

5 Facts You Need To Know About NASA's InSight Mission

Risultati immagini per immagini marte in sight



1.     What does InSight stand for?
InSight stands for Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport
 2.     The InSight Mission goal
The aim of NASA’s InSight Mission is to gather information about Mars kind of like a thorough medical checkup. This will be the first time in the Red Planet’s formation where Mars’ interior will be studied to this level of detail. The planet’s core, mantle and crust will be explored allowing scientists to find out more about the formation of the rocky planets in our Solar System and measure its’ tectonic activity.
3.     How big is the InSight Lander?
The InSight Lander is 5 ft 1 inch (1.56 m) wide and 19 feet 8 inches (6 m) long and weighs 794 pounds (360 kg) which is roughly the weight of about 5 people.
4.     What instruments does the InSight Lander have?
SEIS: A seismometer that can provide information on internal vibrations or Marsquakes occurring within the Red Planet. Depending on the material the vibrations propagate through will change the way the seismic waves travel which when detected can tell scientists what the materials are.
HP3: A heat probe that will burrow almost 16 feet (5 m) into Mars’ surface – the deepest to date. The probe will help scientists measure Mars’ temperature and work out whether Mars was formed from the same materials as Earth or not.
RISE: A radio wave instrument that can help scientists work out the size of Mars’ core as well as its composition by sending out a signal and seeing how it changes in frequency via the Doppler shift.
Instrument Deployment and Instrument Context Camera: The former being a camera that offers a 360-degree panoramic view of the Martian land in color. The latter being a camera that will take ‘fisheye’ field of view of the Lander’s workspace.
5.     When did the InSight Lander take off?
The InSight Lander left Earth on May 5, 2018 and took almost 7-months to get to the Red Planet and finally landed on November 26, 2018 at 11:52 am (PT). It took the Lander about six and a half minutes to land and entered the Martian atmosphere at about 12,300 mph.
So, there are some facts about the InSight Lander. If you would like to know more about the InSight Lander you can learn more here. Also, keep an eye out for new images and datafrom the Lander – as the days go on scientists will learn more and more about the Red Planet as well as our Solar System. Watch this space.

Meriame Berboucha

Source News 

Nasa, in un video 20 anni di cambiamenti climatici

Realizzato grazie a immagini satellitari dal 1997

 

 

Un pianeta che pulsa di vita, ma che negli ultimi decenni ha subito profondi cambiamenti climatici. Ghiacci artici che si sciolgono, soprattutto al polo Nord, deserti che avanzano , zone verdi che arretrano e mari che si surriscaldano, soprattutto in prossimità delle coste. È l’impietosa radiografia del pianeta vivente mostrata in un video timelapse, realizzato dal Goddard Space Flight Center della Nasa.

Il filmato è stato realizzato utilizzando immagini scattate a partire dal 1997 da diversi satelliti che la Nasa, così come le altre agenzie spaziali del mondo, utilizzano per monitorare lo stato di salute della Terra. Il video mostra le conseguenze del surriscaldamento del clima al mutare delle stagioni.
Proprio per discutere di clima, scienziati e politici si incontreranno nei prossimi giorni nella città polacca di Katowice, tra il 3 ed il 14 di dicembre, per la Conferenza 2018 delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico, la COP 24. Un appuntamento per discutere le strategie da mettere in campo per limitare l’immissione di gas serra in atmosfera, e contenere il riscaldamento del pianeta al massimo di 2 gradi centigradi entro la fine del secolo.

Fonte

Extraordinary Event Could Change Everything We Know?


Source: thirdphaseofmoon

Thirdphaseofmoon is looking for the best UFO footage Shot by People Like you from Around The World! Upload your ufo Video To Youtube, Then Copy Paste The Link To My Email! cousinsbrothersproductions@gmail.com Keep Your Eyes on the Skies! We are not Alone!

UFO SEEKER - LOCKED OUT During UFO Hunt!



Source: Seeker Ufo

UFO Investigation Vlog. During a night sky-watch for UFOs Tim & Tracey get locked out of the UFO Seekers SUV. They have no water, it's night, it's freezing cold outside, and they have no tools. What are Tim & Tracey going to do to get back into the vehicle? UFO Seekers Bakersfield, CA Investigators: Tim Doyle & Tracey Lee REPORT UFO: https://ufoseekers.com/report-ufo/ REPORT ALIENS: https://ufoseekers.com/report-aliens/ PHONE: (661) UFO-7889 EMAIL: help@ufoseekers.com FACEBOOK: http://facebook.com/ufoseekers TWITTER: http://twitter.com/ufo_seekers INSTAGRAM: http://instagram.com/ufoseekers PATREON: http://patreon.com/ufoseekers WEBSITE: https://ufoseekers.com UFO Seekers Music Composer: Robert Holm

Passenger in airplane filmed amazing footage in the sky of New York


What's this?


Location of sighting: Near Earth 
Apollo 10 date: May 18-24, 1969 
Photo source: https://eol.jsc.nasa.gov/DatabaseImages/ISD/highres/AS10/AS10-35-5264.JPG 

UFO Sighted Over Denver, Colorado ( Novem


“It’s Time To Take the Existence of Aliens Seriously” –Odds Are that Humans are Not the Universe’s First Civilization

If we’re not the universe’s first planet-spanning civilization, says physicist Adam Frank, “that means there are likely to be rules for how the fate of a young civilization like our own progresses.” Our Anthropocene civilization is just the current stage of Earth’s ongoing evolutionary experiments.

 

Our pale blue dot is just one of ten billion trillion planets in the universe, and it’s highly likely that many of those planets hosted technologically advanced alien civilizations. And like the human species, each of those civilizations must have faced the same knife-edge challenge of civilization-driven climate change.
How common is the Anthropocene? asks Frank. “How often do civilizations trigger climate change on their planets? And, most important, how easy is it for a civilization to make it through its Anthropocene bottleneck?”
It’s time to take the existence of aliens—by which we really mean exo-civilizations—seriously. Everything that has been learned in the astrobiological revolutions of the last few decades, writes Frank in Light of the Stars: Alien Worlds and the Fate of the Earth, “now allows us to see just how improbable it is for us to be the only project of civilization in cosmic history. That realization tells us that if we ask the right kinds of questions, the ones backed by the hard numbers of the new exoplanet discoveries, we can begin making out the contours of a science of exo-civilizations that’s relevant to our own crisis on Earth.”
Scientists like to have a universe of more than a thousand data points for whatever they’re studying. With that much data, quantities like averages make sense, states Frank. “So long as nature’s choice for the biotechnical probability is one thousand times greater than the pessimism line, a thousand exo-civilizations will have already lived out their histories across cosmic space and time. Given the already tiny value of the pessimism line,” Frank concludes, “it’s not much of a leap to imagine that a thousand civilizations have already run their course.”
The massive collective project we call civilization began about almost ten thousand years ago, when the last ice age ended and our planet’s climate grew warmer and wetter with the beginning of what geologists call the Holocene, a planetary epoch following the end of the ice ages. But in driving climate change, the human species is now pushing the Earth out of the Holocene into a new era in which human impacts dominate the planet’s long-term behavior.
Does becoming a winner in the game of cosmic evolution mean we hold the Earth in a perpetual version of the Holocene? Frank asks. “Will we never allow another ice age to form? If that’s true, then what about the species that might have emerged in the ice ages we block? Do we have the right to keep them from ever entering the Earth’s drama?”
What we are really concerned with when we talk about the Anthropocene is the habitability of the planet for a particular kind of energy-intensive, globally interdependent, technological civilization that thrives within the present climate epoch—the Holocene. But the once-global oceans of Mars and the five CO2-driven mass extinctions on Earth show how fleeting and temporary life may be with climate driven epochs.

The Earth endured the last ice age for almost a hundred thousand years. Only after the final laggard glaciers retreated, Frank observes, “did the project of human civilization begin. Our history of farming and cities, writing and machine building fits entirely within the Holocene: the current ten-thousand-year-old interglacial period.”
In the face of climate change, deforestation and biodiversity loss, creating a sustainable version of civilization is one of humanity’s most urgent tasks. But when confronting this immense challenge, we rarely ask what may be the most pressing question of all: How do we know if sustainability is even possible? Astronomers have inventoried a sizable share of the universe’s stars, galaxies, comets, and black holes. But are planets with sustainable civilizations also something the universe contains? Or does every civilization that may have arisen in the cosmos last only a few centuries before it falls to the climate change it triggers?
Frank, a professor of physics and astronomy at the University of Rochester, is part of a group of researchers who have taken the first steps to answer these questions. In a new study published in the journal Astrobiology, the group—including Frank, Jonathan Carroll-Nellenback, a senior computational scientist at Rochester, Marina Alberti of the University of Washington, and Axel Kleidon of the Max Planck Institute for Biogeochemistry—addresses these questions from an “astrobiological” perspective.
“Astrobiology is the study of life and its possibilities in a planetary context,” says Frank “That includes ‘exo-civilizations’ or what we usually call aliens.”
Frank and his colleagues point out that discussions about climate change rarely take place in this broader context—one that considers the probability that this is not the first time in cosmic history that a planet and its biosphere have evolved into something like what we’ve created on Earth.


As a civilization’s population grows, it uses more and more of its planet’s resources. By consuming the planet’s resources, the civilization changes the planet’s conditions. In short, civilizations and planets don’t evolve separately from one another; they evolve interdependently, and the fate of our own civilization depends on how we use Earth’s resources.
In order to illustrate how civilization-planet systems co-evolve, Frank and his collaborators developed a mathematical model to show ways in which a technologically advanced population and its planet might develop together. By thinking of civilizations and planets—even alien ones—as a whole, researchers can better predict what might be required for the human project of civilization to survive.
“The point is to recognize that driving climate change may be something generic,” Frank says. “The laws of physics demand that any young population, building an energy-intensive civilization like ours, is going to have feedback on its planet. Seeing climate change in this cosmic context may give us better insight into what’s happening to us now and how to deal with it.”
Eco-Civilization Timelines: employing mathematical model, the researchers found four potential scenarios that might occur in a civilization-planet system:
Die-off: The population and the planet’s state (indicated by something like its average temperature) rise very quickly. Eventually, the population peaks and then declines rapidly as the rising planetary temperature makes conditions harder to survive. A steady population level is achieved, but it’s only a fraction of the peak population. “Imagine if 7 out of 10 people you knew died quickly,” Frank says. “It’s not clear a complex technological civilization could survive that kind of change.”
Sustainability: The population and the temperature rise but eventually both come to steady values without any catastrophic effects. This scenario occurs in the models when the population recognizes it is having a negative effect on the planet and switches from using high-impact resources, such as oil, to low-impact resources, such as solar energy.
Collapse without resource change: The population and temperature both rise rapidly until the population reaches a peak and drops precipitously. In these models civilization collapses, though it is not clear if the species itself completely dies outs.
Collapse with resource change: The population and the temperature rise, but the population recognizes it is causing a problem and switches from high-impact resources to low-impact resources. Things appear to level off for a while, but the response turns out to have come too late, and the population collapses anyway.
Four scenarios for the fate of civilizations and their planets, based on mathematical models developed by Adam Frank and his collaborators. The black line shows the trajectory of the civilization’s population and the red line shows the co-evolving trajectory of the planet’s state (a proxy for temperature). (University of Rochester illustration / Michael Osadciw)
“The last scenario is the most frightening,” Frank says. “Even if you did the right thing, if you waited too long, you could still have your population collapse.”
The researchers created their models based in part on case studies of extinct civilizations, such as the inhabitants of Easter Island. People began colonizing the island between 400 and 700 AD and grew to a peak population of 10,000 sometime between 1200 and 1500 AD. By the 18th century, however, the inhabitants had depleted their resources and the population dropped drastically to about 2,000 people.
The Easter Island population die-off relates to a concept called carrying capacity, or the maximum number of species an environment can support. The earth’s response to civilization building is what climate change is really all about, Frank says. “If you go through really strong climate change, then your carrying capacity may drop, because, for example, large-scale agriculture might be strongly disrupted. Imagine if climate change caused rain to stop falling in the Midwest. We wouldn’t be able to grow food, and our population would diminish.”
Right now researchers can’t definitively predict the fate of the earth. The next steps will be to use more detailed models of the ways planets might behave when a civilization consumes energy of any form to grow. In the meantime, Frank issues a sober warning.
“If you change the earth’s climate enough, you might not be able to change it back,” he says. “Even if you backed off and started to use solar or other less impactful resources, it could be too late, because the planet has already been changing. These models show we can’t just think about a population evolving on its own. We have to think about our planets and civilizations co-evolving.”
One of the greatest impediments to thinking about exo-civilizations (or our own deeper future, for that matter) is how can we anticipate what kind of technology a civilization that’s a million years older might have at its disposal? Societies that mature might have found entirely new forms of energy that come from thin air. How can our theoretical modeling of exo-civilizations account for unknown sources of energy we haven’t discovered?

The Daily Galaxy via University of Rochester and Adam Frank.com 

Andrew Basiago - Pegasus Project



Los portales de espacio-tiempo son una realidad y están avalados por numerosas fuentes. Se los considera como Stargates que conducen a lugares distantes en el cosmos, tanto en esta dimensión como en otra, en este reino terrenal o unos pocos millones de años luz. La mayoría de la gente cree que estos portales solo existen en la ciencia ficción, pero hay otros que creen firmemente que los portales se abrieron en la antigüedad y en la actualidad.
Según dos informantes de seguridad nacional, el Departamento de Defensa había desarrollado tecnología de viaje en el tiempo hace unos 45 años. Ya en 1967, el gobierno de EE. UU. Tenía un dispositivo de viaje en el tiempo totalmente operativo basado en el acceso cuántico previamente documentado por Tesla.
Esta tecnología se ha utilizado para disfrazar estructuras militares y para ofrecer ventajas políticas y económicas debido a las capacidades esperadas de esta tecnología. Algunos van tan lejos como para afirmar que la CIA había tomado los documentos de Tesla sobre teletransportación poco después de su muerte.
Uno de estos dos comunicadores es Michael Relfe, un ex miembro del ejército de los EE. UU. Él dice ser un antiguo miembro de un proyecto de alto nivel. Reclutado en 1976, pasó los siguientes 20 años regulando y expandiendo una de las dos colonias estadounidenses existentes en el Planeta Rojo. Las instalaciones sirvieron como puntos estratégicos de investigación de alto nivel para garantizar que su secreto esté bien protegido, también porque fueron construidos en el futuro.
Relfe dijo que después de pasar 20 años en una colonia mariana, había sido revertida y enviada a tiempo. Sostuvo que este era el procedimiento estándar y que los miembros del personal firmaron un acuerdo por adelantado al comprometerse con una cláusula que tendría algunos recuerdos bloqueados o eliminados antes de ser enviados a la Tierra.
El Dr. Andrew D. Basiago participó en el Proyecto Pegasus de DARPA entre 1968 y 1972, un programa que se centra en el viaje del tiempo y la holografía. Sabía que la CIA seguía formando grupos de niños estadounidenses “dotados” para convertirse en la primera generación de exploradores espaciales.
Debido a su edad, los niños estaban mejor preparados para tal tarea. En primer lugar, fueron considerados ideales debido a su mente clara y la falta de impresiones o experiencias. El gobierno de los EE. UU. Quería saber si los viajes en el tiempo podrían afectar la mente o el cuerpo juvenil de alguna manera, ya que los voluntarios adultos suelen convertir su experiencia en decepción después de varios viajes. Por otro lado, los niños tienen una constitución diferente del cerebro que proporciona ayuda durante un viaje similar.
También se ha abusado de la tecnología cuántica para comprar influencia política. Como recuerda el Dr. Basiago, las personas de interés en el futuro pronto fueron informadas sobre los roles que tenían que jugar. A principios de los años 70 en Albuquerque, Nuevo México, compartió mesas con George HW Bush y George W. Bush cuando se les informó sobre sus futuras presidencias.
Los presidentes Jimmy Carter y Bill Clinton estuvieron entre los que habían sido visitados por viajeros de la época. Se dice que en 1982, una persona misteriosa se acercó al ex presidente Obama cuando todavía era estudiante en la UCLA y le dijeron que sería el futuro presidente de los Estados Unidos. Para respaldar esta afirmación, hay numerosos relatos de testigos, personas que asistieron a la universidad con Obama y pueden dar fe de lo que sucedió, especialmente las declaraciones en las que el misterioso personaje se había acercado al propio Obama. ¿Podría ser solo una coincidencia?
Los testigos (Insiders) creen que las personas deberían conocer estos avances tecnológicos en términos de exploración espacial (viajes espacio-temporales) y también de los otros terrestres que residen en los planetas vecinos. Los dos indios declaran que hay bases o puestos avanzados en algunos planetas cercanos a la Tierra. La mayoría de los puestos avanzados son de origen alienígena y reconvertidos en bases de colonias terrestres. Si sus teorías demuestran ser ciertas, estamos perdiendo alguna intuición revolucionaria y un crecimiento tecnológico extraordinario que nos ha sido negado incluso si ha existido durante muchos años. ¿Realmente vivimos en una realidad o fabricamos Matrix?

ContatoUfo.com

Perché non se ne parla più? - Rilevati 72 segnali extraterrestri da galassia nana: sono ripetitivi

La notizia è del Settembre scorso:


I ricercatori dell'università della California a Berkeley hanno scoperto 72 strani segnali durante la decodifica di 400 terabyte di informazioni radio proveniente da una galassia nana che si trova ad una distanza di 3 miliardi di anni luce dalla Terra.

Risultati immagini per seti alieni vignette
La fonte del segnale, indicata dagli scienziati come FRB 121102, è unica nel suo genere, in quanto con frequenza regolare rapida arrivano le onde radio.
Come riportato dall'edizione russa della BBC, i segnali rilevati sono degli impulsi radio veloci ma chiaramente percepibili. Qualcosa di simile era stato già osservato dagli astrofisici nel 2007, quando un lampo radio veloce è stato scoperto da un'equipe di ricercatori guidata dal professore dell'Università della West Virginia Duncan Lorimer.
Ricordiamo, alcuni ricercatori ritengono che il misterioso segnale FRB 121102 possa essere "il messaggio di una civiltà aliena".
Gli impulsi radio veloci (Fast radio burst) sono un mistero per la comunità scientifica. Rappresentano un lampo, la cui potenza è equivalente al rilascio nello spazio dell'energia emessa dal nostro sole per diverse decine di migliaia di anni. FRB 121102 è uno dei più famosi impulsi radio veloci. Più tardi si è scoperto che il segnale non era singolo, ma veniva ripetuto in serie 16 volte. Questo ha lasciato seriamente perplessi gli scienziati.

Fonte

Commento di Oliviero Mannucci: come mai di questa importante notizia  non ne parla più nessuno?

Ufo alla Bufalina? L’avvistamento sull’Aurelia

Ufo alla Bufalina? L’avvistamento, da parte di un cittadino di Viareggio, è di ieri, e a raccontarlo, su Facebook, è lo stesso: “So che non mi crederete ma sono sicuro di aver visto un Ufo. Erano circa le 12 e 20 quando, percorrendo in auto la via Aurelia in zona Bufalina, il mio sguardo è stato attirato improvvisamente da una luce abbagliante apparsa improvvisamente in cielo, di forma circolare, che apparentemente stava ferma. Mentre guidavo (peccato sennò avrei fatto una foto col cellulare ) ho continuato a guardarla e dopo nemmeno un minuto si è spenta”. “Proseguendo la strada, dopo aver superato la zona d’ingresso dell’autostrada Firenze mare ricompare (ad occhio e croce in corrispondenza tra Pisa e Tirrenia) – aggiunge l’uomo: “Questa volta dopo un pò che era luminosa si è come spenta ed ho potuto vedere con nitidezza una sagoma grigia piatta che dopo un po è come svanita nel nulla”.

Fonte

 Risultati immagini per base usa camp darby

Commento di Oliviero Mannucci: ricordo a chi legge che proprio nella zona dell'avvistamento indicata dal testimone è presente la base militare USA di Camp Darby dove nel sottosuolo si trova il deposito di armi statunitense più grande al di fuori degli Stati Uniti.

“L’Ufo era rosso-arancione, luminoso… Il 16 marzo 1967 la mia vita cambiò” – Intervista a Robert Salas

Ticinolive non è un portale “ufologico” e non ha un’opinione precisa e consolidata sugli Ufo. Tranne una: che si tratti di un tema interessante. 

Candida Mammoliti, fondatrice e presidente del CUSI, Centro Ufologico della Svizzera Italiana, attiva da decenni sul tema; ci propone questa intervista a un ufficiale americano… la cui vita cambiò il 16 marzo 1967. Nessuno è obbligato a credere. Il pubblico legge e giudica. 

 


 Candida Mammoliti:  Gentile signor Salas, La ringrazio molto per la sua disponibilità a rilasciarci questa intervista e vorrei chiederle innanzitutto, se ci può raccontare qualcosa di lei e del suo lavoro svolto presso la base militare nucleare USA a Malmstorm nel Montana.Robert Salas  Si, certo. Ero un ufficiale, addetto al lancio missilistico, cosa che significa che ero autorizzato a monitorare, trattare e anche lanciare i missili nucleari della base, in caso mi fosse stato dato l’ordine di farlo. Fortunatamente non mi è mai stato dato tale ordine e di ciò ne sono molto contento.
Per quanti anni ha lavorato in questa base?
Per tre anni, dal 1966 al 1969.
Ci può raccontare in sintesi cosa è successo il 16 marzo 1967 nella base militare in cui era operativo?
Ero intento a controllare i nostri missili balistici intercontinentali (ICBM), quando all’improvviso la nostra base venne raggiunta da un UFO, di color rosso-arancione, luminoso, che sostò sopra di noi a bassa quota, vicino al cancello della base. L’oggetto fu avvistato da sei guardie della base, io ero sotto terra nel locale di monitoraggio, e mentre l’UFO stazionava sopra di noi, i nostri missili vennero totalmente disattivati in pochi secondi, cioè messi nello stato di “no-go”, in pratica, non erano più utilizzabili. Da notare che tutti si trovavano nel sottosuolo, erano incorporati in appositi silos.
Ha qualche genere di spiegazione razionale per quanto accaduto?
No, non vi è nessuna spiegazione razionale per l’accaduto. L’aviazione militare americana ha studiato il caso ed anche negli stabilimenti della Boeing a Seattle sono state fatte le adeguate indagini. Sono state formulate diverse ipotesi, ma nessuno è stato in grado di fornire una spiegazione razionale.
Ma l’accaduto è stato rapportato, ci sono dei rapporti militari in merito, il caso è da ritenere autentico, vero?
Si, naturalmente. Ho rapportato l’accaduto, ci sono diversi rapporti militari.
Quindi, non per tutto ciò che è vero ci sono delle spiegazioni razionali.
(sorride) assolutamente si, concordo.
Aveva un diretto superiore e quale è stata la sua reazione su quanto accaduto?
Il mio diretto superiore era, l’uomo con cui collaboravo era il mio diretto superiore, il Colonnello Fred Maywald. Vi era pure il comandante di squadra, che era pure un mio superiore. La sua prima reazione…quando lo vidi nel suo ufficio…era pallidissimo, aveva il volto sbiancato, era scioccato. Non poteva capire come il tutto avesse potuto accadere. Nessuno poteva capire, come avesse potuto accadere, non era mai successo un fatto del genere, la nostra base era controllatissima. Il mio superiore aveva con se un membro dell’aviazione militare, sezione investigazioni speciali, e ci mostrò una dichiarazione che abbiamo dovuto firmare, confermando di non parlarne con nessuno.
Cosi come  tutti i militari che sono coinvolti in questioni ufologiche, nessuno ne può parlare.
È cosi, nessuno ne può parlare.
Secondo lei, quanto accaduto rinchiude in se un messaggio, l’UFO vi ha trasmesso una forma di messaggio?
Si, penso che il messaggio principale sia stato “non usate i missili e in generale le armi nucleari, perché vi distruggerete”. Penso che ci stiano osservando, che stiano osservando le nostre guerre violentissime e che ci stiano dicendo, visto che evidentemente, alla luce dei fatti, non lo capiamo,  che dobbiamo allontanarci nel modo più assoluto dal nucleare, dalla violenza, per poter proseguire nella nostra evoluzione, verso uno stato di coscienza più elevato.
E questo perché probabilmente non siamo solo un pericolo per noi stessi, ma anche per l’universo noi circostante.
Assolutamente si. Un’esplosione nucleare massiccia non solo ci distruggerebbe, ma distruggerebbe l’equilibro universale attorno a noi. Sappiamo che ogni esplosione nucleare comporta una diffusione di onde elettromagnetiche potentissime, che colpiscono anche al di fuori della nostra atmosfera e di cui noi non ne conosciamo le conseguenze.
E ora la mia ultima domanda…cosa ha significato questa esperienza per lei, per la sua vita?
Ha cambiato la mia vita. Sono contro la segretezza governativa legata a questi avvenimenti, ancor più di prima. La popolazione ha validi ragioni per sapere la realtà dei fatti. Inoltre questa esperienza mi ha insegnato che dobbiamo tutti adoperarci per la pace tra di noi, tra i popoli.
Signor Salas, la ringrazio molto per le sue dichiarazioni.

Fonte 

Ufo dove sei? La telecamera sul tetto del municipio

A caccia di oggetti volanti nei cieli di Corio.

 

Ufo dove sei? La telecamera sul tetto del municipio

A Corio c’è la telecamera “avvista-ufo”. L’apparecchiatura è stata posizionata sul tetto del municipio. Il comune di Corio ha deciso di dotarsi di una tecnologia, a costo zero,  in grado di riprendere gli oggetti volanti non identificati. Dichiara il sindaco Susanna Costa Frola: “Qualche mese fa ci ha contattato l’associazione Mufon Italia di Milano. L’impresa ci ha dotato di strumentazioni in comodato d’uso gratuito”. L’apparecchiatura è stata installata sul tetto del municipio.

Un “app” per il telefonino

Gli Ufo si potranno avvistare dal divano di casa. L’Amministrazione comunale infatti fornirà le credenziali per poter visionare le immagini. I cittadini potranno vedere “in diretta” cosa accade scaricando un applicazione sul telefonino. I dispositivi sono già attivi. Ma la tecnologia non è ancora utilizzabile. Spiega Costa Frola: “Non si sono ancora applicate le restrizioni per consentire a tutti di vedere”.


Il mistero degli aerei…

Il presunto passaggio il 6 giugno scorso degli aerei militari (uno o più cacciabombardieri Tornado?) non ha ancora ricevuto una risposta ufficiale (e definitiva) da parte delle autorità competenti. Quindi è rimasto un mistero. Le videocamere riprenderanno i cieli di Corio. Qualora ci fossero altri “transiti imprevisti” le immagini potranno essere immediatamente visionate. Con le riprese  utilizzate   dall’associazione Mufon per le attività di indagine  sugli Ufo.


Fonte

Commento di Oliviero Mannucci: A proposito dell'avvistamento del 6 Giugno, leggete la risposta all'interrogazione parlamentare  promossa dalla parlamentare Francesca Bonomo:

Ufo nei cieli canavesani, la risposta del Governo: fu un Tornado

 Risultati immagini per tornado aereo

 

L'interrogazione parlamentare presentata dalla deputata Francesca Bonomo è stata discussa giovedì pomeriggio.

 


Ufo nei cieli canavesani

È stato discusso giovedì pomeriggio il question time presentato in commissione Difesa dalla deputata Francesca Bonomo (Pd) con il collega Alberto Pagani, per chiedere delucidazioni in merito a quanto accaduto nella serata dello scorso 6 giugno nei cieli sopra Corio, nelle Valli di Lanzo


Un Tornado in addestramento

Questa la risposta del sottosegretario alla Difesa, Raffaele Volpi (Lega): «Lo Stato Maggiore dell’Aeronautica, a seguito dei dovuti accertamenti, ha escluso la presenza di velivoli all’orario e nell’area indicata; tuttavia, ha comunicato che lo scorso 6 giugno, intorno alle 23 locali, nell’area del Comune di Corio è transitato un velivolo Tornado, in missione addestrativa notturna regolarmente pianificata che prevedeva un avvicinamento all’aeroporto di Torino Caselle. Il bagliore e il boato percepiti dalla popolazione potrebbero ricondursi alla manovra di normale avvicinamento alla pista eseguita dal velivolo e, più in particolare, alla “ri-partenza” che prevede, per poter effettuare la salita in totale sicurezza, l’uso della massima potenza del motore, incluso l’impiego del postbruciatore».

Tutto si è svolto secondo le leggi

«È il caso di sottolineare che tali manovre sono state condotte nel totale rispetto della normativa vigente e delle limitazioni in materia, così come tutte le attività addestrative ed esercitative sono compiutamente disciplinate e regolamentate da specifiche direttive di Forza armata, finalizzate a minimizzare i disagi agli abitanti. L’utilizzo degli spazi aerei è programmato dall’Aeronautica militare giornalmente e ogni pianificazione è comunicata anche alle competenti autorità dell’aviazione civile che devono conoscere l’entità del traffico aereo militare e i dettagli del piano di volo, sia per esigenze organizzative che di sicurezza».

La comunicazione ai civili

«Quanto all’informazione preventiva, da parte delle autorità militari, nei confronti della popolazione in occasione dello svolgimento di attività addestrative con velivoli, è già prassi di Forza armata dare pubblico preavviso di ogni esercitazione di rilievo, così come di ogni evento che preveda la contestuale partecipazione di più aeromobili. Nel caso in esame, si è trattato di una missione addestrativa di un singolo velivolo che ha utilizzato le normali traiettorie di volo che non ricade nelle casistiche sopra esposte. Sugli aspetti legali alla sicurezza e al rispetto delle norme vi è la massima attenzione, affinché l’indispensabile esigenza addestrativa riduca al minimo l’impatto sui residenti nelle aree interessate da esercitazioni di volo. Proprio per questo motivo, oltre che per evitare interferenze con il traffico civile, sono previsti stringenti limiti procedurali, temporali, geografici e di quota per tutte le attività sia addestrative che esercitative».

Il commento di Francesca Bonomo

La deputata del Partito Democratico, Francesca Bonomo, commenta così la replica del Governo: «Forse sarebbe stato meglio avvisare gli amministratori locali, anche se,da quanto emerge dalla risposta del Governo si è trattato di un solo velivolo, così avrebbero potuto tranquillizzare i propri cittadini. Certo è strano il fatto che l’Enav fosse informata: perché allora non è stato subito chiarito da loro l’episodio e anche da parte dell’Aeronautica quando sono stati interpellati? Ci sono voluti un esposto alla Procura della Repubblica, un’interrogazione parlamentare e decine di denunce alle forze dell’ordine per avere una risposta esaustiva. Speriamo che tutto questo non si ripeta in futuro. Ci teniamo a ribadirlo: se ci fosse stato un avviso preventivo, sicuramente non avremmo avuto alcun tipo di allarme».

Fonte



Commento di Oliviero Mannucci: Ma le insabbiature non si fanno in estate al mare?


Come fa ad essere stato un Tornado, dalla tipica forma d'aereo, quando i testimoni hanno detto chiaramente di aver avvistato oggetti di forma sferica o comunque a disco? Come al solito in Italia più che a dare spiegazioni, i nostri politici tendono ad addormentare il cervello della gente, del resto basta ricordare il caso dell'aereo passeggeri della compagnia Itavia esploso sopra Ustica. Meditate cari lettori, meditate!

 


giovedì 22 novembre 2018

InSight atterrerà su Marte il 26 novembre: Ecco come seguire la diretta NASA

L'esplorazione delle profondità di Marte, organizzata dalla NASA e che verrà svolta tramite il lander InSight è programmata sul pianeta rosso intorno alle 15:00 EST del 26 novembre ( le 21 ora italiana), e gli spettatori di tutto il mondo possono assistere all'evento in diretta su NASA Television. Ecco tutti gli orari da non perdere.

 Risultati immagini per insight sonda nasa

Lanciato lo scorso 5 maggio, InSight segnerà il primo atterraggio su Marte della NASA sin dai tempi del rover Curiosity, avvenuto nel 2012. L'atterraggio darà il via ad una missione della durata di due anni interamente dedicati allo studio del sottosuolo marziano, nelle profondità di Marte. I suoi dati aiuteranno gli scienziati, inoltre, a comprendere la formazione di pianeti di natura rocciosa, tra i quali la Terra.
InSight verrà "accompagnata" da due velivoli spaziali della serie Mars Cube One della NASA (MarCO), che decreteranno la prima missione nello spazio profondo per la tecnologia CubeSats, di cui vi avevamo parlato qualche tempo fa mostrandovi le prime immagini di Marte scattate proprio da queste sonde.
Questi "accompagnatori" tenteranno di trasmettere i dati di InSight durante l'evolversi della missione. L'evento sarà coperto sui social e sarà possibile interagire tramite l'hashtag #askNASA.
Mercoledì 21 novembre:
  • ore 19 - Conferenza stampa: panoramica sulla missione
  • ore 20 - Conferenza stampa: panoramica delle missioni scientificheDomenica 25 novembre:
  • ore 19 - Conferenza stampa: aggiornamento finale
  • ore 22 - NASA Social: InSight team Q&A
Lunedì 26 novembre:
  • Landing Day, con una copertura dalle 12 alle 16 ed Interviste dal vivo con esperti di missioni aerospaziali
  • Dalle 20:30 alle 21:00 - Commento dell' atterraggio dal vivo sulla NASA TV
  • dalle 23:00 - Conferenza stampa post-atterraggio
Sarà inoltre disponibile sulla pagina NASA TV uno streaming ininterrotto all'interno del JPL Mission Control, con solo trasmissione audio della missione. La missione sarà gestita dal centro di controllo presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA a Pasadena, in California. Qui sulle pagine di Everyeye vi aggiorneremo sugli sviluppi dell'intera missione marziana.
Nel frattempo, vi lasciamo i link alla diretta streaming ed al sito ufficiale della missione.
FONTE: nasa

Astronomia: il “volto rugoso” di Phobos, il maggiore e più interno dei satelliti naturali di Marte

Phobos torna alla ribalta per uno studio sulla sua parte esterna, recentemente pubblicato su Planetary and Space Science

Phobos

La sua superficie è solcata in larga parte da una rete di rigature, un tratto distintivo del suo look che ha fatto discutere per oltre 40 anni gli studiosi: il volto rugoso è quello di Phobos, il maggiore e più interno dei satelliti naturali di Marte. Scoperto nell’agosto 1877 dall’astronomo statunitense Asaph Hall, il corpo celeste torna alla ribalta per uno studio sulla sua parte esterna, recentemente pubblicato su Planetary and Space Science (articolo“Origin of Phobos grooves: Testing the Stickney Crater ejecta model”): la ricerca – riporta Global Science – è stata condotta da un team di planetologi della Brown University di Providence (Stati Uniti). Secondo gli autori dell’articolo, i solchi che si snodano su Phobos sarebbero stati prodotti dal movimento di detriti rocciosi derivanti dallo Stickney, un bacino creatosi in seguito all’impatto con un asteroide. Le linee, visibili su gran parte della crosta del satellite naturale, sono note da tempo: sono state infatti osservate per la prima volta negli anni ’70 dalle sonde Nasa Mariner 9 e Viking 1.
Da allora, la comunità scientifica ha cercato di spiegare l’origine del fenomeno, formulando varie teorie come, ad esempio, l’influenza della forza di gravità del Pianeta Rosso, l’azione di detriti provenienti da impatti di vasta portata sulla superficie di Marte e, infine, un collegamento alle rocce derivanti dalla formazione del cratere Stickney. La terza ipotesi, proposta alla fine degli anni ’70, potrebbe essere plausibile. Infatti, la luna ha un diametro di soli 27 chilometri e, in relazione a queste dimensioni, il cratere ha un’ampiezza di ben 9 chilometri: i detriti provenienti dall’impatto che ha formato lo Stickney potrebbero effettivamente essere i responsabili dei segni su Phobos. I planetologi della Brown University ritengono che la connessione tra i solchi e la grande cavità presenti però qualche problema: ad esempio, non tutte le linee si dipartono in direzione radiale dal bacino e alcune di esse appaiono sovrapposte, come se si fossero formate in periodi differenti. Inoltre, le scanalature attraversano anche lo Stickney, mentre non sono presenti in alcune zone di Phobos.  Gli studiosi, giunti a questo punto, si sono giovati di modelli informatici (immagine in alto) per comprendere se effettivamente l’ipotesi di detriti provenienti dal cratere possa essere coerente o meno; la simulazione effettuata in laboratorio ha ricreato il percorso delle rocce che si sono mosse dallo Stickney. I parametri di Phobos presi in considerazione per l’esperimento sono stati: forma, topografia, gravità, rotazione e orbita intorno a Marte.
Il modello ha mostrato che le rocce tendono ad allinearsi fra loro secondo percorsi paralleli, confermando quanto osservato su Phobos. Inoltre, considerate le piccole dimensioni e la debole gravità del corpo celeste, i detriti dello Stickney continuano a rotolare piuttosto che fermarsi dopo un breve tratto. Questa specie di ‘giro del mondo’ sulla piccola luna potrebbe spiegare sia perché alcune strisce non sono radiali rispetto al cratere, sia perché altre appaiono sovrapposte. In alcune prove, queste rocce ‘vagabonde’ hanno percorso tutta la luna e sono tornate al punto di partenza, vale a dire il cratere; questo spiegherebbe perché anche lo Stickney è solcato dalle ‘rughe’. Per quanto riguarda la zona di Phobos priva di segni, gli studiosi hanno notato che in essa è presente un’elevazione piuttosto contenuta e circondata da un orlo: la simulazione mostra che le rocce arrivano al bordo, spiccano un salto, come se si trovassero su un trampolino da sci, passano sopra la zona compresa nell’orlo e scendono sull’altro lato della luna.  Il team della ricerca, visti i risultati della sperimentazione, è convinto che il cratere Stickney possa essere effettivamente considerato la fonte delle ‘rughe’ di Phobos.

Filomena Fotia 

Fonte 

The film Geostorm becomes reality! China manipulates the climate using satellites


Unknown Object In The Background Sky. California Bushfires. 2018.


Diretor de Astronomia Russo admite a existência de outras civilizações fora da Terra

Risultati immagini per Dmitry Bisikalo



Dmitry Bisikalo, diretor do Instituto de Astronomia da Academia de Ciências da Rússia disse que admite a existência de muitas civilizações extraterrestres fora do Sistema Solar, observando que os alienígenas simplesmente “não querem entrar em contato”.




“Eu admito a existência de civilizações inteligentes extraterrestres. Afinal, se a nossa civilização existe, por analogia pode haver outras, e, provavelmente, muitas delas”, comentou Bisikalo ao sputniknews.com
Segundo ele, o astrônomo e astrofísico norte-americano, Frank Drake, em 1960, desenvolveu uma fórmula permitindo calcular o número de civilizações extraterrestres com as quais poderíamos entrar em contato.
“De acordo com esta fórmula, há inúmeras delas”, destacou.
Bisikalo observou que a humanidade ainda não encontrou evidências de existência extraterrestre, porque os alienígenas “não querem entrar em contato”. A segunda razão é por causa de um possível curto período de vida da civilização, explicada por desastres naturais, derretimento das geleiras, poluição, clima e também uma Terceira Guerra Mundial.
Por exemplo, até o começo do século XX, nossa civilização não irradiava nada. Agora, a Terra está repleta de sinais eletrônicos em diferentes intervalos, mas a tendência geral é reduzir as perdas e, consequentemente, diminuir o nível do sinal, disse.
O diretor do instituto acrescentou que o raciocínio sobre a existência de outras civilizações se transformou num plano experimental prático depois da descoberta dos exoplanetas.
Ele salientou que agora uma das tarefas principais é identificar e procurar possíveis biomarcadores no espaço – evidências da existência da vida. Esses marcadores biológicos são oxigênio, ozônio, metano, mas sua presença no exoplaneta não garante a existência de vida, indicou.
“É importante notar que muitos biomarcadores aparecem na região ultravioleta do espectro, os quais serão estudados pelo observatório espacial Spektr-UF, que será lançado em órbita em 2024. Provavelmente, com sua ajuda veremos algo realmente interessante”, concluiu Bisikalo.
 

Así se vio un OVNI en el cielo de Buenos Aires durante Mañanas Argentinas



Shape Shifting UFO Sighted Over New York ( November 16, 2018 )


Date of sighting: November 16, 2018
Location of sighting: New York, USA
Original video: https://www.youtube.com/watch?v=b-uZzl0c1_s

This is really strange. This metallic looking UFO floated over an heavily populated area of New York four days ago. The object was very high in the sky and hard to observe, possibly spinning making it appear to be shapeshifting. The fact that its spinning makes it clear that its not a balloon which would float and drift with the wind without spinning so fast. UFOs often do spin a different speeds, so this seems to be a legit sighting. Even John Lennon witnessed a UFO in New York while standing on his patio of his penthouse apartment back in Aug 23, 1974. Just because its a populated area doesn't mean a UFO wont visit that area. UFOs visit all areas of the planet. This looks real to me. I have to say its similar to a UFO tracked by the US military on infrared camera last year. Amazing video. 
Scott C. Waring

Eyewitness states: 
After the 1st snow in Long Island New York, the skies were not that clear but enough sunshine for some footage. The time of sighting 3:09 p.m. in Valley Stream New York. Was not able to get a great image but a decent footage since they move a bit fast along with its shape shifting abilities.

Source News 

Meet J. Allen Hynek, the Astronomer Who First Classified UFO 'Close Encounters'

Meet J. Allen Hynek, the Astronomer Who First Classified UFO 'Close Encounters'

J Allen Hynek

Northwestern University Astrophysicist J. Allen Hynek, 1966.

 



It’s September 1947, and the U.S. Air Force has a problem. A rash of reports about mysterious objects in the skies has the public on edge and the military baffled. The Air Force needs to figure out what’s going on—and fast. It launches an investigation it calls Project Sign.
By early 1948 the team realizes it needs some outside expertise to sift through the reports it’s receiving—specifically an astronomer who can determine which cases are easily explained by astronomical phenomena, such as planets, stars or meteors.
For J. Allen Hynek, then the 37-year-old director at Ohio State University’s McMillin Observatory, it would be a classic case of being in the right place at the right time—or, as he may have occasionally lamented, the wrong place at the wrong one.

The adventure begins

Hynek had worked for the government during the war, developing new defense technologies like the first radio-controlled fuse, so he already had a high security clearance and was a natural go-to.
“One day I had a visit from several men from the technical center at Wright-Patterson Air Force base, which was only 60 miles away in Dayton,” Hynek later wrote. “With some obvious embarrassment, the men eventually brought up the subject of ‘flying saucers’ and asked me if I would care to serve as consultant to the Air Force on the matter… The job didn't seem as though it would take too much time, so I agreed.”

Little did Hynek realize that he was about to begin a lifelong odyssey that would make him one of the most famous and, at times, controversial scientists of the 20 century. Nor could he have guessed how much his own thinking about UFOs would change over that period as he persisted in bringing rigorous scientific inquiry to the subject.
“I had scarcely heard of UFOs in 1948 and, like every other scientist I knew, assumed that they were nonsense,” he recalled.
Project Sign ran for a year, during which the team reviewed 237 cases. In Hynek’s final report, he noted that about 32 percent of incidents could be attributed to astronomical phenomena, while another 35 percent had other explanations, such as balloons, rockets, flares or birds. Of the remaining 33 percent, 13 percent didn’t offer enough evidence to yield an explanation. That left 20 percent that provided investigators with some evidence but still couldn’t be explained.
The Air Force was loath to use the term “unidentified flying object,” so the mysterious 20 percent were simply classified as “unidentified.”
In February 1949, Project Sign was succeeded by Project Grudge. While Sign offered at least a pretense of scientific objectivity, Grudge seems to have been dismissive from the start, just as its angry-sounding name suggests. Hynek, who played no role in Project Grudge, said it “took as its premise that UFOs simply could not be.” Perhaps not surprisingly, its report, issued at the end of 1949, concluded that the phenomena posed no danger to the United States, having resulted from mass hysteria, deliberate hoaxes, mental illness or conventional objects that the witnesses had misinterpreted as otherworldly. It also suggested the subject wasn’t worth further study.



Project Blue Book is born

That might’ve been the end of it. But UFO incidents continued, including some puzzling reports from the Air Force’s own radar operators. The national media began treating the phenomenon more seriously; LIFE magazine did a 1952 cover story, and even the widely respected TV journalist Edward R. Murrow devoted a program to the topic, including an interview with Kenneth Arnold, a pilot whose 1947 sighting of mysterious objects over Mount Rainier in Washington state popularized the term “flying saucer.” The Air Force had little choice but to revive Project Grudge, which soon morphed into the more benignly named Project Blue Book.
Hynek joined Project Blue Book in 1952 and would remain with it until its demise in 1969. For him, it was a side gig as he continued to teach and to pursue other, non-UFO research, at Ohio State. In 1960 he moved to Northwestern University in Evanston, Illinois, to chair its astronomy department.
As before, Hynek’s role was to review the reports of UFO sightings and determine whether there was a logical astronomical explanation. Typically that involved a lot of unglamorous paperwork; but now and then, for an especially puzzling case, he had a chance to get out into the field.

HISM197_VV281




There he discovered something he might never have learned from simply reading the files: how normal the people who reported seeing UFOs tended to be. “The witnesses I interviewed could have been lying, could have been insane or could have been hallucinating collectively—but I do not think so,” he recalled in his 1977 book, The Hynek UFO Report.
“Their standing in the community, their lack of motive for perpetration of a hoax, their own puzzlement at the turn of events they believe they witnessed, and often their great reluctance to speak of the experience—all lend a subjective reality to their UFO experience.”
For the rest of his life Hynek would deplore the ridicule that people who reported a UFO sighting often had to endure—which, in turn, caused untold numbers of others to never come forward. It wasn’t just unfair to the individuals involved, but meant a loss of data that might be useful to researchers.
“Given the controversial nature of the subject, it’s understandable that both scientists and witnesses are reluctant to come forward,” says Jacques Vallee, co-author with Dr. Hynek of The Edge of Reality: A Progress Report on Unidentified Flying Objects. “Because their life is going to change. There are cases where their house is broken into. People throw stones at their kids. There are family crises—divorce and so on… You become the person who has seen something that other people have not seen. And there is a lot of suspicion attached to that.”

Eyes on the skies—and the Soviets

 

Smithsonian Astrophysical Observatory scientists doctors J. Allen Hynek (left) and Fred Whipple plotting orbit of Sputnik I at the Harvard University campus in 1957. 

Smithsonian Astrophysical Observatory scientists doctors J. Allen Hynek (left) and Fred Whipple plotting orbit of Sputnik I at the Harvard University campus in 1957. 

 

In the late 1950s, the Air Force faced a more urgent problem than hypothetical UFOs. On October 4, 1957, the U.S.S.R. surprised the world by launching Sputnik, the first artificial space satellite—and a serious blow to Americans’ sense of technological superiority.
At that point, Hynek had taken leave from Ohio State to work on a satellite-tracking system at Harvard, notes Mark O’Connell in his 2017 biography, The Close Encounters Man. Suddenly Hynek was on TV and holding frequent press conferences to assure Americans that their scientists were closely monitoring the situation. On October 21, 1957, he appeared on the cover of LIFE with his boss, the Harvard astronomer Fred Whipple, and their colleague Don Lautman. It was his first taste of the national celebrity, but wouldn’t be the last.
With Sputnik circling the earth every 98 minutes, often visible to the naked eye, many Americans began looking skyward, and UFO sightings continued unabated.

From Dr. Hynek to Mr. UFO

By the 1960s, Hynek had emerged as the nation’s—perhaps the world’s—top expert on UFOs, quoted widely in his capacity as scientific consultant to Project Blue Book. But behind the scenes, he chafed at what he perceived as the project’s mandate to debunk UFO sightings. He was also critical of its procedures, judging the Blue Book staff “grossly inadequate,” its communication with outside scientists “appalling” and its statistical methods “nothing less than a travesty.”
The feeling, apparently, was mutual. In an unpublished manuscript unearthed by biographer O'Connell, Air Force Major Hector Quintanilla, who headed the project from 1963 to 1969, writes that he considered Hynek a “liability.”
Why did he stick around? Hynek offered a number of explanations. “But most importantly,” he wrote, “Blue Book had the store of data (as poor as they were), and my association with it gave me access to those data.”

UFO expert Dr. J. Allen Hynek holds a pipe and one of his magazine editorials while serving as technical advisor for the film, 'Close Encounters of The Third Kind.' 


UFO expert Dr. J. Allen Hynek holds a pipe and one of his magazine editorials while serving as technical advisor for the film, 'Close Encounters of The Third Kind.' 


If Hynek often angered UFO debunkers, like Quintanilla, he didn’t always please the believers, either.
In 1966, for example, he went to Michigan to investigate multiple reports of strange lights in the sky. When he offered the theory that it might have been an optical illusion involving swamp gas, he found himself widely derided in the press and “swamp gas” became a punchline for newspaper cartoonists. More seriously, two Michigan Congressmen, including Gerald R. Ford (who later became president), took umbrage at the apparent insult to their state’s citizenry and called for a Congressional hearing.
Testifying at the hearing, Hynek saw an opportunity to plead the case he’d been making to the Air Force for years, but with little success. “Specifically, it is my opinion that the body of data accumulated since 1948…deserves close scrutiny by a civilian panel of physical and social scientists…for the express purpose of determining whether a major problem really exists.”
Hynek would soon get his wish, or so it seemed. Now facing greater scrutiny in Congress, the Air Force established a civilian committee of scientists to investigate UFOs, chaired by a University of Colorado physicist, Dr. Edward U. Condon. Hynek, who would not be on the committee, was hopeful at first. But he lost faith two years later when the committee issued what came to be known as the Condon Report.
He called the report “rambling” and “poorly organized” and Condon’s introductory summary “singularly slanted.” Though the report cited numerous UFO incidents its researchers couldn’t explain, it concluded that “further extensive study of UFOs probably cannot be justified.” It was exactly what Hynek wouldn’t have wanted.
The following year, 1969, Project Blue Book shut down for good.


After Blue Book, a new chapter

The end of Blue Book proved a turning point for Hynek. As O'Connell writes, he “found himself suddenly liberated from the frustrations, compromises and bullying of the U.S. Air Force. He was a free man.”
Meanwhile, sightings continued around the world—UFOs, Hynek later quipped, “apparently did not read the Condon Report”—and he went on with his research.
In 1972, he published his first book, The UFO Experience. Among its contributions to the field, it introduced Hynek’s classifications of UFO incidents he called Close Encounters.
Close Encounters of the First Kind meant UFOs seen at a close enough range to make out some details. In a Close Encounter of the Second Kind, the UFO had a physical effect, such as scorching trees, frightening animals or causing car motors to suddenly conk out. In Close Encounters of the Third Kind, witnesses reported seeing occupants in or near a UFO.
Though less remembered now, Hynek also provided three classifications for more distant encounters. Those involved UFOs seen at night (“nocturnal lights”) during the day (“daylight discs”) or on radar screens (“radar/visual”).
The most dramatic of Hynek’s classifications, Close Encounters of the Third Kind, would, of course, become the title of a Steven Spielberg movie released in 1977. O'Connell reports that Hynek was paid $1,000 for the use of the title, another $1,000 for the rights to use stories from the book and $1,500 for three days of technical consulting—hardly a windfall by Hollywood standards. He also had a brief cameo in the film, playing an awestruck scientist when the alien craft comes into close view.
In 1978, Hynek retired from teaching, but he continued to collect and evaluate UFO reports under the auspices of the Center for UFO Studies, which he had founded in 1973. The organization continues to this day.
Hynek died in 1986 at age 75, the result of a brain tumor. He hadn’t solved the riddle of UFOs but, perhaps more than anyone else, he had made trying to solve that riddle a legitimate scientific pursuit.
“The main thing I got from my father in this whole thing was how important it was to keep an open mind,” says his son, Joel Hynek, who as a young ham-radio operator used to record many of his father’s witness interviews. “He kept saying, ‘You know, we don’t know still everything there is to know about the universe… There could be aspects of physics that we haven’t come upon yet.’”

Source news



Gli alieni hanno inviato un'astronave per cercare forme di vita sulla Terra?

Misteriosa l'origine di Oumuamua, un corpo celeste che non sarebbe né un asteroide né una cometa. A lanciare l'ipotesi due astronomi sulla base dell'accelerazione dell'oggetto.

 

 Risultati immagini per Oumuamua

 

HAWAII – Gli alieni hanno costruito un’astronave per andare in cerca di forme di vita sulla Terra? Non sarebbe dunque solo l’uomo a cercare creature vive e pensati in altri pianeti… La suggestiva ipotesi viene da due astronomi del prestigioso Harvard Smithsonian Center for Astrophysics (CfA).
A loro avviso, Oumuamua, il corpo spaziale a forma di sigaro gigante che lo scorso anno ha fatto capolino nel Sistema solare, non sarebbe né un asteroide né una comete come si era ipotizzato bensì un veicolo appunto inviato dagli alieni. L’accelerazione dell’oggetto possibile solo per i corpi celesti "che hanno una grande superficie e sono molto sottili, che non esistono in natura". Una sonda? L’ipotesi è stata esclusa. E i due hanno optato per l’affascinante teoria.
Un articolo in merito è stato pubblicato su Arxiv, il sito che traccia gli articoli scientifici prima della revisione in vista della pubblicazione ufficiale e ha subito fatto discutere.

Fonte

Commento di Oliviero Mannucci: l'astronave inviata in direzione della Terra per cercare eventuali segni di vita intelligente è tornata a casa senza aver trovato nulla d'interessante. Se non qualche miliardo di parassiti di una strana razza di bipedi impegnati a distruggere il pianeta che li ospita e ad uccidersi tra di loro.

Arecibo ci riprova: "Giovani, scrivete il nuovo messaggio per contattare gli alieni"

Quarantaquattro anni dopo l'osservatorio di Arecibo ci riprova. Concorso fra studenti per realizzare un codice da inviare nello spazio agli extraterrestri

 Risultati immagini per vignette su Arecibo e alieni

 Che abbiate 5 o 25 anni, se avete un'idea, provate a scrivere un messaggio per gli alieni. Perché 44 anni dopo la trasmissione più potente al mondo mai deliberatamente trasmessa nello spazio e indirizzata a forme di vita sconosciute, Arecibo ci riprova. Nel 1974 dall'osservatorio di Portorico, fra i più famosi al mondo, venne trasmesso dal Radiotelescopio allo spazio, indirizzato verso l'ammasso globulare di Ercole M13, a 25.000 anni luce di distanza, un messaggio destinato agli extraterrestri.

(Nota di Oliviero Mannucci: M13 si trova a 22 180 anni luce, precisamente. )


 

Conteneva informazioni sull'umanità: composto da 1679 cifre binarie (numero scelto perché prodotto da due numeri primi - 23 e 73 - e riordinabile in altrettante righe e colonne), il messaggio formava un'immagine in grado di rappresentare elementi "utili" a un contatto con gli alieni.
 Seppur criticato, e comunque pensato per una iniziativa di promozione del Radiotelescopio stesso e delle attività astronomiche, il codice conteneva ad esempio i numeri atomici di elementi come idrogeno, ossigeno e altri; la forma di un uomo stilizzata, la rappresentazione del Dna o del Sistema solare, la sagoma del radiotelescopio e perfino l'informazione sul numero della popolazione terrestre, poco più di 4,2 miliardi di persone. Stavamo mandando informazioni di come eravamo.
Oggi, a distanza di anni da quel 16 novembre, con la popolazione quasi raddoppiata (7,6 miliardi), da Arecibo sarà lanciato un nuovo ed aggiornato messaggio. Questa volta però l'osservatorio chiede aiuto attraverso un concorso: l'obiettivo è educare i giovani alle tecniche della Radioastronomia, avvicinarli allo spazio e alle attività di Arecibo, ma il "challenge" alla fine produrrà un reale messaggio per gli extraterrestri.
Sebbene il primo non abbia mai ricevuto una risposta, le idee del Seti (Search for Extra-Terrestrial Intelligence, Ricerca di Intelligenza Extraterrestre) e il fascino di un "messaggio in bottiglia" per ipotetici vicini di casa spaziali non cessano di esistere.
 Nota di Oliviero Mannucci: non è vero che non ci sia stata una risposta, se si invia un segnale radio a 22 180 anni luce di distanza ci vogliono minimo 44 360 anni per riceverla e quindi attenendoci a questo assunto nessun scienziato può fare una simile affermazione, inoltre guardate il video qui sotto pubblicato e giudicate voi stessi se  non abbiamo ricevuto una risposta, probabilmente da qualche astronave di passaggio che ha intercettato il messaggio lanciato dalla Terra molto prima del lontanissimo ammasso globulare di M13)
 Amate dalla fantascienza e dalla letteratura, come nel romanzo Il quinto giorno di Frank Schätzing, le fantasie su messaggi da ideare per comunicare con forme di vita sconosciute continuano infatti ad ardere nella testa di scrittori, scienziati e, potenzialmente, far sognare anche i ragazzi. 

Per questo il concorso di Arecibo sarà destinato "dalla materna all'università" a tutti i giovani: verranno selezionate e formate "squadre intergenerazionali, multidisciplinari e internazionali di 5 studenti più un tutor (professore, scienziato, insegnante) che dovranno progettare il nuovo messaggio di Arecibo". Per risolvere il rompicapo su quale possibile segnale inviare tramite onde radio i team dovranno studiare, passare dei test e presentare i loro progetti sperando, nel 2019, di essere i fortunati autori del tentativo di contatto. 
Nel 1974, quando fu inviato il primo insieme di codici binari, il trasmettitore megawatt collegato su una antenna di 305 metri permise l'eccezionale trasmissione in una porzione molto piccola del cielo. Oggi il nuovo esperimento sarà arricchito dalle nuove competenze e tecnologie conosciute e dovrà essere totalmente ripensato e adattato alle conoscenze odierne. Resta però l'idea di fondo di un esperimento "utile per indurci a pensare alle difficoltà di comunicare attraverso lo spazio e il tempo e superare divari culturali" con "forme di vita sconosciute".  
 
 
Il biglietto da visita intergalattico, secondo il programma di Arecibo, sarà selezionato soltanto a metà del prossimo anno: prima infatti gli studenti in gara dovranno riuscire a decifrare codici ed enigmi scientifici e solo allora, quando le squadre vincitrici passeranno il turno, cominceranno a studiare esattamente cosa dovrà includere il nuovo codice che apparirà differente da quello allora guidato dal celebre astronomo Frank Drake con la collaborazione di Carl Sagan. Una volta ultimati i lavori, probabilmente a fine anno, il messaggio verrà inviato nello spazio. Agli alieni il compito di decifrarlo.
 
Giacomo Taligani 

Fonte 
Commento di Oliviero Mannucci: Spero che questa volta il messaggio venga inviato verso stelle nel raggio dei 4 - 100 anni luce al massimo, in questo modo, sempre attraverso le obsolete onde radio tradizionali ( vedi su Google "onde radio scalari Tesla") che ci ostiniamo ad utilizzare per fare questo tipo di imprese del piffero, si potrebbe ricevere una risposta che può andare da poco più di 8 anni a massimo 200 anni. Un tempo sicuramente più ragionevole dei 44 360 anni di attesa per M13, tempo in cui la civiltà umana potrebbe anche essersi estinta vista la grande stupidità che la contraddistingue, soprattutto da parte di alcuni cosi detti "scienziati" che ignorando completamente la casistica ufologica continuano a perdere tempo in esperimenti ( leggi pure "fregnacce") di questo tipo. Il mio messaggio da inviare?!" Cari ET venite sulla Terra a prendere le teste di cacchio che ideano queste stronzate, farete fare sicuramente un grande passo avanti all'umanità tutta".

MISTERO A FILIA - Ufo o stella cadente?

| Sono state numerose le segnalazioni di un curioso corpo celeste che si è abbattuto con forza al suolo nella notte del 15 novembre





Risultati immagini per bolide con scia
Un bolide con scia







Proseguono le ricerche tra i boschi di Filia, nei pressi di Castellamonte. Sono state numerose le segnalazioni di un curioso corpo celeste che si è abbattuto con forza al suolo nella notte del 15 novembre. Non è chiaro di cosa si trattasse e, ad ora, le forze dell'ordine non rilasciano dichiarazioni in attesa di vederci più chiaro. Pare infatti che non si riescano a reperire prove tangibili dell'esplosione avvertita da circa 30 abitanti della zona ma un elemento chiave delle ricerche è in questo momento visibile a tutti: nel cielo è infatti rimasta una scia dorata che si interrompe nei pressi di un bosco della Valle Sacra, sito proprio in Filia.

Numerosi astronomi, anche stranieri, come Philippe Chiadeau dichiarano “sono stato sul posto questa mattina per capire di cosa si trattasse e non nascondo che, quello che ho visto, è una cosa assolutamente inusuale. Non è mai accaduto prima che un corpo celeste di dimensioni piuttosto estese come quello avvistato poche ore fa in questa zona non lasciasse detriti visibili a occhio nudo. La scia presente nel cielo è, inoltre, un elemento che, in anni di studi, non avevo mai riscontrato prima. Spero nell'intervento di un équipe di esperti che possa supportare il lavoro di ricerca che sto svolgendo in queste ore”.

La pace è ormai un lontano ricordo per questo piccolo paese in provincia di Torino e i primi giornalisti stanno accorrendo in loco per capire quello che può essere successo intervistando gli abitanti del luogo, già stanchi delle numerose incursioni di forestieri. Pare essere in viaggio il detective specializzato di cui vi abbiamo parlato nello scorso articolo, che è partito dalla Finlandia per portare avanti le indagini e capire quanto può essere accaduto. Si stanno inoltre attivando in queste ore le unità cinofile per setacciare il bosco in questione.

Ora la parola d'ordine è solamente una: trovare i primi detriti per analizzarli e capire di cosa si tratta. Potremmo essere di fronte a una scoperta rivoluzionaria e la pace in Canavese sembra, per ora, un lontano ricordo.

Fonte

Commento di Oliviero Mannucci: Osservo il cielo dal 1975, ne ho viste di cotte e di crude. Bolidi che si frammentano in tre parti producendo un boato sordo, bolidi più ordinari, ma pur sempre bolidi con la loro bella scia di fumo osservata al binocolo, oggetti luminosi simili a  satelliti, che se sollecitati con segnali luminosi rispondono riproducendo la stessa sequenza luce accesa spenta zig zagando vistosamente in cielo. In quest'occasione credo proprio che si tratti dell'ennesimo bolide, che sicuramente avrà prodotto dei frammenti caduti a terra, che se trovati potranno aiutare chi studia questi corpi extraterrestri. Attendo ulteriori notizie in merito, prima di pronunciarmi definitivamente. 

giovedì 15 novembre 2018

Conto alla rovescia per l’atterraggio di InSight su Marte: un’operazione delicatissima a cui partecipa anche l’Italia

Conto alla rovescia per l’atterraggio di InSight su Marte: un’operazione delicatissima a cui partecipa anche l’Italia

 

 

 

Partito il conto alla rovescia per il prossimo “ammartaggio”, l’atterraggio su Marte: a tentare l’impresa sarà InSight (Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport), il lander NASA incaricato di riportare gli USA sul suolo del pianeta rosso quattro anni dopo il touchdown del rover Curiosity, avvenuto nell’agosto 2014.
Il contatto con Marte è previsto alle 15 (Eastern standard time – Est) del 26 novembre, le 21 in Italia, e vedrà il coinvolgimento del nostro Paese tramite il Sardinia Deep Space Antenna: la grande parabola del radiotelescopio Srt situata a San Basilio, in provincia di Cagliari ed entrata a far parte del Deep Space Network nel settembre del 2017, riceverà i dati che Insight invierà agli orbiter marziani duranti le fasi di discesa e atterraggio.
Come Curiosity – spiega Global Science – la sfida che attende Insight sarà affrontare quelli che la Nasa ha definito i 7 minuti di terrore che intercorrono tra l’entrata in atmosfera marziana e il touchdown. Atterrare su Marte, infatti, resta ancora oggi un passaggio critico per le missioni marziane per via dell’atmosfera rarefatta del pianeta che non fa da ‘freno naturale’ durante la discesa. Basti pensare che l’atterraggio morbido è riuscito solo al 40% dei veicoli che lo ha tentato, e il primato, ad oggi, è ancora prerogativa esclusiva degli Stati Uniti.


La sequenza, delicatissima, prevede tre momenti principali: l’ingresso in atmosfera a una velocità di 5,5 km al secondo durante il quale InSight effettuerà la prima frenata grazie dall’accensione di piccoli razzi. Seguirà l’apertura di un grande paracadute che dovrà rallentare ulteriormente la veloce corsa del veicolo verso il suolo, contestualmente si verificherà l’espulsione dello scudo termico e saranno dispiegate le tre gambe incaricate di ammortizzare l’urto del contatto.
Infine, InSight sgancerà anche scudo posteriore e paracadute ed accenderà i 12 retrorazzi mentre il computer di bordo controllerà la discesa fino al touchdown sulla Elysium Planitia, luogo scelto per l’atterraggio, oltre che per la valenza scientifica, anche per le caratteristiche fisiche favorevoli tanto da essere noto tra gli addetti come il più grande parcheggio di Marte.
Lanciato il 5 maggio scorso, InSight sarà il primo lander a studiare le profondità del suolo di Marte. Il veicolo è accompagnato da due mini-satelliti, i cubesat Mars Cube One (MarCO), i primi del loro genere ad effettuare una missione oltre l’orbita bassa. I due veicoli – lanciati con InSight ma indipendenti rispetto al lander – testeranno la capacità di trasmettere, in tempo reale verso la Terra, i dati prodotti da Insight durante la l’ingresso in atmosfera, la discesa e l’atterraggio.

Filomena Fotia 

Fonte 

Commento di Oliviero Mannucci: ricordo ai miei lettori che su questo blog c'è il link per vedere NASA TV, dove verrà trasmessa in diretta l'atterraggio della sonda su Marte. Speriamo solo che non ci siano problemi di parcheggio. Un saluto!

Astronomia: tracce di antiche glaciazioni sul volto di Plutone

Un team internazionale di ricercatori, coordinato dal Seti Institute, ha cercato di individuare le origini di particolari formazioni geologiche su Plutone

Risultati immagini per increspature su plutone

Increspature e piccoli crinali che si susseguono, creando uno scenario piuttosto accidentato sulla superficie di Plutone: sono le strutture geologiche che caratterizzano il territorio situato al confine con la Sputnik Plainitia, una vasta pianura di azoto ghiacciato. La zona in questione – riporta Global Science – si snoda lungo il margine nordovest della spianata ed ha suscitato l’interesse degli studiosi per le sue peculiarità. Un team internazionale di ricercatori, coordinato dal Seti Institute, ha cercato di individuare le origini di queste formazioni geologiche, basandosi sui dati raccolti dalla sonda New Horizons della Nasa in occasione del suo storico fly-by del pianeta nano, avvenuto nel luglio 2015. Nel gruppo di lavoro sono stati coinvolti anche rappresentanti dell’Ames Research Centerdella Nasa e del team della missione New Horizons. I risultati della ricerca sono stati illustrati nell’articolo “Washboard and fluted terrains on Pluto as evidence for ancient glaciation”, appena pubblicato su Nature Astronomy.
Gli esperti hanno analizzato le caratteristiche morfologiche delle scanalature e delle ondulazioni e la loro distribuzione, non solo per spiegarne l’origine ma anche per dare loro una collocazione cronologica nel passato di Plutone. In primo luogo, è stato inquadrato il loro contesto topografico: le ondulazioni (washboard ridges) si presentano soprattutto all’interno di bacini, di zone afondovalle e di altipiani, mentre le scanalature (fluted ridges) caratterizzano massicciripidi bastioni rocciosi e pareti di crateri. Nell’immagine in alto è inquadrata l’area oggetto dello studio, dove, al confine con la Sputnik Planitia, le elevazioni sono meno pronunciate ed è presente un importante zona tettonica. La quota bassa di questo territorio, secondo i modelli elaborati dagli studiosi, lo ha reso uno scenario coerente con la presenza, in passato, di una copertura glaciale. Il gruppo di lavoro ha poi effettuato una comparazione tra le strutture dell’area in questione e le fosse di sublimazione presenti nella parte meridionale della Sputnik Planitia, ritenendo che le prime siano dovute a detriti di ghiaccio d’acqua connessi ai movimenti tettonici di una crosta sottostante.
Questi detriti avrebbero galleggiato nel più denso azoto ghiacciato che un tempo doveva ricoprire la zona e successivamente si sarebbero accumulati sul fondo delle fosse; dopo la sublimazione dell’azoto ghiacciato, i detriti avrebbero formato dei crinali allineati ad imitazione dello ‘schema’ di sublimazione, ovvero ondulazioni su terreni piatti e scanalature su quelli in pendenza. Il team della ricerca ritiene che questi fenomeni geologici si siano verificati in una fase piuttosto antica della storia di Plutone, dopo la formazione della Sputnik Planitia, avvenuta circa 4 miliardi di anni fa per impatto. Il territorio analizzato, secondo gli studiosi, costituisce una nuova categoria di formazione glaciale sul pianeta nano e rappresenta una prova dell’estensione dell’azoto ghiacciato in un lontano passato. La spaziatura tra le increspature, infine, permette di mappare l’antica copertura glaciale da cui derivano, che doveva svilupparsi su una superficie di almeno 70mila chilometri quadrati.