Statistiche

lunedì 28 gennaio 2019

Secret Space Program | Solar Warden & Black Budget


Source video: Matrix World Disclousure

Secret Space Program |Solar Warden & Black Budget Source: https://www.matrixdisclosure.com/ The secrets of free energy, the secret space program, or the true nature of the cosmos, the governments of the world and the “hidden masters” of the New World Order are at this point the most discussed topic in the online environment and vehemently denied by the American government. As we all know, the media still in the hands of the global evil elite, do not “sweat” any words about the existing technologies it owns that could pull mankind away from the crisis , but also from the fossil fuel age and the provision of free energy to mankind, thus making an enormous leap in the evolution of civilization. Black Budget began to come to light after October / November 2012 and rely primarily on the personal testimony of an “insider” named Daniel, who claims to have been part of the Montauk Project, which later turned into Phoenix I, II and III. These Black Budget projects are carefully guarded by the eyes of the public. One of the main objectives involved in these projects was the testing and development of many technologies based on Nikola Tesla’s works, Cold Fusion / Pons and Fleischmann, Nuclear Energy Reacts, antimatter and anti-hydrogen propulsion systems and others. The development of these technologies has led to the creation of a secret space program that goes well beyond the scope of information NASA has chosen to “publicly” release in terms of the true nature of the Cosmos. Many of these projects are funded from the “Black Budget” with huge sums of money and by the global banking cartel as part of the diversion of global collateral accounts

Petrified Termite Mound Found On Mars?



Source video: Paranormal Crucible

It’s time to start taking the search for E.T. seriously, astronomers say

Some scientists are pushing for NASA to make looking for alien technology an official goal

 

Green Bank Telescope
WE’RE LISTENING  The Green Bank Telescope in West Virginia was the first to listen for signals from intelligent aliens in 1960. The radio telescope has gotten back into the search for extraterrestrial intelligence in recent years.


Long an underfunded, fringe field of science, the search for extraterrestrial intelligence may be ready to go mainstream.
Astronomer Jason Wright is determined to see that happen. At a meeting in Seattle of the American Astronomical Society in January, Wright convened “a little ragtag group in a tiny room” to plot a course for putting the scientific field, known as SETI, on NASA’s agenda.
The group is writing a series of papers arguing that scientists should be searching the universe for “technosignatures” — any sign of alien technology, from radio signals to waste heat. The hope is that those papers will go into a report to Congress at the end of 2020 detailing the astronomical community’s priorities. That report, Astro 2020: Decadal Survey on Astronomy and Astrophysics, will determine which telescopes fly and which studies receive federal funding through the next decade.
“The stakes are high,” says Wright, of Penn State University. “If the decadal survey says, ‘SETI is a national science priority, and NSF and NASA need to fund it,’ they will do it.”
SETI searches date back to 1960, when astronomer Frank Drake used the Green Bank Telescope in West Virginia to listen for signals from an intelligent civilization (SN Online: 11/1/09). But NASA didn’t start a formal SETI program until 1992, only to see it canceled within a year by a skeptical Congress.
Private organizations picked up the baton, including the SETI Institute, founded in Mountain View, Calif., in 1985 by astronomer Jill Tarter — the inspiration for Jodie Foster’s character in the movie Contact (SN Online: 5/29/12). Then in 2015, Russian billionaires Yuri and Julia Milner launched the Breakthrough Initiatives to join the hunt for E.T. But the search for technosignatures still hasn’t become a more serious, self-sustaining scientific discipline, Wright says.
“If NASA were to declare technosignatures a scientific priority, then we would be able to apply for money to work on it. We would be able to train students to do it,” Wright says. “Then we could catch up” to more mature fields of astronomy, he says.
Wright himself is a relative newcomer to SETI, entering the field in 2014 with a study on searching for heat from alien technology. He was also one of a group to suggest that the oddly flickering “Tabby’s star” could be surrounded by an alien megastructure — and then to debunk that idea with more data (SN: 9/30/17, p. 11).
THE SETI VANGUARD Astronomer Jason Wright ( third from left, wering sunglasses) and his students visited the Green Bank Telescope as part of the first-ever SETI graduate course at Penn State University.

 In the last five years, scientists’ attitudes toward the search for intelligent alien life have been changing, Wright says. SETI used to have a “giggle factor,” raising images of little green men, he says. And talking about SETI work as an astronomer was considered taboo, if not academic suicide. Now, not so much. “I have the pop sociology theory that the ascension of geek culture has something to do with it,” Wright says. “Now it’s like all the top movies are comic books and science fiction.”
When NASA requested a report in 2018 on what technosignatures are and how to look for them, SETI researchers thought hopefully that the space agency might be ready to get back into the SETI game. Colleagues tapped Wright to organize a meeting to prepare the technosignatures report, posted online December 20 at arXiv.org.
But Wright didn’t stop there. He convened the new workshop group with the goal of dividing up the work of writing at least nine papers on specific SETI opportunities for the decadal survey. By contrast, there was only one submission on SETI research, written by Tarter, in the 2010 decadal survey.
The SETI situation has also evolved since the 2009 launch of the Kepler space telescope, which discovered thousands of exoplanets before its mission ended in 2018 (SN Online: 10/30/18). Some of those planets outside our solar system are similar in size and temperature to Earth, raising hopes that they may also host life. Old arguments that planets like Earth are rare “don’t hold much water any longer,” Wright says.
The exoplanet rush has sparked a surge in research about biosignatures, signs of microbial life on other planets. NASA’s next big space telescope, the James Webb Space Telescope, is planning to search directly for signs of alien life in exoplanet atmospheres (SN: 4/30/16, p. 32). So far, though, no one has found any biosignatures, let alone technosignatures. But the focus on searching for the one makes the case for ignoring the other seem all the weaker, Wright says.
“Astrobiology and the search for life has become such a big part of what NASA does,” he says. “The fact that it won’t look for intelligent life has become ever more incongruous with its other activities.”

By Lisa Grossman

Source news 

Pennsylvanians spotted UFOs 77 times in 2018. Did aliens visit your town?

Reports of UFO - unidentified flying object - sightings in Pennsylvania happen all the time. According to the National UFO Reporting Center, a Washington State-based website that collects witness reports, there were 77 reports across Pennsylvania in 2018.

Risultati immagini per national ufo reporting center
.


The center tries to weed out the "obvious hoaxes," but admits to being unable to determine to gauge the validity of every report. With that precautionary note in mind, the center's database remains an interesting glimpse of flying objects, alien spacecraft and even little green men that have been reported.

sabato 26 gennaio 2019

Terraforming Mars: in lavorazione una versione Legacy

Stephen Buonocore di Stronghold Games, durante il suo intervento come ospite del Game Game Gumbo, ha rivelato un progetto in corso della sua azienda: interrogato da un ascoltatore sulla possibilità che Terraforming Mars potesse riceve il trattamento Legacy, Stephen ha confermato che sarà così.
La conversione è attualmente in corso ed è in mano a Jacob e Issac Fryxelius ma, avverte Buonocore, il progetto è ancora in fase di lavorazione e difficilmente avrà termine prima del 2020/2021.




Il concetto Legacy, nuova frontiera dell’intrattenimento da tavolo, prevede che gli elementi stessi che costituiscono un gioco (plancia, carte, lettere ecc) vengano modificati, alterati o perfino distrutti durante lo svolgimento della partita, rendendo di fatto i giochi non più ri-utilizzabili o comunque “unici” nella loro configurazione finale rispetto a quelli di altri giocatori che hanno acquistato il medesimo prodotto.
Terraforming Mars è un apprezzato gioco da tavola gestionale dove i partecipanti sono chiamati a rendere abitale il pianeta Marte: ogni giocatore riceve risorse, alcune legate allo sviluppo della propria base personale e altre generiche da dedicare alla “conversione” del pianeta. Adatto a giocatori particolarmente esperti ha riscosso fin da subito un grande successo.

Fonte

La Nasa su Tivusat: immagini dallo spazio in 4K sul canale 211


Il canale 4K Nasa si affianca su Tivusat a Rai 4K, Fashion TV 4K e 4K1, il canale dimostrativo di HotBird


ROMA - A partire da oggi sarà inserito nel bouquet di Tivusat il quarto canale 4K liberamente accessibile sulla piattaforma satellitare: si tratta del canale NasaUHD che sarà posizionato al numero 211 di tivùsat. E non si tratta di un canale qualsiasi, ma del canale 4K della Nasa, l'agenzia spaziale americana, con immagini mozzafiato dalla stazione orbitante e da altre missioni interplanetarie. Il canale 4K Nasa si affianca su Tivùsat a RAI 4K, Fashion TV 4K e 4K1, il canale dimostrativo di HotBird.




La Nasa su Tivusat: immagini dallo spazio in 4K sul canale 211 
 Accedere a Tivusat non richiede alcun tipo di abbonamento. Sono sufficienti un dispositivo certificato tivùsat HD (decoder o televisore con CAM), una parabola satellitare orientata su Eutelsat 13° Est e la smartcard inclusa nella confezione del decoder.

 Fonte

Commento di Oliviero Mannucci: Nasa Tv è visibile anche su questo blog, clicckando sul link relativo.

"They Don't Want You To Watch This!" [Wormhole Warp Drive DIA] Corey Goode (2019-2020)


Source video: thirdphaseofmoon


Become a Member! https://www.youtube.com/channel/UCuBP... UFO Youtube Channel Thirdphaseofmoon! Share Your Incredible UFO Videos To the World! Upload your UFO Video To Youtube, Then Copy Paste The Link To My Email! cousinsbrothersproductions@gmail.com Keep Your Eyes on the Skies! We are not Alone! On January 16, 2019, the Defense Intelligence Agency (DIA) responded to a Freedom of Information Act (FOIA) request and confirmed that a list of 38 papers examining exotic propulsion technologies is genuine. The FOIA request was made from the anti-secrecy group the Federation of American Scientists (FAS), which filed it on August 15, 2018 and later issued a website update describing the documents received from the DIA.

Alien Pictures, Why Aliens Visit, & Element 115 - Answering Your Questions




 
Source video: Larry King
 
Bob Lazar and Jeremy Corbell answer you questions, including describing what the alien being looked like that Bob saw a picture of, what the aliens looks like, and the size of the spacecrafts housed at Area 51. Larry King Asks If Aliens Have Made Contact With Humans: https://youtu.be/agHmoplhEis SUBSCRIBE to get the latest from #LarryKingNow: http://bit.ly/LKNSubscribe Watch If You Only Knew: https://www.youtube.com/playlist?list... CONNECT WITH LARRY KING Like Larry King Now on Facebook:http://www.facebook.com/LarryKing Follow @kingsthings on Twitter: http://twitter.com/kingsthings Use #LarryKingNow to make comments & ask us questions on Twitter! Follow Larry King Now on Instagram: https://www.instagram.com/larrykingnow/ Watch the Full Interview Here: http://www.ora.tv/larrykingnow ABOUT LARRY KING NOW: After over 60 years of radio and television, Larry King dominates the internet with his new Emmy nominated and Webby Award winning shows Larry King Now and Politicking with Larry King. On Larry King Now, the legendary broadcaster sits down with the worlds most interesting celebrities, actors, musicians, world leaders and internet stars to interview them as only the King can. Now in it's 7th season, Larry's guests have included: Oprah Winfrey, Harrison Ford, Snoop Dog, Jeff Bridges, Neil deGrasse Tyson, Marilyn Manson, Tyler the Creator, Celine Dion, Bill Maher, Mac Miller, Russell Peters, G-Eazy, 50 Cent, Craig Furguson, Jenna Marbles, Shawn Mendes, Joel McHale, John Mulaney, Morrissey, Mike Tyson, Anthony Jeselnik, Keegan-Michael Key, Alison Brie and countless others. Want to see more Bob Lazar? Check out this video: https://youtu.be/G4D7o4H7qaY Alien Pictures, Why Aliens Visit, & Element 115 - Answering Your Questions https://youtu.be/-7jA4OLNZvA

 

2 UFO'S caught yet again on live feed.... (Jan-2019)...



Video source: Mysterious Blue Space Entity

Laura Eisenhower's Mars Recruitment Story Confirmed by Satellite Photos,CNN,TIME


Laura Magdalene Eisenhower, bisnieto del presidente Dwight Eisenhower, afirma que desde abril de 2006 hasta enero de 2007, ella y un amigo fueron los objetivos de un esfuerzo de reclutamiento secreto para llevar a una futura colonia de Marte para escapar de los eventos catastróficos inminentes en la Tierra. Laura Eisenhower afirma que, a pesar de sus repetidos desperdicios, ha sido sometida a diferentes formas de presión por parte de individuos asociados con el proyecto de la colonia de Marte, que está encabezada por el programa de colonización, el famoso médico dr. Hal Puthoff. La participación de Puthoff en un presunto proyecto de reclutamiento de la colonia de Marte dirigido a Eisenhower y su amiga adquiere un significado especial con la Agencia de Inteligencia de Defensa (DIA), que gracias a la Ley de Información sobre Libertad de Información (FOIA) ha sido emitió una lista de 38 documentos de referencia de inteligencia de defensa (DIRD) que investigan la viabilidad de tecnologías de propulsión y energía exóticas. Los documentos de DIA se remontan a 2007, cuando los fondos se pusieron a disposición para la creación del Programa de Identificación Aeroespacial Avanzada (AATIP) a través del Líder de la Mayoría del Senado en ese momento, Harry Reid. Recordamos que el DIA, de 2007 a 2012, gastó $ 22 millones (dólares) en el negocio, conocido formalmente como el Programa de Identificación Avanzada de Riesgos Aeroespaciales. El 21 de enero de 2019, el DIA publicó una lista de 38 títulos de investigación financiados por el programa, muchos de los cuales son altamente conjeturales y mucho más allá de los límites de la ciencia actual, la ingeniería o la inteligencia militar. Uno de estos títulos, “El agujero de gusano atravesado, Stargates y Energía negativa” fue preparado por el Dr. Eric Davis, quien también escribió sobre la “teletransportación psíquica”.
Es más que una coincidencia que las experiencias de Eisenhower y su amiga coincidan con el inicio del programa AATIP, que financió estudios avanzados sobre tecnología de propulsión con los 22 millones de dólares proporcionados por el Congreso de los Estados Unidos. El dinero se envió a Bigelow Aerospace Advanced Space Studies (BAASS), que a su vez financió los estudios de los investigadores y sus instituciones afiliadas. El más importante de estos fue EarthTech International, fundado por Puthoff en Austin, Texas, con un enfoque en la búsqueda de tecnología exótica como se explica en su sitio web:
El Instituto de Estudios Avanzados de Austin fue fundado en 1985 por Harold Puthoff, PhD, y luego se incorporó a EarthTech International, Inc., en 1991 como un centro de investigación innovador con un personal creativo de alto nivel dedicado a explorar los descubrimientos de Ciencia e ingeniería. Nuestros intereses de investigación incluyen teorías del espacio-tiempo, la gravedad y la cosmología; estudios de vacío cuántico; modificaciones a las teorías estándar de la electrodinámica; ciencia de vuelo interestelar; y la búsqueda de inteligencia extraterrestre, particularmente porque estos temas pueden aplicarse al desarrollo de la propulsión espacial y las fuentes de energía innovadoras. El compromiso fue traducir estas ideas en experimentos de laboratorio.
La decisión del senador Reid de financiar AATIP, el papel principal de Robert Bigelow (fundador de BAASS) en dirigir fondos a instituciones de investigación como EarthTech International, sugiere que hubo un interés compartido entre Reid, Bigelow y Puthoff en idea de establecer una colonia de Marte para sobrevivir a los futuros eventos cataclísmicos de la Tierra.
De acuerdo con el testimonio de Eisenhower, que aparece en entrevistas y en un gran informe en línea publicado en febrero de 2010, la planeada colonia de Marte la necesitaba a ella ya otros para sembrar la colonia que sobreviviría a los cataclismos previstos. Ella se involucró románticamente con un agente X [cuya identidad desea conservar su protección] en abril de 2006, que fue el intermediario clave en el esfuerzo de reclutamiento. El Agente X estaba estrechamente asociado con EarthTech International de Puthoff, como explicó Eisenhower: “En cuanto al grupo del que hablaba [Agente X], creía que se había unido a una especie de thinktank, un grupo de investigación, que también era trabajando en la creación de una misión a Marte. Me contaba constantemente sobre los cataclismos que se avecinaban y que esto era algo en lo que estábamos particularmente involucrados. El Agente X pensó mucho que las personas con las que estaba tratando eran buenas personas y su asesor. el médico [Dr. Hal Puthoff] era su héroe debido a la energía del punto cero, la visión a distancia en la que estaba involucrado. Intentó involucrarme y convencerme, diciendo que tendríamos la oportunidad de escapar del desastre “.

Impact on the Moon during the Jan.21 lunar eclipse




Source Video: Jm Madiedo

These images correspond to a lunar impact flash spotted by the telescopes operating in the framework of the MIDAS survey on Jan. 21, at 4:41:38 universal time (23:41:38 US eastern time). The impact took place during the totality phase of the lunar eclipse. The flash was produced by a rock (a meteoroid) that hit the lunar ground. The MIDAS Survey is being conducted by the University of Huelva and the Institute of Astrophysics of Andalusia. ---------------------------------------------------------------------------------------------- Impacto registrado en la Luna por los telescopios del proyecto MIDAS durante el eclipse lunar total que tuvo lugar el pasado 21 de enero. El impacto tuvo lugar a las 5:41:38 hora local peninsular española (que equivalen a las 4:41:38 en tiempo universal. El vídeo que se muestra aquí fue grabado por uno de los telescopios de MIDAS ubicados en Sevilla. El proyecto MIDAS lo desarrollan la Universidad de Huelva y el Instituto de Astrofísica de Andalucía.

3D photogrammetric evidence for trace fossils at Vera Rubin Ridge, Gale Crater, Mars

On sol 1922 and 1923, NASA's Mars Science Laboratory (MSL) rover (Curiosity) mission in Gale Crater, using its microscopic imager (MAHLI) returned over 84 images to Earth of enigmatic metallic dark-toned features on a rock the MSL team refer to as Haroldswick located near the top edge of Vera Rubin Ridge, once the site or shoreline of an ancient fresh water lake in Gale Crater 3.5 billion years ago.

If our hypothesis is correct in its interpretation, it means ancient Mars evolved microbial and multicellular life perhaps a billion years prior to Earth. A fresh water lake on Mars 3.5 billion years ago suggests Mars may have been the first blue marble in the solar system, not Earth.

Remarkably, the Haroldswick rock and dark-metallic toned features are part of at least five such similar rock fragments that are located in close proximity to each other (1) (2).
All these fragments have similar morphological features resembling terrestrial trace fossil burrows meandering through their host rock matrix. The elongated metallic tube-like features are the first of their kind ever observed on Mars.
Meanwhile the MSL rover team refers to the dark features as sticks or crystals and contend the shapes are characteristic of gypsum crystals that form when salts become concentrated in water, such as in an evaporating lake.
However, we note the data from MSLs traverse and analyses of the lacustrine mudstone and sandstone sediments indicate that this lake was a fresh water lake, not a salty one. We also note that lake sediment salts are not metallic in appearance. While an attempt was made on sol 1921 using MSL's APXS and Chemcam's LIBS instrument to target and obtain spectra from the metallic tube like features, no useable data was obtained before MSL mission planners decided to move the rover on sol 1923 to another target 11 meters away.
Methods: On Earth, trace fossils (ichnofossils) are formally identified on the basis of their 3D morphology. We used a 3D photogrammetry-based imaging program to look at and identify key features on Haroldswick from different angles.
Since terrestrial burrows are the most common trace-fossil category, comprising galleries, tunnels, shafts, chambers that have been excavated by animals within an unconsolidated substrate, we first concentrated our efforts on these. On Earth, trace fossil burrows can range in size from nanometer to meter-scale features.
The preservation classification system in ichnology uses the relationship of the burrow in association with the sedimentary surface. According to this criterion the traces can be exogenic on the sediment surface, or endogenic, within the sediment itself and sometimes both indicating bioturbation.
Discussion: We used trace fossil identification criteria established by Knaust et al (3) to examine Haroldswick for possible evidence linking it to the ancient bioturbation by multicellular life forms on Mars.
The color and texture of the structures on the surface of Haroldswick are clearly darker from the host rock. The elongated structures superficially resemble Ordovician period Planolites and Thalassinoides-like trace fossil burrows.
Upon close inspection of the elongated tube-like features on Haroldswick, they appear to emerge and descend into the host rock just as terrestrial counterparts do. The largest (estimated to be 10mm in length) of the elongated structures on Haroldswick appears to have false-branching structures that intersect others.
This observation argues against a shrinkage crack filling origin. Other trace fossil features on Haroldswick are the occurrence of small holes in the host rock that are not cemented but resemble terrestrial trace fossil burrow apertures.
If our hypothesis is correct in its interpretation, it means ancient Mars evolved microbial and multicellular life perhaps a billion years prior to Earth. A fresh water lake on Mars 3.5 billion years ago suggests Mars may have been the first blue marble in the solar system, not Earth.
Additional images and supporting data for this article can be found here

Source news 

Related Links Buckingham Centre for Astrobiology Mars News and Information at MarsDaily.comLunar Dreams and more

Mistero bUFO - L’Ufo crash del 1997 a Fiumicino, storia di un (probabile) depistaggio


 copertina-libro-nuova21

 La persona in questione si chiama Valerio Petretto e nel gennaio 1997 ha vissuto di persona un’esperienza che ha avuto per scenario la pineta di Fregene: sto parlando del cosiddetto Ufo crash di Fiumicino. Che, ovviamente, per le cronache ufficiali non è mai stato nulla di tutto ciò ma – forse – una parte di un missile terra-aria caduto da quelle parti (il che sarebbe perfino più inquietante, comunque).


“Un caso – sottolinea Petretto nel preambolo – che ufficialmente è stato chiuso in pochi giorni con la solita spiegazione assurda. Ma io c’ero e so, in parte, cosa è successo” . Leggete con attenzione, vi renderete conto di come le forze dell’ordine depistano e intimidiscono chi, invece, non casca nei loro trappoloni. Sembra una storia molto simile a quelle di certi Ufo crash americani, nei quali esercito o polizia attuano, anche con maniere forti, dei piani di allontanamento di coloro che sono giudicati dei ficcanaso. Questo è il link per accedere al testo. Ricordo che dell’Ufo crash di Fiumicino hanno scritto pure i colleghi  LaoPetrilli e Vincenzo Sinapi nel loro libro sugli X-files resi pubblici dall’Aeronautica Militare.

Flavio Vanetti

Fonte

Il Sole 24 ore - Ufo, guida terrestre per avvistamenti extraterrestri





Correva l’anno 1950 quando una delle menti più brillanti del ventesimo secolo, durante una pausa pranzo in cui si stava già parlando di altri temi, pronunciò con enfasi la domanda tra lo stupore misto ad ilarità dei colleghi. 


Risultati immagini per enrico fermi ufo
Enrico Fermi



La paternità del quesito ha un’origine italiana e, più precisamente, è da attribuire ad Enrico Fermi, fisico romano e vincitore del Premio Nobel per “l’identificazione di nuovi elementi della radioattività e delle reazioni nucleari mediante neutroni lenti” nel 1938.
Benchè fosse un uomo di scienza, la genesi della domanda è curiosamente da ricercare in uno scambio di battute con alcuni colleghi avvenuto nel 1950 in merito ad una vignetta satirica apparsa su un giornale a seguito del presunto avvistamento di un UFO.
L’interrogativo nel corso degli anni ha poi assunto un’importanza maggiore sfociando in quello che oggi viene ricordato come il paradosso di Fermi.
A fronte dell’innumerevole numero di stelle osservabili è plausibile pensare che la vita possa essere nata su numerosi pianeti, dando quindi origine a diverse civiltà extraterrestri; il che conduce quindi alla domanda che sta alla base del paradosso.

Se l’Universo pullula di civiltà sviluppate, perché non abbiamo ancora ricevuto delle prove, come comunicazioni radio o navi spaziali?

Il mio Paradosso é questo: A seguito degli innumerevoli avvistamenti UFO avvenuti nel passato e che avvengono nel presente, cosa dovrà succedere perchè l'uomo si convinca che non siamo soli nell'universo?

Se i contributi “fisici” come potrebbero essere le onde radio sono difficilmente riconducibili all’interesse generale, lo stesso non si può dire per il tema delle navi spaziali o per tutto quello che storicamente gli si è sempre accostato.
Gli UFO (Unidentified Flying Object, vale a dire oggetti volanti non identificati) sono senza dubbio uno dei temi più dibattuti in termini di vita extra-terrestre e, dagli anni ’50 in poi, sono di fatto diventati un fenomeno culturale che ha colonizzato letteratura e cinematografia, scatenando la fantasia dei curiosi da ogni parte del mondo.
Anche se ufficialmente non c’è mai stato un caso confermato e documentato da parte della comunità scientifica, i casi di avvistamenti nel corso degli anni sono innumerevoli.



 Nell’ infografica  ( per vederla clicca sul link) sono rappresentati i dati censiti da Kaggle per i quali viene fornita una mappa in settori che, al passaggio del cursore (click da mobile), mostrano uno zoom sull’area di interesse con la posizione di tutti gli avvistamenti di UFO dal 1906 al 2014.
In aggiunta è presente una mappa di calore che mostra con un gradiente di verde quali siano i mesi, le ore del giorno e la combinazioni mese/ora più gettonate per gli avvistamenti, abbinata ad una word cloud con la quale sono rappresentate le forme (degli oggetti volanti) più frequenti ravvisate da parte degli osservatori.
Questi ultimi due grafici possono essere utilizzati come filtro per esplorare la mappa restringendo i casi analizzati.


Prima si cita il Paradosso di Fermi, poi si crea un infografica con migliaia di avvistamenti Ufo che lo contraddicono in pieno


La dimensione dei segnalini a forma di testa di alieno che caratterizzano ogni settore della mappa è relazionata al numero avvistamenti avvenuto in quell’area e, senza grande sorpresa, gli Stati Uniti sono particolarmente affollati.
Il numero di abitanti è sicuramente un fattore determinante nel quadro che li vede come “fan base aliena” più nutrita, e non stupisce vedere come le zone in corrispondenza dell’area di New York e della California siano quelle con il numero maggiore di eventi.
Guida Infodattica per UFO-stoppisti
Volendo credere nella veridicità delle segnalazioni come ogni UFO believer che si rispetti, e ammettendo per un momento che l’elevato numero di avvistamenti possa tradursi in una maggiore probabilità di poterne osservare uno, sulla location non dovrebbero esserci grossi dubbi.
Gli USA battono il resto del mondo senza troppa fatica e, se un biglietto aereo per l’America risultasse troppo costoso, l’unica alternativa al risparmio sarebbe il Regno Unito.
Capito il “dove” (tanto caro anche a Fermi), sembra che per quanto riguarda l’orizzonte temporale, le probabilità maggiori si abbiano dopo cena, tendenzialmente poco prima di andare a letto.
Di tutti gli avvistamenti registrati provvisti di data ed ora, sono oltre dodicimila (12314) quelli avvenuti alle 21, l’orario prediletto per i visitatori, seguiti da più di undicimila (11766) nell’ora successiva, mentre pare che negli orari “da ufficio” ci sia un netto crollo in ciascuna delle ore lavorative, in particolar modo alle 8 del mattino quando il totale delle segnalazioni non supera il migliaio (920).
Analogamente, per chi volesse dedicare periodi di tempo più estesi all’osservazione delle stelle e dei loro viaggiatori, i mesi più consigliati per investire tempo alla ricerca di UFO dovrebbero essere quelli estivi visto che è Luglio il mese ad aver fatto registrare il maggior numero di avvistamenti (10254), seguito da Agosto (9360) e da Giugno (8926).
Va prestata poi attenzione a cosa si guarda perché non è detto che le forme degli oggetti volanti siano sempre le stesse.
Dalle testimonianze raccolte, sembra che sia il concetto di luce (light) ad aver colpito maggiormente gli osservatori visto che in quasi diciottomila casi (17872) sugli oltre ottanta mila esaminati, è proprio questa non-forma a risultare prima tra tutte quelle classificate.
Tra le figure delineabili invece, il triangolo (triangle) conquista la seconda posizione con 8489 segnalazioni, mentre al terzo posto c’è il cerchio (circle, 8453), da non confondere con il più iconico disco (disk, 6005) che però non va oltre alla settima piazza (6005).

*Le note in rosso sono mie.

Fonte

Snowden risolve il paradosso di Fermi: ecco perché gli alieni non ci parlano

Risultati immagini per Snowden

 

Perché non riceviamo comunicazioni dalle stelle, se la fuori è pieno di pianeti abitati da alieni? Secondo Edward Snowden un motivo c'è

 

Secondo la leggenda, sentendo parlare due colleghi fisici di UFO e di quanto fosse probabile che esistesse vita nell'universo, Fermi buttò lì una domanda, lasciando i suoi colleghi a bocca aperta senza una risposta: "dove sono tutti quanti?"
Ovvero, in termini più scientifici: se è vero che nell'universo, o anche solo nella nostra galassia, esistono probabilmente migliaia di pianeti simili alla Terra dove può essersi sviluppata vita intelligente, come mai non captiamo trasmissioni di queste civiltà?
Ci sono ovviamente varie possibili risposte; che non ci siano altre civiltà là fuori, che durino troppo poco e quindi sia improbabile l'esistenza contemporanea, che ci siano ma non vogliano comunicare, o che comunichino con altre tecnologie. O anche che ogni civiltà che comunica, facendosi così scoprire, venga tempestivamente distrutta da qualche superpotenza galattica.
Edward Snowden, l'informatico che rivelò al mondo i programmi di sorveglianza segreti del governo americano e che da alcuni anni vive in Russia, ha avanzato un'altra ipotesi: che tutte le trasmissioni aliene siano criptate. 
Secondo Snowden sarebbe estremamente saggio per una civiltà evitare di farsi identificare inviando nello spazio trasmissioni riconoscibili come tali. Per quanto ne sappiamo, là fuori potrebbero esserci qualcuno estremamente potente ed estremamente poco amichevole. Gli alieni saggi, quindi, comunicherebbero usando trasmissioni criptate."Quando guardi una trasmissione criptata, se è criptata bene, non hai nessun modo di distinguerla dal rumore di fondo" dice Snowden. "Quindi, se hai una civiltà aliena che cerca di ascoltare altre civiltà, o la nostra civiltà che cerca di ascoltare civiltà aliene, c'è solo un breve periodo nella storia dello sviluppo di quella società durante il quale le trasmissioni sono inviate nello spazio in modo non protetto."
"Anche adesso i nostri satelliti potrebbero stare captando i loro programmi televisivi, o le loro telefonate, ma non possono distinguerli dalla radiazione cosmica di fondo."
Naturalmente arrivare a questa conclusione significa presumere che tutti gli alieni là fuori prendano molto seriamente la sicurezza e vogliano evitare accuratamente di farsi trovare.
O che siano rimasti vivi sono quelli che non sono stati ancora trovati.

Fonte

Commento di Oliviero Mannucci: Ci sono vari motivi del perchè non riusciamo a ricevere messaggi da civiltà aliene:

1) La stupidità umana - Se si invia, come ha fatto il SETI un messaggio potentissimo verso un ammasso globulare che si trova a migliaia di anni luce dalla Terra, e poi si racconta alla gente che non si è ricevuta una risposta, non è colpa degli alieni, ma dei deficienti che hanno messo su un progetto tanto stupido. Utilizzando le onde radio ordinarie se inviamo un messaggio a delle stelle che si trovano a 15000 anni luce bisognerà aspettare almeno 30000 anni per ricevere una risposta.

2) Le onde radio ordinarie non sono adatte a veicolare messaggi a migliaia di anni luce di distanza. Provate a fare una ricerca su cosa sono le onde radio scalari scoperte da Tesla, e capirete il perchè di questa mia affermazione.

Link Onde scalari

Le onde scalari sono multidimensionali e possono viaggiare più veloci della luce. Non hanno quindi i limiti delle onde radio tradizionali.

3) Se a fronte di migliaia e migliaia di avvistamenti UFO, fatti non solo da persone non esperte, ma anche da militari, astronauti, astronomi etc. etc. si continua a far finta di niente, non è colpa degli extraterrestri, se l'ottusa umanità umana non vuole riconoscere che siamo visitati da migliaia di tipologie di alieni diversi. Ricordate, se volete svegliare chi dorme lo potete fare, se invece volete svegliare chi fa finta di dormire non c'è verso che riuscirete nel vostro intento.

4) Gli scienziati stanno arrivando solo ora a comprendere che la realtà è molto più variegata di quello che i nostri sensi limitati possono percepire. Non esiste una sola dimensione, ma molteplici. Se andando sulla Luna, non vediamo altro che un panorama deserto, non significa che non sia popolata da nessuno. In altre dimensioni ci sono innumerevoli forme di vita intelligenti che la popolano. Siamo noi che non abbiamo gli occhi per vederli. Cliccate sul link qua sotto:

Documento FBI desecretato: gli alieni sono entità immateriali

Questo spiega perchè molti UFO sembrano apparire e scomparire nel nulla. Stanno, semplicemente ( per loro) andando da una dimensione ad un altra. Il problema è che l'uomo medio non va al di là di quello che vede con i propri occhi. Se studierete un po' di testi esoterici delle varie culture antiche del mondo, scoprirete che i nostri antenati, sapevano benissimo, che esistono almeno 6 dimensioni oltre a quella in cui viviamo noi, che tra l'altra è la più bassa di tutte. Quindi per capire se gli alieni esistono, occorre che la scienza faccia un salto qualitativo in avanti. Comunque qualcuno si è dimostrato di mente più aperta degli altri a tal proposito vi consiglio la lettura di questo libro della Nasa, scaricabile in pdf. dove i vari scienziati che hanno partecipato alla stesura dei vari capitoli, in sintesi dicono: le testimonianze archeologiche e non solo della visita degli extraterrestri sulla Terra sono talmente numerose che non dovremmo avere più dubbi sulla loro esistenza. Buona lettura!

Archaeology, Anthropology, and Interstellar Communication - NASA 

Risultati immagini per anthropology archaeology and interstellar communication


giovedì 17 gennaio 2019

China's Lunar Probe Sees First Cotton Seed Sprout

China's Lunar Probe Sees First Cotton Seed Sprout

A cotton-seed carried to the Moon by China's recent Chang'e-4 probe has sprouted, the first for any biological matter to grow on the Moon, the media reported on Tuesday.

Images sent back by the probe showed that a cotton sprout had grown well, though no other plant was found growing, the Xinhua news agency reported.
On January 3, China's robotic spacecraft Chang'e-4 landed on the far side of the moon, a first in the human history of space exploration.
The 1.3-tonne lander, which made a soft landing on the Moon, carried the seeds of cotton, rape, potato and, arabidopsis, as well as eggs of the fruit fly and some yeast, to form a simple mini biosphere, according to a team led by scientists from Chongqing University in southwest China.
Plants have been grown on the International Space Station before but never on the Moon.
The ability to grow plants on the Moon will be integral for long-term space missions, like a trip to Mars which would take about two-and-a-half years.
It would mean that astronauts could potentially harvest their own food in space, reducing the need to come back down to Earth to re-supply, the BBC reported.
The plants are kept in a sealed container on board the Chang'e-4 lander. The crops will try to form a mini biosphere - an artificial, self-sustaining environment.
The lunar mini biosphere experiment on the lander is designed to test photosynthesis and respiration - processes in living organisms that result in the production of energy.
The whole experiment is contained within an 18 cm tall, 3 kg canister that was designed by 28 Chinese universities, the BBC said.
1 Comments
For the latest tech news and reviews, follow Gadgets 360 on Twitter, Facebook, and subscribe to our YouTube channel.
Further reading: China, Change-4, Moon
 
 
 
 

NASA's Stunning Newly Released Images Of Mars


Source: ARIKEN777

Crrow777 Meets Bruce Sees All


Source: Bruce Sees all

Crrow777 Youtube channel Host meets Bruce Sees All Host (Bruce Swartz) for the first time. We touch on a few interesting points about the moon landings and we talk about our telescopes. Thanks You Crrow777 for the meeting. Check out Crrow777 youtube channel and he is making a movie too about his research and other topics.

"Interview The Internet Doesn't Want You To See!" Exclusive Documentary! (2019-2020)


Source: thirdphaseofmoon

I saw something in sky, and It's not seems UFO!! 4k video..


Source: Sauron The Great

CBC News Manitoba Mysterious flying object over Lake Winnipeg caught on video


Chemtrails and symbol of the Illuminati eye



Source: Herbert Souza



The video that we present is recorded in the skies of the United Kingdom and shows a triangle with the symbol of the Illuminati eye that appears in the middle of 3 chemtrails. Demonstration enough that the Illuminati use this new strategy to suppress, amaze and fundamentally poison the masses using the air we breathe.
The original video is from Grant Wood recorded on Bracknell in Berkshire, United Kingdom, but captured in March 2017 and published on the Facebook group Chemtrails Global Skywatch. This new concern has come to light in recent years about a relatively new and shocking strategy of the enlightened that aims to suppress, and fundamentally poison the masses using an indispensable element for our survival: the air we breathe. If you look at the sky on a clear day, there are good chances to see white traces left by airliners carrying thousands of people to various destinations around the world. Most will probably regard it as a completely normal sight and will probably expect to see the blue sky somehow broken by the white contrails of passing traffic. There is however a big problem with this, namely that most of the white trails observed in our skies today are not the harmless traces of natural vapor that most probably all believe they are, but are synthetic chemical traces, based on chemical aerosols (or chemtrails) that are intentionally left in our atmosphere to be subsequently exposed. There is a huge difference between the natural trails (or condensation trails) of the ice crystals and the water vapor left by commercial aircraft that disappear quickly after they have flown and the thick, white chemtrails looming more and more in the our skies lurk nowadays. These chemtrails do not disperse as quickly as the natural vapor trails, but remain in the sky for hours, slowly widening and descending to altitude. As more paths are traced, they begin to merge in the course of the day until they end up making what seems to be a completely natural (milky) cloud cover, since the lines of the paths can no longer be adequately distinguished. In just a few hours, up to half a day, what was a beautifully clear and bright blue sky turns into a complete “white out” – a dense artificial mist that completely blocks the sun and reaches the ground level at the end of the day.

Strange structures on the surface of Mars



Source: UFOmania - The truth is out of here

Strange structures on the surface of Mars. Video by Ufomania - The truth is out there Photo Links: http://retry.gigapan.com/gigapans/205... http://retry.gigapan.com/gigapans/213... Read here:https://helenastales.weebly.com/blogu... Follow us on facebook:https://www.facebook.com/ufo.maniaII/

giovedì 10 gennaio 2019

Acqua salata e ossigeno, gli ingredienti per la vita su Marte

Nuovi calcoli e simulazioni hanno dimostrato che l'ossigeno molecolare disciolto nell'acqua salmastra che si trova sulla superficie del Pianeta Rosso è sufficiente a supportare la presenza di batteri aerobici o, in alcuni casi, di animali semplici come le spugne

Risultati immagini per brina su marte
Brina su Marte


 In varie regioni della superficie di Marte, e più spesso negli strati sotterranei meno profondi, si trova acqua salmastra, come hanno documentato nel 2015 le analisi dei dati della sonda Curiosity della NASA.

Ora una serie di calcoli e simulazioni descritti su “Nature Geoscience” da un gruppo di ricercatori del Jet Propulsion Laboratory del California Institute of Technology di Pasadena, guidati da Vlada Stamenkovic, ha dimostrato che questa acqua salmastra è in grado di contenere una quantità di ossigeno molecolare sufficiente a sostenere la vita di batteri aerobici e, in alcuni casi, di animali semplici come le spugne.

Il risultato è un ulteriore, importante passo avanti per arrivare a chiarire se e come il Pianeta Rosso può ospitare qualche forma di vita, o possa averlo fatto nel suo lungo passato.

Sulla Terra, tutte le forme di vita multicellulare hanno un metabolismo basato sulla respirazione aerobica, che è la più efficiente tra quelle note (le forme di respirazione anaerobica sono riservate a rare specie di batteri e funghi). Per vivere, gli organismi multicellulari hanno bisogno di un’atmosfera ricca di ossigeno, come quella terrestre, in cui questo gas raggiunge una percentuale del 21 per cento circa in volume grazie al processo di fotosintesi clorofilliana dei vegetali.

Su Marte, tuttavia, le condizioni sono molto differenti, anche nell’atmosfera, che ha una pressione di 6,1 millibar, cioè appena 6 millesimi circa di quella terrestre. E le misurazioni condotte da Terra e con i rover che hanno percorso la superficie del Pianeta Rosso indicano che l’ossigeno vi si trova solo in tracce, per effetto della dissociazione dell’anidride carbonica prodotta dalla radiazione solare.


Risultati immagini per pozzanghere su marte
Pozzanghere su Marte


A causa della sua scarsità, l’ossigeno
marziano ha ricevuto poca attenzione, ma ora le cose sono cambiate per diversi motivi. Il primo è la scoperta di brine sulla superficie di Marte, che occasionalmente può dare vita a flussi di acqua liquida, ricca di sali. Il secondo è che alcuni studi hanno provato che la concentrazione di ossigeno nei liquidi in grado di sostenere forme di vita è inferiore di quella stimata finora.

Stamenkovic e colleghi hanno condotto una serie di simulazioni per calcolare la quantità di ossigeno molecolare che può essere disciolto in salamoie liquide composte di sale e acqua in varie condizioni di pressione e temperatura che si possono trovare sulla superficie di Marte o poco al di sotto di essa.

Hanno così scoperto che le concentrazioni di ossigeno molecolare sono particolarmente elevate nelle regioni polari. Inoltre, alcuni dei depositi di acqua salmastra nel sottosuolo marziano potrebbero contenere abbastanza ossigeno per supportare la vita aerobica. Questi risultati possono anche spiegare in che modo potrebbero essersi formate le rocce ossidate viste dai rover durante l’esplorazione della superficie di Marte.

Fonte


Commento di Oliviero Mannucci: Da quanto tempo dico su questo blog che su Marte c'è vita?! Chi mi segue lo sa bene. Finalmente la Nasa, che tra l'altro sa già come stanno le cose, si comincia a sbottonare.

NASA gives The Dream Chaser spaceplane green light for production!


La Nasa pronta a deviare un asteroide diretto verso la Terra



Si chiama Dart il progetto messo a punto dalla Nasa per provare a deviare la rotta di asteroidi diretti verso il pianeta Terra. Primo lancio dopo il 2020.

L’uomo non è ancora pronto per far fronte alla possibile minaccia di un asteroide diretto verso la Terra. Non esistono infatti procedure testate con risultati certi che consentano di impedirne un eventuale impatto ed i conseguenti danni generati sul nostro pianeta. Ci sta però lavorando la Nasa, che intende lanciare la prima missione per difendere, con un sistema ad hoc, la Terra da questo rischio, andando a deviare quei corpi celesti che potrebbero trovarsi in rotta di collisione con il nostro pianeta. Il sistema in questione si chiama Dart, ovvero Double Asteroid Redirection Test, un veicolo spaziale ideato nello specifico per evitare che gli asteroidi collidano con la Terra che verrà lanciato in tempi relativamente brevi per effettuare la prima missione di protezione del pianeta.


Tra il 2020 ed il 2021 è previsto un primo lancio di test della sonda, che proverà a colpire un asteroide considerato non minaccioso alla velocità di 21.726 km/h tentando di deviarne l’orbita per fare in modo che si allontani dalla Terra mettendolo di fatto fuori rotta. L’asteroide in questione si chiama Didymos ed è per la verità un doppio asteroide con un corpo principale del diametro di 800 metri ed un satellite chiamato Didymoon di 160 metri di diametro. Il veicolo avrà un peso di 500 kg: è stato progettato e realizzato dal laboratorio di fisica applicata dell’Università Johns Hopkins (JHUAPL), con il supporto del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della Nasa, del Goddard Space Flight Center (GSFC) e del Johnson Space Center (JSC). Obiettivo principale della missione: fare in modo che asteroidi minacciosi per il pianeta non lo siano più, andando a spostarne l’orbita e la rotta.

Fonte

Boato nella notte ha fatto tremare nuovamente la terra nei Campi Flegrei

 

Un boato accompagnato da un tremore ha fatto sobbalzare gli abitanti della zona flegrea questa notte alla ore 01:28.L'epicentro del sisma ML 1.9 e' stato localizzato nel cratere di Agnano a pochi chilometri di profondita'.Nettamente avvertita la scossa nei quartieri napoletani come il Vomero e Fuorigrotta.

Fonte 

A strange cloud in the night sky & some meteors



Source: Dutchfly-61

In July of this year during sky watching i noticed a single cloud in the night sky ...maybe nothing special but it was a little strange because there were no other clouds except that one...i guess a Chemtrail ..... decide for yourself 😁👍....and in December i tested my Bushnell Equinox during a meteor shower

LATEST - Mars InSight Spots UFO - Or Meteor ?



 Source: ArtAlienTV - MARS ZOO


YouTube Exclusive 👽 " Another UFO on Mars accidentely captured by the Insight Lander as it was deploying the sizemometer/listening device on the surface. Is it a Meteor or something more unusual? It is bright with a halo around it and seems to be many miles away. There are smaller bright parts that resemble breakup perhaps. An open mind is required when viewing images from other planets. One day our very survival may depend on it ". My image enhancements are always shown next to the official raw images to show that they are well within the bounds of sensible inquiry and analysis. However, using my enhanced images without my permission will result in Google copyright action. See me on Ancient Aliens series on the History Channel. Episodes - "Pyramids of Antarctica" & "Destination Mars" First found by Joe White - ArtAlienTV on 30th Dec 2018 and published on YouTube first by ArtAlienTV - 31st Dec 2018. Image Credit: NASA/JPL-Caltech Image Info: Sol 26: Instrument Deployment Camera (IDC) NASA's InSight Mars lander acquired this image using its robotic arm-mounted, Instrument Deployment Camera (IDC). This image was acquired on December 23, 2018, Sol 26 where the local mean solar time for the image exposures was 15:32:07 PM. Each IDC image has a field of view of 45 x 45 degrees. National Aeronautics and Space Administration NASA image link: https://mars.nasa.gov/insight/multime... "Feel free to ask for any information regarding the objects/phenomena shown here. See you soon for another game of Interplanetary I spy". Keep searching! Joe White - ArtAlienTV GET THE FREE ArtAlienTV APP HERE - Powerful space research app - Over 20 Million space images. http://apps.appmakr.com/artalientv

HOPE RESTORED - Paul Hellyer Sept 2018 - Action Plan for Americans to Take Back Control of America



Source: Modern Knowledge

REUSE ALLOWED AND WELCOMED. PLEASE SHARE, DOWNLOAD AND UPLOAD TO YOUR CHANNEL AND HELP SPREAD THIS MESSAGE. This video is a comprehensive and startling public address to Americans and the world from long time politician and senior Canadian cabinet minister Paul Hellyer. "The Potential Miracle Can only Happen from the Bottom Up. There is no way that America can be saved for Americans if you expect the miracle to begin at the top. It will only happen if many millions of ordinary Americans are sufficiently motivated to save their country from the fascists. They MUST contact the president, their Congressman or Congresswoman and their Senator, if he or she is one of the 35 up for re-election, and say to each one of them: We will vote against you, regardless of party affiliation, if you don’t initiate and enact the agenda set out in this video before the election. Promises of action after the election won’t do. Only action now will earn you my vote because it is the survival of my country as an independent entity that is at stake." Hon. Paul Hellyer, September 2018 An Action Plan for Americans to Take Back Control of America 1. Shut down the CIA (Central Intelligence Agency) 2. Temporarily shut down the NSA (National Security Agency) 3. Temporarily shut down DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) 4. Nationalize the Federal Reserve 5. Cease and desist the use of Chemtrails 6. Ground Space Command 7. Ban Automatic Rifles Except for the Military ***CORRECTION in video: at 15:02 Michael Salas is incorrect and should read Dr. Michael Salla. https://www.exopolitics.org/. The video contains the picture of Robert Salas, also a ufologist https://www.amazon.com/Robert-Salas/e... Video Credits found at the end of this video Music Credit licensed under a Creative Commons Attribution license Enter the Maze by Kevin MacLeod Source: http://incompetech.com/music/royalty-... Artist: http://incompetech.com/ Long Note Two by Kevin MacLeod Source: http://incompetech.com/music/royalty-... Artist: http://incompetech.com/ Oxygen Garden by Chris Zabriskie (https://creativecommons.org/licenses/...) Source: http://chriszabriskie.com/divider/ Artist: http://chriszabriskie.com/ Special Thanks To: www.SiriusDisclosure.com http://www.paulhellyerweb.com/

Scienziati intercettano segnale radio dallo "spazio profondo"

Secondo gli autori della scoperta, il flusso di impulsi radio intercettato ultimamente sarebbe, allo stesso tempo, una “scoperta rivoluzionaria” e un “bel rompicapo”

Risultati immagini per dominion radio astrophysical observatory open house

Gli scienziati di un centro di ricerche astronomiche nordamericano hanno in questi giorni annunciato di avere captato un “segnale radio proveniente dallo spazio profondo”. La strumentazione del Dominion Radio Astrophysical Observatory, ubicato nella provincia canadese della Columbia Britannica, avrebbe infatti recentemente intercettato ben 13 “lampi radio veloci”. Tali impulsi sarebbero partiti da un punto situato a ben “1,5 miliardi di anni luce” di distanza dalla Terra. I ricercatori hanno subito evidenziato la natura “anomala” del fenomeno in questione, captato dal radio-telescopio Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment (Chime).
Gli autori della scoperta sono Ingrid Stairs, astrofisica dell’università della Columbia Britannica, e Shriharsh Tendulkar, docente dell’università McGill di Montréal. Essi hanno subito pubblicato sulla rivista Nature un articolo in cui sottolineano la “straordinaria importanza” di ciò che è stato registrato in questi giorni dalla strumentazione dell’osservatorio canadese. Secondo la Stairs, il flusso di impulsi radio intercettato dal Chime sarebbe, allo stesso tempo, una “scoperta rivoluzionaria” e un “bel rompicapo”. Tendulkar ha infatti ribadito il fatto che vi sarebbero, al momento, “migliaia di ipotesi” sulla natura di tale segnale: “Non sappiamo ancora con che cosa abbiamo a che fare. Potrebbero essere stati emanati da un campo magnetico molto forte che si sta espandendo, due stelle di neutroni che si stanno unendo oppure, non possiamo escluderlo del tutto, da qualche sonda di fattura extraterrestre.”
Gli scienziati hanno quindi rimarcato la necessità di “nuovi e approfonditi studi” sul fascio di impulsi individuato ultimamente. Essi hanno infine esortato accademici e astrofisici di altri Paesi a "cooperare" con l'équipe del Dominion Radio Astrophysical Observatory nelle ricerche sulla natura del fenomeno in questione.

Gerry Freda 

Fonte 

sabato 5 gennaio 2019

Spazioporto e voli suborbitali da Grottaglie, pronti a partire

Due accordi strategici sono stati firmati a Mola di Bari, nello stabilimento del gruppo Pertosa, da parte di Sitael: uno con Virgin Orbit per attività di lancio dei satelliti nello spazio; l’altro con Virgin Galactic e Altec, società controllata dall’Agenzia spaziale italiana, per voli suborbitali.  
 
 
 Risultati immagini per spazio porto di grottaglie
 
Ma il valore aggiunto delle iniziative che portano la Puglia a essere ancora una volta punto di riferimento per le attività di ricerca aerospaziali collegate a iniziative industriali si riverserà soprattutto sull’aeroporto di Grottaglie, il quale anno dopo anno, dal 2014, ha assunto il ruolo di una infrastruttura strategica per le attività connesse all’aerospazio dopo essere stato il luogo delle produzioni di eccellenza di Finmeccanica-Leonardo, nella costruzione delle fusoliere per il Boeing 787. Il primo tassello del futuro strategico dell’aeroporto di Grottaglie fu posto nel 2014 con la firma di un protocollo di intesa tra la società Aeroporti di Puglia (allora guidata da Giuseppe Acierno, il quale era già all’epoca e continua a essere presidente del Distretto tecnologico aerospaziale), il Politecnico di Bari, l’Asi e partner americani che si trasformò nel 2016 nell’autorizzazione alle attività di test bed dei velivoli senza pilota.
Due altri riconoscimenti che evidenziano la crescita dell’infrastruttura Arlotta di Grottaglie sono arrivati a maggio scorso: l’Enac ha autorizzato lo scalo jonico ad assumere tutte le iniziative per diventare uno spazio porto e ospitare i voli sub orbitali a partire dal 2020; un accordo sottoscritto a Ostuni, durante un convegno organizzato dal Distretto tecnologico aerospaziale, tra Dta, Agenzia spaziale europea, Agenzia spaziale europea e Belspo (un centro di ricerche aerospaziale del Belgio) per iniziative di sperimentazione nel campo della cyber security applicata ai trasporti aeronautici, terresti e marittimi. Gli accordi sottoscritti ieri rafforzano e danno concretezza al percorso per la realizzazione dello spazioporto che significa anche aprire un canale di business per i voli turistici nello spazio al costo di 250 mila euro da effettuare con navicelle da 8 posti.
 
Spazioporto e voli suborbitali da Grottaglie, pronti a partire
 
Il Presidente dell’Asi Roberto Battiston ed il Ceo di Virgin Galactic George Whitesides hanno siglato un accordo che permetterà di applicare le conoscenze acquisite durante precedenti esperienze alle future opportunità di volo suborbitale in Italia. Asi e Virgin «desiderano inoltre perseguire altre opportunità, tra cui l’uso della microgravità suborbitale per attività di education, la formazione e l’addestramento degli astronauti, la biologia e la ricerca biotecnologica nonché la scienza e lo sviluppo dei materiali anche in vista di future missioni di lunga durata in microgravità», ha detto Battiston. L’Asi e l’industria italiana vantano una grande esperienza nella ricerca suborbitale e nella ricerca in microgravità orbitale. L’Asi, insieme agli Enti e alle Autorità nazionali competenti e Virgin Galactic desiderano quindi collaborare per sfruttare appieno le opportunità di ricerca e sviluppo aerospaziale offerte dai voli della navicella spaziale di Virgin Galactic che partirà dallo spazioporto di Grottaglie. Altec (società di proprietà di Asi e della francese Thales Alenia Space) e Sitael hanno firmato un accordo con Virgin Galactic per fondare un’azienda italiana che produrrà navicelle spaziali nel sud Italia. La nuova infrastruttura potrebbe anche rappresentare la via d’accesso allo spazio per altri tipi di attività, al di là del turismo, come ad esempio il lancio di piccoli satelliti, formazione degli astronauti, scienza in microgravità o test di nuove tecnologie.
Il presidente della Regione, Michele Emiliano, ha ricordato che «Grottaglie è un grande aeroporto che già ospita un distretto aeronautico di enorme importanza. Implementare contemporaneamente sia i voli suborbitali che il lanciatore di microsatelliti significa dare vita ad un vero e proprio distretto industriale, con la filiera produttiva intera che si connette in prospettiva anche alla dimensione turistica». Per Emiliano le attività spaziali che si stanno sviluppando a Grottaglie pongono le basi per «un vero e proprio possibile distretto alternativo a quello dell’Ilva di Taranto». Soddisfazione è stata espressa dal presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti, per il quale «oltre agli aspetti tecnici formali, Grottaglie ha anche una storia di attrazione da raccontare: è un catalizzatore per applicazioni e progetti legati all’economia spaziale - droni, iperdroni, satelliti e oggi voli suborbitali di persone e merci». Ovviamente di voli civili per lo scalo di Grottaglie i decisori politici non parlano più.
 
Oronzo Martucci