mercoledì 28 gennaio 2015

Mistero bUFO - Salucci: " Gli alieni vogliono proteggere in silenzio la nostra evoluzione"

Il professor Paolo Salucci, della Scuola internazionale superiore di studi avanzati di Trieste (Sissa), ha visto pubblicata dall’autorevole rivista Annals of Physics una sua interessante ricerca, della quale si è occupato pure Corriere.it nella sua area scientifica (questo il link). Tra i principali studiosi di materia oscura in Italia e a livello internazionale, Salucci – assieme a chi ha condiviso il suo lavoro – interpreta la Via Lattea “come il motore di un gigantesco wormhole”, dunque qualcosa di simile a quanto descritto dal film “Interstellar”. Inoltre, la sua è soprattutto una provocazione che mira a stimolare la comunità scientifica ad affrontare il problema della materia oscura da un punto di vista differente. Ma il tema trattato può abbracciare anche la questione della vita al di là della nostra Terra. Ho così deciso di contattare il professore, al quale ho posto due semplici domande. E quanto mi ha risposto è la “polpa” di questo post che vado a proporvi (invitandovi però, prima, a leggere o a rileggere l’articolo di Corriere.it). Qui, invece, aggiungo un “fuori onda” o un off topics, se preferite. Si riferisce a Marte: dal giorno 18, mi segnala Tetricus, non giungono più immagini da Curiosity. Liberi di dare la vostra interpretazione a questo black out.

 

Professor Salucci, lei crede alla possibilità che nell’universo ci siano forme di  vita simili alla nostra o addirittura con qualità superiori?
“La cosa inspiegabile sarebbe il fatto che nella nostra galassia non vi fosse alcuna vita intelligente oltre alla nostra. La nostra civiltà è nata tardi, il Sole ha circa 4 miliardi di anni di vita, ma la nostra galassia esiste da 12 miliardi di anni. Centinaia di milioni di stelle come il Sole sono esistite miliardi di anni prima di noi. Qualcosa devono aver lasciato!  E’ stato calcolato che per colonizzare una galassia , ad una civiltà neanche troppo avanzata rispetto alla nostra, occorrerebbero solo 100.000 anni. Quindi la domanda è  quella di Enrico Fermi: dove sono tutti questi Alieni? La risposta è complicata, ma al momento esula l’aspetto scientifico ed entra nella filosofia o nella pura fantascienza. Riguardo alle qualità di queste ipotetiche civiltà, noi siamo sicuramente gli ultimi arrivati e gli ultimi ad aver raggiunto un certo livello scientifico (abbiamo solo decine di anni dall’inizio dell’era nucleare, dell’intelligenza artificiale, delle esplorazioni spaziali); qualuque civiltà con cui entreremmo in contatto ci  sarebbe sicuramente tecnologicamente molto superiore.  Ma le civiltà galattiche, forse, non vengono  giudicate dal loro progresso scientifico bensì dalle loro capacità creative. Allora, forse, Mozart, Leonardo, Hegel potrebbero aver reso la razza umana un mito tra le  razze di tutta  la galassia!”

 

La teoria che ha esposto assieme ai suoi colleghi indiani ci apre in qualche modo la strada per agganciare queste eventuali realtà?
“Altre civiltà  sono già dappertutto e probabilmente sono già qui. Hanno ottimi motivi per non voler comunicare con noi, il principale dei quali è il non voler alterare la nostra naturale evoluzione culturale di razza giovanissima, la cosa più preziosa che noi abbiamo e che è ambita dalle razze mature. I risultati del nostro articolo non forniscono una scorciatoia per  un contatto con ET; affermano invece che noi potremmo scambiare, per effetto naturale, delle conseguenze di una modificazione  artificiale dell’universo che ci circonda da parte di entità senzienti”.

Flavio Vanetti

Fonte


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.