giovedì 19 febbraio 2015

Ondata di avvistamenti UFO in tutto il mondo. Ma l'umanità è pronta ad un incontro con esseri alieni?

Gli avvistamenti UFO in tutto il mondo sono in aumento. Questo la dice la casistica. E sempre più persone avvistano UFO. Le ultime dichiarazioni di Jhon Podesta, consigliere del presidente Obama, non danno adito a dubbi sull'origine del fenomeno - " Dobbiamo informare la gente che abbiamo incontrato gli alieni e che siamo in contatto con loro da anni" 

Obama-John-Podesta

Dietro gli UFO, quindi, ci sono intelligenze extraterrestri. Questo conferma quanto già dichiarato da altre personalità politiche come l'ex ministro canadese Paul Hellyer, che fecero tanto scalpore, che ammise il fatto che molte razze aliene non sono molto lontane e sono intorno a noi. Poi ci sono le dichiarazione del primo ministro russo Medvedev, che nel 2012, in un fuori onda televisivo disse candidamente - " Insieme alla valigetta con i codici per il lancio dei missili nucleari, al capo del Cremlino vengono consegnati anche diversi fascicoli top secret, tra cui quelli che riguardano gli alieni. Per maggiori dettagli guardate il documentario russo "Men in Black" ( e non il film Holliwoodiano, come hanno erroneamente scritto alcuni incompetenti - n.d.b. ) . Il dossier in questione contiene informazioni sugli alieni che visitano il nostro pianeta. Non posso dirvi quanti alieni sono presenti tra noi, altrimenti si scatenerebbe il panico "



Ma a questo punto la domanda sorge spontanea. Quanto l'umanità è pronta ad un contatto con civiltà extraterrestri più evolute di noi spiritualmente, socialmente e tecnologicamente parlando?

Una cosa è certa, se una o più astronavi dovessero manifestarsi in maniera spettacolare, da non dare più adito a dubbi neanche ai scettici più incalliti, i primi a subirne le conseguenze sarebbero i governi di tutto il mondo e lo "status quo" in generale. Non sono invece d'accordo, su quanto dichiarato da alcuni giornalisti o pseudo sociologi, che sostengono che ci si sarebbero conseguenze anche per le varie religioni della Terra. Ad esempio, nelle scritture Vediche, che io seguo, non si è fatto mai mistero, che l'uomo non è l'unico essere intelligente dell'universo, e questo da tempi non sospetti. Già 5000 anni fa, si parla di esseri alieni, definiti esseri celesti, che arrivano sulla Terra grazie a "dimore aeree" che ricordano molto le colonie spaziali di O'Neill.

http://www.contattoamico.com/wp-content/uploads/2014/09/vimana8.jpg

 Anche nel Vecchi Testamento si parla in Ezechiele e non solo, di navi spaziali pilotate da esseri non certo terrestri, e così via.

http://2.bp.blogspot.com/-1fWS2DwhTKo/UjSAj9tAd2I/AAAAAAAAAPA/_h-shlZoCKg/s400/Ufo+Ezechiele.jpg
 Il contraccolpo più grosso, a mio avviso, lo avrebbe la scienza, o meglio ancora, un certo tipo di scienza oscurantista, che rimasta al tempo del medio evo, continua a considerare la Terra al centro dell'universo, e l'uomo, unica forma di vita senziente dell'universo, disconoscendo, come fa lo struzzo stupidamente mettendo la testa sotto la sabbia, i milioni di avvistamenti UFO, fatti non solo da persone comuni, ma anche da personale addestrato a distinguere lucciole da lanterne, come militari ed astronauti.

http://www.circlemakers.org/Img/chilblandscape01.jpg

 Nel Blue Planet Project, un documento redatto fraudolentemente da alcuni scienziati che hanno lavorato a servizio dell'esercito USA, a progetti di recupero di scafi alieni e conseguentemente, dei suoi occupanti, si parla di ben 160 specie di alieni, che visitano e risiedono sulla Terra. Alcuni di essi, addirittura lavorano per l'esercito USA, in segretissime basi militari sotterranee.

http://www.ufo-disclosure.net/wp-content/uploads/2014/04/blue-planet-project.jpg

 Il problema è un altro. Avete mai provato a svegliare chi fa finta di dormire. Difficile riuscirci. Il problema è solo questo. Da parte di molti, non c'è la volontà ad accettare la realtà. Questo comporterebbe un cambiamento negli stili di vita di milioni di persone, un cambiamento, che implicherebbe il superamento di certi egoismi che non tutti sono desiderosi di affrontare, perchè comportano un lavoro da fare su se stessi, che comporta fatica, e non tutti sono disposti a lasciare vecchi concetti comodi e rassicuranti, ma sbagliati, per adottarne di nuovi, più aderenti alla realtà di una civiltà veramente civile ed evoluta, ma che comportano fatica e sacrificio per essere raggiunti e vissuti.


 Ma il cambiamento è ineluttabile, chi saprà adattarsi a tutto ciò sopravviverà, chi invece cercherà di fare resistenza soccomberà.


Oliviero Mannucci

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.