sabato 14 febbraio 2015

Questa donna potrebbe partorire il primo marziano

Una studentessa britannica di ventiquattro anni è candidata per iniziare la colonizzazione di Marte

 Questa donna potrebbe partorire il primo marziano

Escludendo alcuni membri scettici, la comunità scientifica è d’accordo nel sostenere che oggi non c’è vita su Marte. Un po’ più controversa la domanda se c’è mai stata in passato. In ogni caso, sembra solo una questione di tempo. La vita su Marte arriverà in un futuro non lontano. I progetti per inviare una spedizione umana su Marte sono già in corso. Arriveranno sul pianeta rosso per colonizzarlo e formare la prima comunità umana fuori dall’atmosfera del pianeta terra.
Un processo che porterà a un evento straordinario: la nascita del primo bambino marziano. Tra le candidate per questo incredibile passo dell’umanità c’è Maggie Lieu , la cui storia è stata pubblicata su “Coventry Telegraph ‘ . Maggie ha 24 anni, studia astrofisica presso l’Università di Birmingham ed è tra i 600 finalisti in gara per far parte di ” Mars One ‘. Questa iniziativa privata mira a creare un reality show TV inviando 40 persone su Marte nel 2025, con biglietto di sola andata. AL casting si sono presentati circa 200mial candidati e questa ragazza britannica ha superato le varie fasi fino alla finale.
Nonostante la sua giovane età, Maggie è sicura di sè: vuole indossare il casco e salire sulla navicella per non tornare mai più. E una volta giunta in terra rossa, si impegnerà a colonizzare il pianeta con nuovi abitanti. “Per avviare una colonia dobbiamo avere figli su Marte e ciò potrebbero verificarsi. E’ una sfida, nessuno ha indagato il parto in circostanze di bassa gravità. Sarebbe divertente, perché il primo bambino nato su Marte sarebbe il primo marziano”, spiega la candidata.
Temperature da congelamento, alti livelli di radiazioni e il rischio costante di morire di fame e sete, sono alcune delle complicazioni che Lieu dovrà affrontare se diventerà veramente una madre a milioni di chilometri dalla Terra. Inoltre, per adattarsi alla vita su Marte sarà necessario sviluppare nuove competenze all’interno di una gamma che spazia dall’agricoltura alla medicina. Nessuno potrà aiutare la spedizione dal momento in cui inizia il viaggio.
Lungi dal batter ciglio, Maggie Lieu non vede l’ora di decollare. “Ho più voglia di farlo ora rispetto a quando è iniziata la selezione, perché ora sembra più reale“, dice. Partecipare al progetto “Mars One” costerà più di 6 miliardi di dollari. Il piano è che gli astronauti viaggeranno in quattro, ad intervalli di due anni, in modo che la colonia non superi i 20 abitanti fino al 2035. Da allora, l’aspirante “Mamma marziana” avrà già 44 anni… e chi lo sa, potrebbe già aver partorito un piccolo alieno.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.