lunedì 20 aprile 2015

La Nasa studia il brevetto sardo per costruire insediamenti lunari

Collaborazione università e distretto aerospaziale per lo sviluppo di mattoni e materiali da costruzione «a chilometro zero» su altri corpi celesti

http://www.esa.int/var/esa/storage/images/esa_multimedia/images/2013/01/3d-printed_lunar_base_design/12501079-1-eng-GB/3D-printed_lunar_base_design.png

 Mattone lunare made in Italy, in Sardegna. La Nasa è interessata al brevetto ottenuto all’Università di Cagliari dal professor Giacomo Cao per la produzione di un materiale da costruzione partendo da elementi presenti sulla superficie del nostro satellite naturale come l’ilmenite. Le trattative sono in corso. Oltre a questo la Nasa di Houston sta esaminando un secondo brevetto sempre del professor Cao dedicato all’estrazione di sostanze dall’atmosfera o dal suolo di Marte utili alla sopravvivenza dopo il futuro sbarco. La ricerca frutto del «Progetto Cosmic» da cui sono nati appunto i brevetti, era stata finanziata dall’Agenzia Spaziale Italiana.

 

Fonte 

http://www.cityville-italia.it/wp-content/uploads/2013/02/cityville-case-3porcellini.jpg
Le case dei tre porcellini. In caso di uragano quale rimarrebbe più probabilmente in piedi?

 

 

Commento di Oliviero Mannucci: Cara NASA, un suggerimento, che ne dite di svuluppare un modulo abitataivo anti uragano, visto che gli USA ne sono continuamente colpiti ( e in molte di queste zone si continua a costruire case di legno). Io è un pò di tempo che ci penso, e anche se non sono un ingegnere ( sono un tecnico dell'animazione), ho buttato giù qualche idea. Se vi interessa contattatemi: oliviero65@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.