sabato 26 aprile 2014

Chernobyl, 28 anni fa la tragedia che cambiò l’Europa

Il 26 aprile 1986 alle 1.23 nella centrale nucleare V.I. Lenin, in Ucraina settentrionale (all’epoca parte dell’Urss), espode il reattore. Muoiono 31 persone.
Ma, oltre a loro, le vittime saranno tutti coloro che sono stati contaminati dalla nube radioattiva in tutta Europa, causando malattie, altri decessi e malformazioni. 

 http://www.ilcambiamento.it/foto/250/radiazioni_chernobyl.jpg 

Il disastro nucleare di Chernobyl lascia ancora oggi tracce di sé ed è ricordato come il peggiore tra gli incidenti nucleari.
A 28 anni dalla tragedia, l’organizzazione ambientalista Green Cross lancia un appello «per non abbandonare le famiglie che, ancora oggi, anche attraverso i loro figli e nipoti, portano i segni fisici e psicologici della contaminazione».

 http://1.bp.blogspot.com/-zU0UTmRc4HY/T_XRLkmM5uI/AAAAAAAAMy0/4j60TwCC-2o/s1600/uranio_3.jpg
Secondo uno studio condotto dalla filiale svizzera di Green Cross, «oltre 9,9 milioni di persone vivono ancora nelle aree inquinate dalle radiazioni a seguito dell’incidente: in Bielorussia il dato oscilla tra 1,6 e 3,7 milioni di persone, in Russia tra 1,8 e 2,7 milioni e in Ucraina tra 1,1 e 3,5 milioni».
L’associazione ricorda che da quasi vent’anni è impegnata in Russia, Bielorussia e Ucraina, e dal 2012 anche in Giappone, attraverso il programma Socmed a sostegno delle popolazioni locali”. I Therapy Camps (campi di terapia), afferma Green Cross, «ogni anno permettono a circa 1.000 ragazzi di vivere in un ambiente sano e pulito e di disporre di cure mediche adeguate, riducendo il livello di contaminazione tra il 30 e l’80% e coinvolgono complessivamente in attività assistenziali oltre 31.000 persone.
 http://www.greenpeace.it/mayak/foetus2-b.jpg

I Mother and Child Clubs (club madri e figli), gruppi di formazione per insegnare alle madri come ridurre i livelli di radioattività nei prodotti alimentari, interessano ogni anno più di 4.200 donne. Infine, ci sono i Mobile Bus, pulmini attrezzati che forniscono cure e consulenze mediche a bambini e famiglie in difficoltà».
«Le persone colpite dal disastro nucleare di Chernobyl hanno ancora bisogno di un sostegno mirato per creare nuovi mezzi di sostentamento e tornare ad essere autosufficienti»: lo ha detto il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, in occasione del 28 esimo anniversario del disastro, plaudendo alla determinazione degli abitanti dei territori colpiti per far sì che la vita nella regione torni alla normalità.
Il segretario generale ha lanciato un appello alla comunità internazionale affinché sostenga ulteriormente il processo di recupero e di sviluppo sostenibile della regione, ottimizzi le conoscenze acquisite per il bene comune, e faccia tutto il possibile per prevenire qualsiasi disastro nucleare in futuro.
In Italia, dichiara Ermete Realacci del Pd: «Il 26 aprile rappresenta inoltre uno spartiacque: non solo per i danni ambientali e sanitari legati alla scelta nucleare, ma anche perché l’energia atomica si è rivelata un pessimo affare».
Ermete Realacci sottolinea: «Vanno ringraziati ancora una volta gli italiani, che con saggezza con il referendum del giugno 2011 hanno fermato il ritorno del nucleare in Italia, un’impresa vecchia, sbagliata e antieconomica».
Se oggi, sostiene Realacci, «Enel fosse impegnata nella costruzione di nuove centrali nucleari nel Paese, correrebbe il rischio di essere una bad company. Ma questa ricorrenza sia anche un’occasione per guardare avanti e preparare il futuro del settore energetico investendo sulla ricerca, sul risparmio energetico, sull’efficienza, sulle fonti rinnovabili».
«Tutti campi in cui l’Italia può dare molto, grazie anche alle recenti nomine indicate dal Governo ai vertici delle partecipate, e che possono rappresentare il vero futuro per il nostro Paese», conclude Realacci.

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.