venerdì 17 ottobre 2014

ESEMPIO D'IGNORANZA SCIENTIFICA E GIORNALISTICA- Pioggia di meteoriti nei cieli del Brasile. Vengono da Orione

Ufologi scatenati sui social network e centralini della polizia intasati. Ma la Società astronomica di Recife smorza l'allarme: "Sono palle di fuoco ma non sono un pericolo per la popolazione"

Pioggia di meteoriti nei cieli del Brasile. Vengono da Orione

Secondo gli specialisti, le "palle di fuoco", fotografate e postate sui social network da decine di utenti, non sono altro che la "pioggia di meteoriti Orionidi" cominciata martedì 14 ottobre e che si concluderà il prossimo 29 ottobre. "Si tratta di palle di fuoco chiamate bolidi o 'fireball'. Non sono un fenomeno molto comune ma non costituiscono alcun pericolo per la popolazione", ha assicurato il presidente della Sar, Everaldo Faustino. "I meteoriti provengono dalla costellazione di Orione, dove è localizzato anche il gruppo di stelle conosciute in America latina con il nome di Tre Marie".

 Fonte

Il fenomeno è comune, tale pioggia di meteoriti, all'interno della quale si possono verificare dei bolidi avviene ogni anno

Dalla Enciclopedia Treccani: Orionidi Sciame meteorico ( meteora), con radiante nella costellazione di O., che presenta il massimo di attività fra il 20 e il 23 ottobre. È associato alla cometa di Halley.

Quindi se avviene ogni anno, come vi dicevo, è un fenomeno comune. Ma la cosa che mi fa più ridere, e che i giornalisti prima prendono in giro gli ufologi, che sono entrati in allarme, giustamente, perchè quando vi sono questi sciami meteorici, la casistica insegna che gli alieni ne approfittano per dare meno nell'occhio, e si mescolano alle traiettorie dei regolari meteoriti per non farsi notare più di tanto. Ma poi scrivono: " I meteoriti  provengono dalla costellazione d'Orione, dove è localizzato anche il gruppo di stelle conosciute in America latina con il nome di Tre Marie". 

Se provvenissero veramente dalla costellazione da Orione, allora si che si potrebbe parlare di UFO, anzi di vere e proprie navi aliene. Sarebbe stato meglio dire, che tali meteroriti hanno origine dal radiante della costellazione d'Orione. Che cos'è un radiante? E da dove hanno origine i meteoriti?

Quando la Terra interseca lungo la sua orbita della polvere  lasciata lì da qualche cometa passata precedentemente, la polvere entrando in contatto con l'atmosfera s'incendia e nella maggior parte dei casi non giunge a terra. Il radiante è quindi un punto APPARENTE del cielo, che convenzionalmente viene chiamato con il nome della costellazione alla quale si sovrappone. Ma ripeto è solo un punto apparente, non è che le meteore Orionidi arrivino dalle stelle della costeallazione d'Orione, che tra l'altro, è un altra convenzione arbitraria creata dall'uomo, in quanto, le costellazioni, a parte qualche rarissimo caso, sono formate da stelle che nello spazio tridimensionale stanno ognuna per i fatti suoi nello spazio anche a distanze e posizioni molto diverse, e che solo perchè ci appaiono come se fossero su un piano bimidensionale ci ricordano delle forme di cose a noi note alle quali abbiamo dato un nome e dei confini. Ma le costellazioni, sia ben chiaro, non esistono. L'altra cosa divertente è che gli scienziati  devono smetterla di spararle grosse, quando dicono che le piogge meteoriche non sono un rischio per la popolazione. Si dovrebbe parlare di rischio remoto, ma non di non rischio. Leggete qui sotto questa lista tratta da Wikipedia:

Danni a persone, animali o cose


  • Un caso, in tempi moderni, di una persona colpita da una meteorite si verificò il 30 novembre 1954 a Sylacauga, Alabama, USA. Una meteorite di circa 4 kg ruppe il tetto di una casa e colpì la signora Ann Elizabeth Hodges nel suo soggiorno, dopo essere rimbalzata sulla radio. La signora non ebbe altre conseguenze oltre ad una ferita superficiale.
  • Altro caso accadde il 19 febbraio 1956 nelle prime ore del mattino a Sinnai, in Sardegna, e dopo aver sfondato il tetto di una casa ferì una persona che si trovava all'interno. Il meteorite è probabilmente una condrite H6 chondrite.[10]
Riguardo ai danni provocati dalla caduta di meteoriti esiste un'ampia casistica[11][12], tuttavia non sempre nelle statistiche si fa distinzione tra oggetti artificiali, come i rifiuti spaziali e le meteoriti vere e proprie.
  • In alcuni casi, come per esempio il 9 ottobre 1992 a Peekskill, New York, USA[13] e il 26 marzo 2003 a Park Forest, Illinois, USA[14] sono stati documentati i danni causati dalla caduta di meteoriti: a Peekskill è stato perforato il bagagliaio di un'auto e a Chicago è stata distrutta una stampante.
  • Il 18 maggio 1988, sulla zona di Torino ovest, cadde una pioggia di frammenti di meteorite. Uno, del peso di 800 g piombò nel parcheggio dello stabilimento Aeritalia (attualmente Alenia), in corso Marche. Curiosamente l'azienda in questione costruisce, fra l'altro, anche scudi di protezione anti-meteorite per satelliti artificiali. Altri frammenti vennero raccolti a Pianezza, Collegno e Borgata Leumann. Il campione principale è conservato presso la stessa Alenia. Si tratta di una Condrite, H.[15]
  • Il 15 febbraio 2013, alle ore 9:22 locali, il meteoroide KEF-2013 è esploso sopra sei città della zona di Čeljabinsk, nel distretto di Satka sui monti Urali in Russia. L'onda d'urto ha frantumato molti vetri degli edifici, causando il ferimento di circa 1200 persone.[16]

Altri casi

  • Il 30 giugno 1908, un meteorite si è schiantato in Siberia, nella zona in cui scorre il fiume Tunguska.
  • Nel 2000 un meteorite di circa 180 tonnellate di peso è caduto a circa 26 km di distanza dalla città di Whitehorse, nello Yukon canadese.
  • Nel 2006 un meteorite ha colpito una zona presso Reisadalen, in Norvegia.
  • Nel 2008 è successo il primo caso di meteorite scoperta ancora nello spazio come asteroide in rotta di collisione con la Terra, 2008 TC3, caduto il 7 ottobre 2008 in Sudan.
Fonte:[17]

Oliviero Mannucci: quindi ricapitolando, gli unici che si sono scatenati a spararle grosse sono i giornalisti che scrivono questi articoli e gli scienziati che non sanno quello che dicono. Guiardate il video sottostante e vedrete come sono inoffensivi certi meteoriti, cazzo!


Chelyabinsk Meteor Shockwave Compilation 

 Oliviero Mannucci: avete visto ora i danni che possono provocare? Questo ad onore della verità!




Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.