lunedì 19 maggio 2014

Nucleare? No, Grazie! - Giappone: controlli medici a vita per 20 mila tecnici di Fukushima


giapponefukushima

Un gruppo di esperti socio-sanitari dell’esecutivo giapponese ha raccomandato ai 20 mila operai impiegati per contenere la crisi nucleare di Fukushima durante la sua prima fase di effettuare controlli medici a vita. Secondo i consulenti, potrebbero essere stati esposti ad elevate dosi di radiazioni.
L’iniziativa è stata proposta da un gruppo di esperti del ministero della Salute per monitorare la salute dei professionisti intervenuti nelle fasi iniziali della catastrofe, riferisce l’agenzia di notizie locale Kyodo.
I controlli si effettueranno sui 20 mila lavoratori impiegati nelle “operazioni d’emergenza” realizzate presso la centrale Fukushima Daiichi tra marzo 2011 e dicembre 2012, hanno detto fonti governative all’agenzia.
Intervistato dalla televisione statale Nhk, il capo del pannello di esperti, Toshiteru Okubo, ha detto che i controlli permetteranno di raccogliere dati di “rilevanza internazionale” sull’impatto delle radiazioni sulla salute umana.
La società che gestisce la centrale di Fukushima Daiichi, la Tokio Electric Power (Tepco), ha già sottoposto a visita medica circa 800 tecnici nel maggio 2011, quasi due mesi dopo il tragico incidente.

Luca Pistone

Fonte

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.