sabato 4 ottobre 2014

Unione Europea oltre i limiti, uno stile di vita da 2,6 pianeti

http://www.terranauta.it/foto/decrescita1242201782.jpg

I Paesi dell'Unione europea vivono oltre i livelli di risorse disponibili di un solo pianeta e fanno pesantemente affidamento su quelle di altri Paesi. Se tutti gli abitanti della Terra mantenessero il tenore di vita di un cittadino europeo medio, l'umanità avrebbe bisogno di 2,6 pianeti per sostenersi. E 2,6 pianeti è anche l'impronta ecologica dell'Italia. Lo rileva il Living Planet Report 2014.
Nella poco lusinghiera classifica dell'impronta ecologica dei paesi Ue, si piazzano nella top five Danimarca e Belgio (entrambe con un'impronta ecologica pari a 4,3, cioè il numero di pianeti che servirebbero per mantenere il tenore di vita di questi Paesi), Svezia (3,7), Olanda (3,6) e Irlanda (3,2). L'Italia si ferma a 2,6, ma significa comunque che consumiamo più del doppio delle risorse naturali che il Pianeta è in grado di fornire.
L'impronta di carbonio dell'Europa costituisce quasi il 50% della sua impronta ecologica totale, a causa dell'uso di combustibili fossili come carbone, petrolio e gas naturale. Le emissioni globali di anidride carbonica, principale causa del riscaldamento globale, incidono già negativamente sulla biodiversità del pianeta e sulla sua biocapacità inficiando il benessere umano, con particolare riguardo al cibo e all'acqua.
Secondo il Wwf, però le soluzioni sono a portata di mano. Il Consiglio europeo che si terrà a Bruxelles il 23 e 24 ottobre vedrà i capi di Stato e di governo decidere sul pacchetto Clima ed energia dell'Ue fino al 2030; mentre a livello globale, la Conferenza delle Parti della Convenzione sui Cambiamenti Climatici Onu che avrà luogo a Lima a dicembre e quella di Parigi nel 2015, costituiranno la sede per chiudere l'accordo globale per contenere gli effetti pericolosi del riscaldamento globale.
Il Wwf si dice preoccupato che l'ambiente sia stato declassato nelle nuove proposte della Commissione Europea. "Crediamo - fa sapere l'associazione - che un'agenda ambientale lungimirante e innovativa debba comprendere la green economy e i green jobs così come i legami tra ambiente, sviluppo, cambiamento climatico, politica estera e sicurezza".
"Ancor peggio di questo crediamo che l'ambiente sia stato retrocesso con queste nuove proposte. Il mandato ambientale con le direttive Uccelli e Habitat sta chiaramente andando nella direzione della deregolamentazione, e quindi la strategia dell'Ue sulla biodiversità fortemente minacciata".

Fonte


Se ognuno seguisse lo stile di vita americano servirebbero 3,9 pianeti come la Terra: il report del WWF e i problemi dello sviluppo sostenibile

 http://static.pourfemme.it/625X0/dieta/pourfemme/it/img/junk-food.jpg


Ogni anno il WWF redige un report per verificare lo stato di "salute" della Terra e stabilire l'impatto che le attività esercitate dall'uomo hanno sulla flora, la fauna e le risorse naturali del pianeta. Il Living Planet report edizione 2014 contiene dei dati agghiaccianti, in particolare una riduzione della popolazione di vertebrati di circa il 50% se comparata con quella registrata negli anni '70. Per giungere a questa conclusione il WWF ha adottato il Living Planet Index, il quale ha utilizzato come campione di ricerca circa 10 mila vertebrati appartenenti a 3 mila specie diverse.
La drammaticità di questa situazione è stata evidenziata con chiarezza da Marco Lambertini, direttore generale di WWF International, il quale ha commentato il report sostenendo che: "La nostra impronta sul pianeta sta aumentando. Noi stiamo pescando più pesci di quelli che possono riprodursi; stiamo tagliando più alberi di quelli che possono ricrescere, stiamo producendo più CO2 rispetto a quella che può essere assorbita dagli oceani. Siamo su un cammino caratterizzato da una totale insostenibilità".

Il tema dello sviluppo sostenibile, inteso come sfruttamento delle risorse presenti con contestuale valutazione dei beni a disposizione delle generazioni future, è entrato solo di recente nelle agende politiche dei leader mondiali. La questione venne affrontata per la prima volta negli anni '70 quando a causa del perdurare del conflitto tra Israele e Palestina diversi paesi arabi ridussero le esportazioni verso l'occidente. In quel momento si verificò una crisi energetica che spinse gli Stati che ne furono affetti a valutare non solo l'uso di energie alternative ma anche l'idea di ridimensionare il consumo delle risorse naturali data la loro evidente limitatezza. Negli anni successivi diverse agenzie dell'ONU, ONG e scienziati indipendenti hanno contribuito ad una maggiore definizione del concetto di sviluppo sostenibile. Una sua definitiva affermazione, sia a livello nazionale che internazionale, si è avuta a seguito del così detto rapporto Brundtland, redatto dalla Commissione mondiale sull'ambiente e lo sviluppo. Nel documento, rilasciato nel 1987, si legge che: "Lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfi i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri".
Nonostante l'adozione di una serie di risoluzioni internazionali e di atti a livello statale volti a garantire l'implementazione di questo sistema, il report redatto dal WWF sembra dimostrare che la piena realizzazione di quello sviluppo sostenibile di cui parlava Brundtland è decisamente lontana. Molti Stati, infatti, continuano ad avere uno stile di vita che è assolutamente incompatibile con la limitatezza e l'esauribilità delle risorse presenti sul pianeta. Gli esperti del WWF hanno calcolato che se ogni abitante della Terrà assumesse le abitudini di consumo dell'americano "medio", servirebbero circa 3,9 pianeti per sostenere l'intera umanità. Ciò non vuol dire che solamente l'occidente, in particolare gli Stati Uniti, rappresentano il principale ostacolo all'implementazione di un sistema eco-sostenibile. Il Qatar, ad esempio, presenta abitudini di consumo addirittura peggiori rispetto a quelle degli Stati Uniti, le quali richiederebbero 4,8 pianeti come la Terra se fossero seguite dall'intera popolazione mondiale.
Esistono delle soluzioni a questo problema? Una possibile risposta è stata fornita da Marco Lambertini secondo cui la situazione, pur essendo classificabile come una grave emergenza, è caratterizzata anche da alcune note positive. Il pianeta non è mai stato così consapevole dei problemi che affliggono l'ecosistema e delle possibili soluzioni che possono essere adottate. Le nazioni interessate al tema dello sviluppo sostenibile si sono moltiplicate così come la partecipazione di altri soggetti non statali, in particolare grandi compagnie private e movimenti più o meno ampi volti a promuovere la protezione del pianeta. In questo contesto agenzie specializzate delle Nazioni Unite e NGO come il WWF hanno un ruolo fondamentale nella predisposizione di un progetto unitario, agendo come catalizzatore rispetto a tutte quelle spinte che tendono verso lo sviluppo sostenibile.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.