mercoledì 18 marzo 2015

Astronomia: nuovi indizi sulla composizione chimica della superficie di Mercurio

Gli scienziati hanno usato un nuovo metodo per la produzione di mappe globali sul rapporto tra magnesio/silicio e alluminio/silicio sulla superficie di Mercurio

 

 



Gli scienziati hanno usato un nuovo metodo per la produzione di mappe globali sul rapporto tra magnesio/silicio e alluminio/silicio sulla superficie di Mercurio

mercurio 





Grazie a due recenti studi del team scientifico che lavora alla missione MESSENGER (MErcury Surface, Space ENvironment, GEochemistry and Ranging) della NASA, vi sono nuovi indizi circa la composizione chimica della superficie di Mercurio. Sono state create delle mappe su scala globale che rivelano alcune caratteristiche geochimiche sconosciute in precedenza.
La sonda è stata lanciata nel 2004 ed è arrivata nel marzo 2011, e da quel momento i dati dall’X-Ray Spectrometer (XRS) e dal Gamma-Ray Spectrometer (GRS) hanno fornito informazioni sulla presenza di potassio, torio, sodio, cloro, uranio, silicio, siliciuro di magnesio, alluminio, zolfo, calcio e ferro. Gli scienziati hanno usato un nuovo metodo per la produzione di mappe globali sul rapporto tra magnesio/silicio e alluminio/silicio sulla superficie di Mercurio. Si tratta delle prime mappe geochimiche globali di Mercurio acquisite tramite la tecnica della fluorescenza a raggi X.  Il secondo studio invece mostra le prime mappe dell’assorbimento dei neutroni a bassa energia su tutta la superficie del pianeta.
I dati MESSENGER hanno dimostrato che la superficie di Mercurio è stata modellata dall’attività vulcanica. La variabilità chimica osservata offre nuovi indizi per comprendere la composizione di Mercurio e gli antichi processi geologici che hanno modellato il mantello del pianeta e la crosta


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.