domenica 15 marzo 2015

Un Oceano su Marte. Ecco la nuova scoperta della NASA

Fino ad ora sarebbe stato utopistico pensare che su Marte, un tempo, l'acqua avrebbe avuto un ruolo da protagonista. Ora non è più così

Un recente studio effettuato dalla NASA ha evidenziato la possibilità che sul "pianeta rosso", circa 4 miliardi di anni fa, un vasto Oceano sarebbe arrivato a coprire più del 20% della superficie totale del Pianeta. Lo studio è stato intrapreso attraverso l'utilizzo di potenti telescopi ad infrarossi, grazie ai quali è stato possibile mappare l'atmosfera di Marte, osservando la distribuzione delle due differenti tipologie di molecole d'acqua presenti: quella classica con i due atomi di idrogeno legati all'atomo di ossigeno, e una seconda caratterizzata dalla presenza del deuterio, un isotopo dell'idrogeno. Nel tempo l'acqua contenente i due atomi di idrogeno è stata gradualmente perduta nello spazio, mentre la forma caratterizzata dalla presenza del deuterio, più pesante, è rimasta in loco. Questo processo è stato utilizzato per individuare la quantità d'acqua presente originariamente sul Pianeta: più alta è la concentrazione di deuterio, più acqua è stata persa.

 

L'Oceano sull'emisfero settentrionale di MarteLe mappature ottenute tramite i telescopi hanno evidenziato elevate quantità di deuterio nell'acqua attorno alle calotte di ghiaccio presenti su Marte. Da ciò gli scienziati hanno dedotto che sul Pianeta, un tempo, la superficie ricoperta dall'acqua fosse decisamente vasta. Un'estensione tale da mettere in forte dubbio tutte le teorie finora portate avanti riguardo l'estrema difficoltà che il pianeta rosso fosse stato abitabile a causa dell'eccessiva mancanza di acqua, tale da non rendere possibile l'evoluzione della Vita. Gli studiosi sostengono che tuttora di quel grande "Oceano Marziano" ne sia rimasto soltanto il 13%, intrappolato sottoforma di ghiaccio all'interno delle calotte. Questo in seguito sia alla graduale dispersione delle molecole d'acqua verso lo spazio dovuta alla caduta di pressione dell'atmosfera marziana, sia alla progressiva riduzione della quantità d'acqua in forma liquida in seguito alla sempre minor insolazione ricevuta da Marte nel corso del tempo.

Insomma, siamo di fronte ad una notizia che potrebbe far cambiare completamente l'idea che fino ad oggi regnava riguardo allo scenario marziano passato. Charles Cockell, professore di Astrobiologia all'Università di Edimburgo, afferma: "Più è lungo il tempo di permanenza dell'acqua su una superficie planetaria, più è probabile che ciò renda l'ambiente più abitabile e di conseguenza più favorevole alla nascita e alla proliferazione della Vita".


Fonte


Commento di Oliviero Mannucci: Meglio tardi che mai, dico io! Peccato che la NASA non si decida a scavare nel sottosuolo marziano, dove di acqua c'è ne ancora moltissima popolata da una miriade di forme di vita!

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.