martedì 12 maggio 2015

RAI - Di tutto di più - Sei pronto a mangiare insetti? Spot della Raiin collaborazione con l'EXPO





Come riportato anche su questo blog non molto tempo fa, secondo la FAO gli insetti saranno il cibo mondiale del futuro e ciò sarà fondamentale nella lotta contro la fame nel mondo ( ? )

 Recentemente all'Expo sono state presentate delle specialità culinarie di insetti commestibili, dalle larve al cioccolato al vodka allo scorpione senza dimenticare le cavallette.
Ora, in collaborazione proprio con Expo, la RAI ha realizzato un video in cui si promuove il cibo degli insetti, che viene descritto dalla stessa oggi come un "cibo trasgressivo" ma ben presto normale e la cui adozione da parte degli occidentali avrà innumerevoli vantaggi, economici e ambientali prima di tutto.

Intanto, nei media da diverso tempo si sta promuovendo la nuova moda, e recentemente su "Repubblica", forse il quotidiano più "avanti" nel promuovere il "cibo del futuro", si sono sponsorizzati prodotti come gli scarafaggi in bustina, i grilli in bustina o i paté di vermi in paschetta.

"Insetti giganti in salsa di peperoncino", nel caveau dell'Expo i cibi del futuro

Per approfondire:http://www.expo.rai.it/mangiare-insetti/

http://milano.repubblica.it/expo2015/2015/05/11/news/insetti-114091046/

Fonte




Commento di Oliviero Mannucci: Bè, dove sta la novità? Ho diversi amici camerieri che mi raccontano quanti ristoranti già servono questo tipo di cibo, anche se più o meno accidentalmente. Scherzi a parte: la notizia mi sembra una gran stronzata, perchè non informa correttamente chi legge. Il problema della fame nel mondo si può risolvere adottando tutti una dieta vegetariana o vegana, altro che insetti! Cercate in rete quanta acqua e quanti cereali bisogna utilizzare per far sviluppare un chilo di carne ad un animale medio d'allevamento e capirete da voi quanto la dieta carnea sia dispendiosa, svantaggiosa per l'alimentazione umana e dannosa per l'ambiente. Se tutti nel mondo fossero vegetariani come me che lo sono da 30 anni, si potrebbero sfamare 15 volte la popolazione mondiale odierna, almeno dal punto di vista teorico. Eh si, perchè il problema, non riguarda solo la quantità di cibo disponibile, ma è anche politico. Voglio citare una frase che fu scritta su un muro alla fine di un film con Gianni Morandi: "Se un giorno la merda avrà valore, i poveri nasceranno senza culo " . Una frase che in sintesi significa, che finchè ci sarà chi è interessato a tenere una parte della popolazione mondiale nella fame ( vedi alcuni sponsor dell'EXPO 2015, Monsanto, Nestlè, Coca Cola, etc. ) il problema non sarà mai debellato, anche mangiando le cavallette!  L'altro dubbio che mi viene leggendo questa notizia, è che sia una sorta di preparazione della popolazione italiana a ciò che porterà il governo Renzi se continua così, vista la situazione che va sempre più a peggiorare.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.