venerdì 1 maggio 2015

UFO avvistato in una foto della NASA di 55 anni fa

ROMA - Una foto di 55 anni fa scattata durante la missione Mercury ha riacceso il dibattito sul web su avvistamenti UFO e astronavi aliene.
Scott C. Waring ha pubblicato sul portale UFO Sightings Daily l'immagine presa dagli archivi della NASA affermando che nello scatto è visibile "qualcosa di estremamente insolito".
La foto è stata scattata dalla capsula senza equipaggio Mercury-Redstone 1A, un progetto iniziato nel 1958 e concluso nel 1963.
Secondo Waring l'oggetto inspiegabile sullo sfondo è una astronave aliena, che galleggiava nello spazio per osservare la capsula Mercury.
"Perché gli alieni non avrebbero dovuto essere interessati a guardare un momento storico nella storia umana? Tanto più che la capsula era senza equipaggio, non c'erano preoccupazioni che sarebbero stati visti" ha scritto sul suo blog.


ufo-nasa-foto

In breve, la serie di scatti incriminata, sarebbe la prova che gli alieni ci stanno osservando da tempo.
L'immagine è stata presa come parte del Progetto Mercury, la prima missione degli Stati Uniti per testare la possibilità di mandare l'uomo nello Spazio.

Gli obiettivi del programma erano quelli di mandare in orbita un veicolo spaziale con equipaggio umano intorno alla Terra, indagare sulla capacità dell'uomo di rimanere nello Spazio, e recuperare sia l'astronauta che la navetta in modo sicuro.
Il primo astronauta degli Stati Uniti fu Alan Shepard, il cui volo suborbitale della capsula spaziale Freedom 7 del 5 maggio 1961, è stato il primo successo del programma Mercury.

ufo-nasa-missione-mercury-foto-1960

Questa non è la prima volta che i cacciatori di UFO hanno perlustrato le vecchie immagini della Nasa, nella speranza di trovare prove di vita aliena.
All'inizio di quest'anno, Waring ha affermato di aver visto due misteriosi oggetti luminosi in una foto della missione Gemini nel 1966.

ufo-gemini-mission

Molti scienziati ritengono che avvistamenti UFO come questi, siano riconducibili ad un fenomeno psicologico chiamato pareidolia.
Si tratta di una propensione del cervello a vedere oggetti significativi in luoghi casuali.

"La maggior parte di queste immagini sono vaghe e sfuggenti come quelli pubblicate da testimoni UFO sulla Terra, e molte hanno una spiegazione piuttosto banale," ha detto Nigel Watson autore del Manuale Indagini UFO al DailyMail.com
"Il problema è che il più NASA nega queste cose o le spiega, più la gente pensa che ci sia una cospirazione per nascondere la verità che gli alieni stanno visitando il nostro pianeta".
 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.