sabato 7 maggio 2011

Verano, folla ai funerali di mamma Nespoli: Paolo manda una lettera

Verano, funerali di Maria Motta Nespoli: il direttore del progetto Esa Thomas Reiter porte le condoglianze a una delle due sorelle di Nespoli, Antonella (Foto by FABRIZIO RADAELLI)

Verano, folla ai funerali di Maria Motta Nespoli: secondo da sinistra il sindaco Renato Casati, alle sue spalle il direttore del progetto Esa Thomas Reiter e prima da destra la collega di Paolo Nespoli Samantha Cristoforetti (Foto by FABRIZIO RADAELLI)

Verano - Ai funerali, mercoledì pomeriggio, Raoul, Antonella e Lia Nespoli erano in prima fila. Il quarto figlio, Paolo, da dicembre sulla Stazione spaziale internazionale, era presente spiritualmente e ha affidato una lunga lettera alla collega dell'Esa Samantha Cristoforetti. Un grave lutto ha colpito il 54enne astronauta brianzolo che ancora per qualche settimana sarà impegnato sulla stazione che orbita a 400 km dalla Terra. Nel tardo pomeriggio di lunedì, nella villetta di via Parini, si è spenta mamma Maria. Aveva 78 anni. La moglie di Paolo, Alexandra, è volata a Verano da Houston nei giorni scorsi con la piccola Sofia, quando le condizioni di salute di Maria Motta, aggredita da una malattia dal decorso rapido, sono precipitate. Alle 15.05, proprio mentre il parroco don Giovanni Rigamonti dava il via alle esequie e la Iss sorvolava l'Italia, Nespoli ha osservato un minuto di silenzio con il resto dell'equipaggio e del centro di controllo dell'Esa. Prima della funzione, l'astronauta Cristoforetti è salita sull'altare per leggere il messaggio arrivato dalle stelle: «A chi le chiedeva se fosse orgogliosa dei suoi figli, mamma rispondeva, dito indice della mano destra alzato: "Non sa quante me ne hanno fatte passare". Lo diceva a chiunque, persino al presidente della Repubblica», così Nespoli che ha ricordato i rimproveri presi da ragazzino quando portava a casa le radio vecchie dalla raccolta rottame organizzata dall'oratorio, o quando con gli amici faceva scorribande" per il paese sulla Cinquecento di mamma. Quegli stessi amici oggi cinquantenni a cui, ancora qualche settimana fa, indice destro puntato in alto, mamma Maria diceva: «State in silenzio voi, che mi avete sfondato l'auto e non me l'avete ancora ripagata». Gioviale, socievole, amante della vita, forte e determinata, compassionevole e sensibile: così mamma Maria per il figlio Paolo, con cui in queste settimane di missione era in costante contatto in videoconferenza. « A dicembre, quando sono partito - ha concluso Nespoli - non mi aspettavo di non poterla più rivedere».
Alessandra Botto Rossa

Fonte: http://www.ilcittadinomb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.